Chevrolet Volt - vendo e cerco usato o nuovo - AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

L’auto
elettrica Chevrolet Volt è stata lanciata sul mercato nel
2010

Il gruppo General Motors
appartiene ad uno dei pionieri nello sviluppo di auto elettriche per
l’uso quotidiano. Già nella metà degli
anni ’90, gli americani produssero una prima versione,
chiamata General Motor EV1, con un’edizione limitata di circa
1000 esemplari indirizzata soprattutto al mercato della California a
causa delle severe leggi sulle emissioni. In quel momento, il
produttore equipaggiò il veicolo con batterie in nichel
metallo idruro, che fornivano al Coupé elettrico
un’autonomia di oltre 200 chilometri e una
velocità massima di 130 chilometri orari. Nel 1999 la GM
elettrica sparì dal mercato e passarono dieci anni prima di
rivedere una nuova auto elettrica di General Motor: la Chevrolet Volt,
con il suo modello gemello introdotto in Europa con il nome di Opel
Ampera.

Un motore a benzina aumenta
l’autonomia della Chevrolet Volt

La Chevrolet Volt, introdotta
sul mercato americano nel 2010, aveva ben poco in comune con la
più sperimentale Coupé EV1. Mentre le auto
elettriche degli anni ’90 mostravano un aspetto futuristico a
causa dell’ottimizzazione aerodinamica della carrozzeria,
nella Chevrolet Volt, costruita come una classica berlina, niente
faceva sospettare che sotto il cofano e il pianale dell’auto
si nascondesse una tecnologia futuristica. Più
specificatamente una batteria con più di 200 celle agli ioni
di litio, che forniva alla Chevrolet Volt una potenza pari a 11 kW.
Questo era sufficiente per raggiungere una velocità massima
di circa 160 km/h ed un’autonomia di oltre 50 chilometri. Per
far si che la Chevrolet Volt, a causa di queste limitazioni, non si
trasformasse solamente in una City Car, gli ingegneri l’hanno
equipaggiata con un piccolo motore a benzina. Questo ha aumentato
l’autonomia della berlina, cosicché la General
Motors ha potuto promuovere la Chevrolet Volt come auto elettrica con
un’autonomia estesa.

In modalità
combinata la Chevrolet Volt ha un’autonomia di oltre 500
chilometri

Nonostante questa combinazione
tra una batteria elettrica e un motore a benzina, la Chevrolet Volt
viene alimentata esclusivamente in modo elettrico. Il retroscena: A
differenza di altri produttori di veicoli ibridi, dove il motore a
benzina viene utilizzato direttamente anche per la propulsione, la GM
ha sviluppato per la Chevrolet Volt una variante ibrida dove, nel caso
di scaricamento della batteria il motore non entra in gioco
direttamente nella propulsione, ma alimenta un generatore che genera
l’energia per il motore elettrico. Grazie a questa tecnologia
combinata di una batteria con un motore a benzina da 1,4 litri con 63
kW (84 CV), la Chevrolet Volt riesce a coprire una distanza di circa
500 chilometri. Solo a quel punto deve essere rifornita. Le batterie
vengono ricaricate in circa 4 ore a seconda della connessione.