Superbike in Vendita | AutoScout24

Trova la tua moto da sogno

Offerte per la tua ricerca

Offerte per la tua ricerca

Superbike

La Superbike – a suo agio sia su strada sia sulle piste da corsa


Dal 1988, vengono organizzati campionati mondiali che sono soggetti ad un particolare regolamento: le moto devono rispettare le caratteristiche di quelle in serie per l’immatricolazione su strada. Secondo il numero di cilindri, la loro motorizzazione viene limitata da una cilindrata massima: veicoli a tre o quattro cilindri possono avere una cilindrata da 750 a 1000 cc. Per veicoli a due cilindri, i limiti sono tra 850 e 1000 cc. Da allora, queste moto, cosiddette Superbike, hanno suscitato ancora più entusiasmo rispetto ai decenni precedenti.


Generazioni di Superbike


L’era dei veicoli da strada rivestiti e con motorizzazioni particolarmente potenti è stata lanciata in Giappone. Nel 1969 è iniziato un decennio di grande successo per l’Honda CB 750 – oggi un oggetto da collezione richiesto tra gli appassionati delle moto d’epoca. Il suo motore a quattro cilindri con esattamente 736 cc di cilindrata e un albero a camme sopraelevato conferiscono 49 kW di potenza. Il gas di scarico viene diviso tra quattro luccicanti tubi di scappamento in cromo. Una cosa sensazionale per l’epoca erano i particolari tecnici di questa moto, come il cambio a cinque marce, l’E-starter e i freni a disco sulla ruota anteriore. I suoi attributi – veloce (velocità massima di 200 km / h garantiti), bella, affidabile e assolutamente sopra la concorrenza – valgono tutt’oggi nella classe dei tre quarti di litro.


Nonostante ciò, la concorrenza casalinga non si è data per vinta. Nel 1971 la Kawasaki ha presentato la sua Z1, un bolide di 900 cc che ha dominato il mercato per un decennio.  Leggermente meno voluminosa, ma non con meno successo, la Superbike GSX-R-750 della Suzuki è uscita dalla fabbrica e sulle piste nel 1985 con 100 CV. Il telaio in alluminio introdotto con quella moto è stato adottato anche con la più potente GSX-R-100 (anno di fabbricazione: 1986-96). Tuttavia, quando, nel 1990, la Kawasaki ha presentato la Superbike più veloce al mondo con il modello ZZR 1100, la concorrenza è rimasta “impietrita” per diversi anni. La risposta dell’Honda venne solo sei anni dopo. Aereodinamica, la motorizzazione e il peso sono ottimali nell’Honda Blackbird CBR1100. La velocità massima raggiunge 285 km/h. Nel 1997, questa Superbike era il più veloce due ruote di serie.


Superbike attuali


I vincitori nella classe delle Superbike cambiano con notevole regolarità. Qui il quartetto giapponese compete con il trio italiano per il primo posto. Sono le marche della Yamaha, Suzuki, Kawasaki e Honda e quelle della MV Augusta, Ducati e Aprilia che producono Superbike con successo. Due ulteriori concorrenti indipendenti – la BMW e la KTM – partecipano al momento con successi minori alle competizioni. I numeri di produzione delle versioni da strada non possono essere meno di 1000 pezzi per ogni modello della serie. All’interno di ogni serie, possono essere anche prodotte delle edizioni limitate complete con un numero inferiore di pezzi.


La KTM, fabbrica di motociclette austriaca, presenta fin dal 2009 una Superbike che dà molto nell’occhio: la 1190 RC8 è rivestita di nero/arancione come modello di serie. Le edizioni limitate “Akrapovi?” e “Red Bull” sono dotate di uno scappamento da corsa in titanio Evo4.


La Ducati domina gli avvenimenti dei campionati mondiali da corsa – la Supersport italiana ottiene di conseguenza molta attenzione. Con la 1000 DS (Dual Spark) la Ducati dimostra superiorità rispetto alla concorrenza contemporanea grazie ad una tecnica più innovativa. Il pannello di controllo elettronico controlla la temperatura dell’olio, la riserva di carburante, le manutenzioni e le accensioni non autorizzate (sistema antifurto). Il proprietario sfrutta un motore Desmo-L-Twin a sei marce, con una potenza consapevolmente  ridotta di 95 CV.


L’attuale Supersport S1000 RR della BMW entra nel nuovo decennio in modo molto ottimista con i colori nero/giallo. Nel motore a quattro cilindri con una cilindrata di 999 cc e più di 193 CV, quattro ventole di titanio “martellano” a 13000 U/min.


Per tutti gli altri produttori, questi esempi sopraelencati sono solo un benvenuto invito a partecipare alla guerra dei re di questa classe.


Mehr anzeigen