BMW anno 2002 disponibili su AutoScout24.it

Trova la tua auto da sogno
Non è disponibile al momento alcun prodotto con i criteri di ricerca selezionati, oppure potrebbe essersi verificato un errore.
Nuova ricerca

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Ferrari 360, supercar versatile ed innovativa

La Ferrari 360 è una vettura sportiva prodotta dalla casa di Maranello dal 1999 al 2004. È considerata l'erede della Ferrari F355, ma solo per quanto riguarda l'appartenenza alla categoria delle Ferrari con motore V8 posteriore, in quanto si tratta di un progetto completamente nuovo. Realizzata inizialmente solo in versione berlinetta o coupé con denominazione Ferrari 360 Modena, nel 2000 fu prodotta anche in versione scoperta, denominata Ferrari 360 Spider.
Lo stile della Ferrari 360 è seguito interamente da Pininfarina, come per gran parte dei modelli Ferrari. Il frontale è dominato principalmente dalle 2 ampie prese d'aria poste ai lati del paraurti anteriore, scelta che di fatto elimina la classica calandra centrale che aveva caratterizzato molte delle precedenti vetture del cavallino. I fanali anteriori per la prima volta dal 1975 non sono a scomparsa, bensì a vista e carenati da una protezione aerodinamica in plexiglass. La fiancata è slanciata ed arricchita da due prese d'aria, una in basso per il raffreddamento dei freni e una in alto per portare aria al motore. Il motore è un elemento del design della vettura essendo esposto in bella vista sotto ad un pannello in vetro temprato, motivo per cui anche il vano motore è stato progettato per risultare sempre ordinato e pulito. Il posteriore è probabilmente il lato più accattivante della Ferrari 360. Viene sovrastato da un profilo aerodinamico integrato nel portello del baule ed è dotato dei quattro fanali tondi posteriori tipici delle Ferrari. Il paraurti posteriore ospita quattro possenti scarichi, divisi a coppie di due nel mezzo da un ampio estrattore d'aria. Nella versione Spider, il tetto in tela è ben raccordato e scompare completamente nell'alloggiamento ricavato tra il motore e l'abitacolo.
Gli interni della Ferrari 360 sono eleganti e sportivi, moderni e classici. Il cruscotto è rivestito nella parte superiore in materiale opaco e nella parte inferiore in pelle. Tutta la strumentazione di guida si trova raccolta davanti al guidatore, mentre al centro sono presenti solo la radio ed il controllo della climatizzazione. Nel tunnel è presente esclusivamente il cambio con selettore cromato in alluminio in classico stile Ferrari. Tra le varie possibilità di personalizzazione offerte sono disponibili i sedili trapuntati e traforati di tipo Daytona.

L'innovativa motorizzazione della Ferrari 360

La Ferrari 360 ha un telaio di tipo space frame, interamente in alluminio sia per quanto riguarda la struttura che gli elementi della carrozzeria. Questa soluzione innovativa è stata progettata e sviluppata per ottenere doti di leggerezza e resistenza torsionale elevati, senza dover ricorrere alla fibre di carbonio. Il peso complessivo della vettura è contenuto in soli 1.290 kg. La struttura deformabile anteriore della cellula di sicurezza garantisce elevati standard in caso d'impatto.
Il motore della Ferrari 360 è montato in posizione posteriore ed è realizzato a 8 cilindri a V di 90° e con 5 valvole per cilindro, doppio albero a camme in testa, in grado di erogare 400 cv a 8.500 giri. Questa unità è disponibile abbinata al cambio a 6 rapporti manuale oppure al cambio robotizzato di tipo F1, comandabile dalla levetta posta al centro del tunnel e dai paddle shift dietro al volante. Differenziale autobloccante, sospensioni indipendenti alle 4 ruote dotate di molle elicoidali ed ammortizzatori a taratura variabile consentono una eccellente trazione alle ruote posteriori. Gli ampi cerchi in lega a 5 razze da 18", dotati di pneumatici da profilo ribassato, ospitano i grandi e potenti freni a disco che contribuiscono a dare alla vettura una guidabilità, una stabilità ed un controllo elevati nella massima sicurezza. Le prestazioni della 360 Modena e della 360 Spider sono analoghe, entrambe scattano da 0 a 100 km/h in soli 4,5" e raggiungono la velocità massima di oltre 295 km/h. Sul circuito di prova di Fiorano la Ferrari 360 Modena realizza un tempo sul giro di 1' e 31", migliorando di ben 3 secondi il tempo della sua progenitrice Ferrari F355.
La bontà del progetto della Ferrari 360, le sue elevate prestazioni e la eccellente dinamica di guida, fanno sì che la Ferrari decida di utilizzare la 360 anche nelle competizioni. Vennero così realizzate le Ferrari 360 Challenge da utilizzarsi nel campionato monomarca, denominato Ferrari Challenge, nelle competizioni in pista di vari campionati FIA, nelle gara endurance, tra le quali la 24 Ore di Le Mans, e nelle categorie GT. Questa versione da pista non è omologata per l'utilizzo stradale ed è dotata di una sintetica numerazione del telaio, diversa dalle 360 Modena. Alleggerita e potenziata, la 360 Challenge pesa solo 1.170 kg per 415 cavalli.

La Ferrari 360 Challenge Stradale: potente e ricercata anche come auto usata

Nel 2003 la Ferrari decide di trasferire le esperienze positive maturate in pista dalla 360 su una versione stradale più performante. Nasce così la Ferrari 360 Challenge Stradale, che mantiene le linee della 360 Modena, ma che si distingue per alcuni particolari estetici e funzionali sviluppati in pista. Esteticamente è diverso il paraurti anteriore, con spoiler integrati ricavati nel bordo inferiore delle prese d'aria anteriori, che aumentano la portanza all'asse anteriore. Diversi i cerchi in lega dal disegno Challenge a 12 razze sottili da 19", gli scudetti gialli Scuderia Ferrari in ceramica ai parafanghi diventano di serie, gli specchietti retrovisori sono in carbonio più piccoli e fissati alla carrozzeria con un solo esile braccetto. La parte posteriore è sovrastata da una coda maggiorata e una griglia traforata nera che percorre tutto il posteriore, per consentire un migliore sfogo d'aria dal vano motore. La Ferrari 360 Challenge Stradale venne presentata con un lungo adesivo tricolore su sfondo bianco che dal cofano anteriore si sviluppava fino alla coda. Tale adesivo era un accessorio che si poteva avere su ordinazione per la 360 Challenge Stradale. Al fine di ridurre il peso a 1.180 kg, gli interni furono rivisti con la sostituzione della pelle con l'alcantara, con l'eliminazione dei rivestimenti interni e con l'installazione di finestrini in lexan fissi, con apertura rapida e parziale di tipo competizione. Ovviamente il motore viene potenziato a 425 cavalli, permettendo alla 360 Challenge Stradale di fare un giro sul circuito di Fiorano con un tempo di 3" più veloce della 360 Modena.
La Ferrari 360 Modena e la Ferrari 360 Spider sono entrambe due eccellenti Ferrari, che nel mercato delle auto usate raccolgono un discreto successo in entrambe le versioni. La più apprezzata ed ambita rimane però la 360 Challenge Stradale, che è l'unica ricercata dai collezionisti in quanto più rara e potente, in grado di regalare emozioni brutali