Lancia Y - vendo e cerco usato o nuovo - AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Auto ideale per gli individualisti

Utilizzo un’unica piattaforma di costruzione per realizzare più modelli, riduzione dell’assortimento dei motori in programma per una determinata serie, standardizzazione dei processi di produzione, e altro analogo… Dagli anni Novanta le case automobilistiche di tutto il mondo investono parecchio know-how tecnico per abbattere i costi di produzione e risultare quindi più concorrenziali. Da parecchio tempo queste misure non sono più limitate alle sole auto di piccole e medie dimensioni, bensì vengono estese anche alla produzione di berline e coupé della classe superiore. All’inizio degli anni Novanta il Gruppo italiano Fiat con il suo marchio Lancia ha seguito una tendenza diversa. Pur utilizzando anch’esso uniche piattaforme tecniche per realizzare vari modelli diversi dei suoi vari marchi, con la Lancia Y, modello successivo della Lancia Y10 presentato nel 1995, vale a dire nel segmento delle utilitarie con margine di guadagno minore, la casa italiana ha osato l’insolito esperimento di offrire ai clienti la possibilità di personalizzare la piccola berlina tre porte secondo il proprio gusto e le proprie esigenze.


113 colori e molti extra da classe superiore

La Lancia Y si poteva ordinare scegliendo complessivamente tra 113 tinte diverse e un programma di equipaggiamento extra comprendente praticamente tutto ciò che si poteva immaginare e desiderare, tra cui ad esempio rivestimenti in pelle o alcantara, sedili con supporto lombare, climatizzatore, specchietti esterni riscaldabili, alzacristalli elettrici, cerchi sportivi, servosterzo, cambio automatico e sistema di navigazione,per cui chi non amava ostentare aveva la possibilità di equipaggiare la sua auto da città con molti accessori extra tra quelli offerti in una varietà che all’epoca generalmente era riservata alla sola classe superiore. La strategia adottata dalla Fiat con la Lancia Y consisteva nel proporre nella classe delle auto di piccole dimensioni, per tradizione scarsamente accessoriate, un’alternativa in grado di ispirare un senso di maggiore preziosità rispetto ad una normale utilitaria. Il Gruppo torinese ha quindi deciso di osare internamente questo esperimento, cercando di evitare nel modo più efficace possibile il temuto effetto di cannibalismo attraverso la tattica adottata presso la Lancia.


Massima sicurezza

Adeguatamente all’immagine ambiziosa della Lancia Y di utilitaria Premium, il Gruppo madre ha inoltre dotato i modelli con dispositivi di sicurezza che nel periodo iniziale della produzione erano molto insoliti per le auto di questo tipo, come ad esempio assistente di frenata ABS, airbag e quindi airbag laterali negli ultimi tre anni. Nella versione di partenza quest’auto lunga 3,72 metri e in grado di accogliere a bordo fino a cinque passeggeri era dotata di un motore da 1,1 litri e 40 kW (55 CV). In alternativa era possibile scegliere tra due propulsori dalla cilindrata di 1,2 litri e una potenza rispettivamente di 44 kW (60 CV) e 63 kW (86 CV). La berlina con motore da 1,4 litri sviluppava invece una potenza fino a 59 kW (80 CV).


Versione sportiva come modello successivo dell’Autobianchi A112 Abarth

Come versione “top” del modello precedente, venduto in Italia con il vecchio marchio Autobianchi e il nome di A112 Abarth, veniva proposta la Lancia Y Elefantino Rosso, che vantava una potenza di 63 kW (86 CV) re una velocità massima di ben 177 km/h, a fronte dei 150 km/h raggiunti dal modello dotato del motore più piccolo. A seconda della motorizzazione il consumo medio variava tra 6,3 litri e 7,8 litri ogni cento chilometri, pari ad un’emissione compresa tra 150 g/km e 185 g/km di CO2. Dal 2000 al 2003, vale a dire negli ultimi anni di produzione, dopo un intervento di lifting sono rimasti in programma soltanto i motori da 1,2 litri e il modello sportivo Elefantino Rosso con telaio ribassato e cambio a cinque marce dai rapporti sportivi. Il modello successivo presentato nel 2003 è stato proposto con il nome di Lancia Ypsilon, ovvero identico, ma scritto per esteso.

Mehr anzeigen