Compra Rolls-Royce Phantom su AutoScout24.it

Trova la tua auto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Rolls-Royce Phantom: classe inglese, ingegneria tedesca

La Phantom è una berlina di classe extralusso prodotta dalla Rolls-Royce a partire dal 2003. Di fatto, è la prima vettura che si fregia del marchio della statuetta alata ad essere stata realizzata dopo l'acquisizione della prestigiosa casa inglese da parte di BMW; non a caso condivide con l'ammiraglia della casa tedesca, la Serie 7, numerosi componenti. Benché Rolls-Royce, a partire dal lontano 1925, abbia prodotto ben sei modelli con lo stesso nome, l'ultima nata è un'auto con una personalità del tutto distinta dalle sue eredi, non solo per l'impiego della tecnologia tedesca. Appena presentata, infatti, nonostante il parere negativo di alcuni puristi, la Phantom ottiene subito riscontri entusiastici, merito anzitutto della linea che si inserisce nel solco della grande trazione della casa, pur in chiave contemporanea. Anzi, da più parti questo modello viene definito come la prima vera Rolls-Royce moderna da almeno tre decenni, dai tempi cioè della Silver Spirit. Ma la nuova Phantom ha rappresentato anzitutto una vera sfida per gli ingegneri e i designer tedeschi, consapevoli di andare a "mettere le mani" su un vero e proprio mito dell'automobile, il cui semplice nome è da sempre legato a concetti di esclusività, lusso e iconicità rimasti sostanzialmente ineguagliati nel tempo. Dunque la grande scommessa è quella di creare un'auto completamente nuova, in grado di affrontare le sfide del nuovo millennio, senza però rompere con una gloriosa tradizione. Il lavoro più delicato, ovviamente, riguarda l'aspetto esteriore della Rolls-Royce Phantom, che nelle intenzioni del gruppo avrebbe dovuto richiamare da ogni angolo, lo stile unico della casa inglese. I progettisti lavorano dunque di fino, cercando di rendere contemporanei alcuni tratti distintivi delle Rolls storiche, a cominciare dalla mitica calandra cromata ispirata alle forme di un tempio greco. La Rolls-Royce Phantom del 2003 presenta infatti un'enorme mascherina che mantiene gli stilemi classici della casa, pur profondamente rinnovati: leggermente inclinata, a differenza delle calandre del passato. Anche il nuovo frontale è un trionfo di cromature e vede capeggiare alla sua sommità la celebre statuetta. Lo stesso discorso vale per il profilo della nuova Rolls-Royce Phantom: l'imperativo è infatti quello di non realizzare una linea che ricordi anche solo lontanamente i modelli di punta di BMW. La scommessa è vinta, poiché, a voler cercare a tutti i costi delle somiglianze, queste è possibile trovarle solo con altri celebri modelli della casa inglese, come ad esempio la Corniche o la Silver Spur. La Phantom del 2003 è dunque un'auto che definire imponente è poco - quasi sei metri di lunghezza per due di larghezza e una massa che supera a vuoto le due tonnellate e mezzo - ma grazie alla carrozzeria movimentata, le fiancate scolpite, la coda snella e profilata, sembra decisamente più compatta, quasi leggiadra. Di sicuro è elegante ed esclusiva, a cominciare dai materiali impiegati per realizzare l'interno, vero e proprio salotto viaggiante a misura di milionario.

Rolls-Royce Phantom: esclusività e lusso

Se per la scocca della Phantom gli ingegneri tedeschi hanno preferito l'alluminio, materiale in grado di offrire resistenze sorprendenti a fronte di pesi limitati, per l'abitacolo i materiali d'elezione non possono che essere pellami di qualità eccelsa e legni in numerose essenze. Inoltre, come da tradizione, ogni fortunato proprietario di questa fantastica ammiraglia può personalizzarla a suo piacimento, quasi fosse un abito di sartoria, indicando tinte e finiture anche su campione, di modo che abbia la certezza che un'altra Rolls-Royce Phantom identica non possa esistere. Si badi che, al di là dei capricci tipici delle élite, per questa autovettura è davvero difficile fare una lista di quali accessori siano di serie e quali invece a richiesta: c'è davvero tutto quello che si può desiderare in un'auto e quello che non c'è si può avere a prezzi coerenti con quelli del marchio. La Rolls-Royce Phantom può infatti essere equipaggiata con TV color incastonato negli schienali dei sedili anteriori (10.800 euro), con tendine elettriche per proteggere la propria privacy (5400 euro), con climatizzatore separato per i posti dietro (4020 euro). La versione base (e mai questo termine fu più improprio) al prezzo di 430 mila euro offre comunque navigatore, fari allo xeno, sospensioni attive e molto (molto) altro. Certo, una soluzione per arginare un prezzo così elevato può essere rappresentata dall'usato auto: su questo mercato, infatti, è possibile intercettare alcune Rolls-Royce Phantom a circa la metà del nuovo. Una quotazione di tutto rispetto, quindi, poiché anche come auto usate queste macchine sono molto ricercate. Anzi, per usare una frase abusata, si può dire che una Rolls-Royce corrisponde ad un assegno circolare, data la facilità con cui è possibile rivenderla.

Motori e versioni

La Rolls-Royce Phantom è equipaggiata con un mastodontico 6.7 litri capace di sviluppare ben 460 cavalli, sufficienti a muovere con scioltezza anche una massa così elevata. Le prestazioni, infatti, sono di assoluto rispetto: la vettura raggiunge i 240 km/h di velocità massima e accelera da 0 a 100 in soli 6 secondi. Fanno un po' meglio le versioni Coupé e Drophead Coupé (denominazione che designa l'elegantissimo modello cabrio), capaci di rubare alla berlina dalla quale derivano un paio di decimi di secondo in accelerazione e circa 10 km/h di velocità massima. Per contro, questi esclusivissimi modelli costano ancora di più della quattro porte: la Coupé 460 mila euro e la cabrio ben 475 mila. Inoltre, per andare incontro ad esigenze specifiche, la Rolls ha previsto una particolare versione della Phantom dotata di passo lungo, denominata EWB: l'auto cresce in lunghezza di 25 centimetri, tutti a vantaggio dei passeggeri posteriori. Inutile dire che quest'ultimo modello è chiaramente indicato per chi può permettersi di circolare con autista personale al seguito.