Mietitrebbia, adatta per mietere ogni coltivazione: grano, orzo, soia

La mietitrebbia, detta anche mietitrebbiatrice, è una macchina agricola progettata per raccogliere diversi tipi di coltivazioni, dai cereali come orzo, grano, soia, mais, ai fiori come i girasoli. Una volta raccolti, la macchina procede a separare gli scarti dalle parti utili. Nata nel 1812, la prima mietitrebbiatrice era completamente a vapore; si trattava di un veicolo veramente semplice, che si limitava ad arare i campi, depositando subito a terra i culmi. Poi era compito dei contadini che seguivano la macchina, raccogliere il prodotto tagliato. Solo la successiva introduzione della mietilegatrice ha permesso di rendere la macchina ancor più efficiente. Oggi la mietitrebbia è composta da tre parti che le permettono di svolgere al meglio le sue funzioni: la testata anteriore, che raccoglie i fusti e li separa dagli scarti; il battitore, un tamburo rotante che, avvolto in un controbattitore, permette la disgregazione della granella dalle parti vegetali e infine il sistema di pulizia. Ogni mietitrebbia prevede due apparati di pulizia, uno con gli scuotipaglia, capaci di recuperare la granella residua, l’altro composto da un sistema di vagli vibranti che risucchia le parti di scarto più sottili.

Velocità ed efficienza

Le macchine agricole come la mietitrebbiatrice sono la soluzione ideale per raccogliere la maggior parte del prodotto senza sprecarne parti utili, e sono adatte per lavorare su diversi terreni, da quelli pianeggianti a quelli montagnosi e collinari. Molteplici e rinomate aziende hanno saputo investire fruttuosamente in questo settore. Caterpillar, ma anche Claas e Laverda sono aziende apprezzate in tutto il mondo per i loro veicoli agricoli. Aziende di questo livello hanno saputo ridurre drasticamente i rischi legati alle vecchie mietitrebbiatrici. Per scongiurare il rischio di ribaltamento, per esempio, le macchine sono munite di struttura ROPS (Roll Over Protection Structure), in altre parole una cabina o più in generale una struttura a compartimento per la protezione dell´operatore da infortuni legati a rovesciamenti o ribaltamenti del veicolo. Inoltre, come da normativa europea, ogni sedile è dotato di cintura per garantire la sicurezza completa del guidatore. In condizioni di pendenza si possono usare mietitrebbiatrici dotate di un dispositivo capace di rilevare l’inclinazione eccessiva e di segnalarla tempestivamente.
Torna su