Nissan Note - vendo e cerco usato o nuovo - AutoScout24

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

La Nissan Note ha sostituito l’Almero Tino nel 2004

La Nissan Note (E11) è considerata il successore non
ufficiale della Nissan Almero Tino ed è prodotta ancora oggi
nello stabilimento Nissan Motor Manufacturing (UK) Ltd. in Washington.
Sviluppato in collaborazione con Renault, il monovolume è
stato presentato al Salone di Parigi nel 2004 inizialmente con il nome
di “Tone”. Nel 2005 il modello è stato
poi ribattezzato “Note”. Proprio come il suo
predecessore anche la Nissan Note è disponibile come berlina due volumi a cinque porte con 5 posti a sedere. Visivamente, tuttavia,
il veicolo ha molto più in comune con la Nissan Micra K13
rispetto all’Almero Tino – anche la gamma di motori
a benzina è identica alla Micra. I motori diesel provengono
invece da Renault. Nel 2007 la Nissan Note ha subito un piccolo
restyling. Quasi due anni dopo, il modello ha subito un completo
restyling tecnico e visivo.

Modelli e motori della Nissan Note

La Nissan Note ha utilizzato la stessa piattaforma di costruzione della
Renault Modus. I motori diesel sono disponibili con una cilindrata da
1,5 litri e con una potenza da 50 a 76 kW. I motori a benzina sono da
1,4 a 1,6 litri di cilindrata con una potenza da 65 kW a 81 kW, dove il
modello da 1,6 litri è disponibile anche con cambio automatico. In questa variante il sistema ESP è di serie
– per tutti gli altri modelli può essere ordinato
come optional. La variante da 1,4 litri ha ricevuto il massimo dei voti
per i bassi consumi, i grandi interni e i metodi di produzione
rispettosi dell’ambiente ricevendo un certificato
dall’istituto di ricerca sull’ambiente
Ökotrend.

La Nissan Note è disponibile in tre varianti
“Visia“, “Acenta“ è
“Tekna“- “Visia“ presenta
l’equipaggiamento più semplice.
“Acenta“ si differenzia con elementi aggiuntivi
come fendinebbia, specchietti retrovisori esterni regolabili e
riscaldabili elettricamente, alzacristalli posteriori elettrici,
computer di bordo, climatizzatore, radio CD ed un volante
multifunzione. Inoltre è incluso di serie il
“Pacchetto famiglia” solitamente opzionale. Questo
è costituito da un bracciolo per il sedile di guida, un
bracciolo centrale posteriore, un vano sotto il sedile del passeggero,
un doppio fondo nel bagagliaio e tavolini pieghevoli nella parte
posteriore del sedile anteriore. Nell’equipaggiamento
più completo, con il pacchetto “Tekna”,
sono inoltre aggiunti sensori luci e pioggia, un caricatore CD da sei
dischi, ESP, airbag a tendina anteriori e posteriori e la pedaliera in
stile alluminio. Servosterzo, ABS, chiusura centralizzata, airbag
frontale e laterale e un immobilizzatore elettronico sono di serie per
tutte le versioni. Inoltre, la Nissan Note offre una speciale
funzionalità extra: il cosiddetto sistema
“Friendly Lightning-System” che permette al
conducente di regolare individualmente l’illuminazione dei
fari dopo che il veicolo è stato parcheggiato e chiuso. Il
significato di questo dispositivo è di fornire una maggiore
illuminazione per il percorso a piedi durante le ore notturne.

Durante il restyling del modello alla fine del 2008
l’equipaggiamento è stato ampliato con un sistema
audio e di navigazione Touchscreen. Visivamente, i fari e le prese
d’arie sono stati ingranditi, inoltre l’aspetto
della griglia del radiatore è diventato più
aggressivo, come di solito si può vedere nelle officine dei
preparatori d’auto. Tecnicamente è stato
revisionato soprattutto il telaio. Inoltre, è stato aggiunto
un nuovo motore alla gamma con un aggregato diesel da 1,5 litri di
cilindrata e valori inquinanti ridotti a 119 g/km.

Differenze tra la Nissan Note e l‘Almero Tino

Rispetto all’Almero Tino, la Nissan Note è
più corta di circa 20 centimetri, 6 centimetri
più stretta e circa sette centimetri più bassa
– al contrario il passo delle ruote è aumentato di
sette centimetri. Nel complesso la Nissan Note, con il suo aspetto
spigoloso e i suoi enormi fari, ha un aspetto molto più
robusto rispetto all’Almero Tino. Un’altra
caratteristica sono le luci posteriori che entrano in
profondità nel tetto.