Aprilia - Annunci Moto Usate e Nuove - AutoScout24

Trova la tua moto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Aprilia

Aprilia, Produttore di Motociclette dall’Italia


Il marchio di tradizione italiana Aprila è sin dall’acquisizione da parte della Piaggio – gli inventori e produttori della famosa e amata non solo dagli italiani Vespa – uno dei più importanti produttori e marchi motociclistici d’Europa. Anche attraverso la cooperazione con BMW Motocicli per lo sviluppo e la produzione, Aprilia gode di un’ottima reputazione in termini di tecnologia e design.


La partecipazione di Aprilianel motociclismo sportivo


Aprilia partecipa con successo anche nelle competizioni motociclistiche sportive. Le vittorie in Gran Premi Internazionali nella classe 250 cm³- e 125 cm³, la vittoria del mondiale Supermoto nel 2004 e 2006 nella classe S2 (fino a 450 cm³) con il modello di nuova costruzione V2 SXV 4.5 / 5.5, come anche il terzo posto nella classifica generale del 32mo Rally Dakar con l’Aprilia RXV 4.5 (non era mai successo nella storia del Rally di Dakar che una moto nuova ottenesse una così buona posizione!) hanno stupito gli appassionati di moto Aprilia. Inoltre il primo e secondo posto nella classe fino a 450 cc (3 di 4 motociclette hanno raggiunto il traguardo!) sono una riprova dell’affidabilità del produttore.


La storia del produttore di Moto Aprilia


La società Aprilia è stata fondata come una fabbrica di biciclette. Il nome deriva da quello di una berlina, la “Aprilia“ di Lancia. Ivano Beggio ha iniziato la costruzione di una motocicletta con 18 dipendenti.  A breve uscirono sul mercato i primi modelli di scooter: Colibrì, Daniela, Packi. Nel 1970 fu presentato il primo modello di moto da cross, che è stato prodotto fino alla fine degli anni settanta. Nel 1975 Ivano Beggio avviò la produzione ciclomotori a 50 cc. Seguirono Enduro, Trial e moto da strada trai  50 e 600 cm³.


Attraverso la collaborazione con il costruttore austriaco di motori Rotax fu sviluppato nel 1985 il modello 125 Sx e il 350 STX così come nel 1986 l’AF1 (Road Racer) e in seguito Tuareg, RSV Mille, il modello Falco, Caponord, RST Futura e Tuono. Nel 1990 la società ha deciso per un cambio di strategia: concentrandosi esclusivamente sullo sviluppo delle due ruote, mentre tutti i pezzi sono stati forniti da subfornitori. A seguire il primo scooter di Aprilia chiamato Amico. Scarabeo, il primo motociclo a due tempi con catalizzatore è stato introdotto in un secondo momento. Nello stesso momento era iniziata la progettazione di uno scooter e il risultato ha preso il nome di Leonardo. Questo modello è stato seguito da molti altri portando l’azienda ad una crescita costante. Nel 2002 Aprilia è stato il primo produttore italiano ad installare nei grossi modelli un catalizzatore regolato e anche per quanto riguarda il sistema ABS è stato uno dei pionieri.


I nuovi modelli di Aprilia


Nel 2009 Aprilia ha presentato la Superbike RSV4 Factory con motore V4 a 65 gradi. Nel febbraio 2010 è stata presentata la versione RSV4-R più economica, con un numero minore di accessori pregiati e carbonio. La RSV4-R ha comunque lo stesso motore V4 1000cc con 180 CV. La gestione elettronica del motore con tecnologia Ride-by-Wire e due iniettori per cilindro come per la RSV4 Factory. Inoltre ha anche gli elementi d’assetto e gli ammortizzatori adatti alle corse, ma per ragione di costi senza il collettore di aspirazione variabile. Aprilia ha perseguito l’approccio opposto con il modello SMV 750 Dorsoduro Factory. La nuova è con più carbonio, telaio verniciato rosso, pinze dei freni di alta qualità e sospensioni idrauliche rispetto alla versione di due anni prima del modello standard della SMV 750 Dorsoduro. Il motore a 90 gradi V2 sviluppa una potenza di 92 CV e una coppia motrice di 82 Nm, e viene regolato con la tecnologia Ride-by-Wire di Aprilia di seconda generazione. Con l’ausilio di 3 curve di potenza il conducente potrà reagire alle variazioni delle condizioni stradali, del tempo e dello stile di guida con le modalità Sport, Touring e Pioggia.


Mehr anzeigen