Breve guida alla piattaforma di lavoro

La piattaforma di lavoro aerea è stata una semplice quanto fondamentale invenzione, che ha offerto ai settori edile e impiantistico un grande balzo in avanti, rendendo le operazioni da effettuare ad altezze elevate molto più semplici e rapide.

 

Presenti da meno di 50 anni, queste piattaforme hanno già lasciato un forte segno sul mercato, dando vita a diverse varianti atte a coprire ogni esigenza.

La storia della piattaforma aerea e le sue varianti

La piattaforma aerea ha una storia recente, essendo nata nel 1969 da un'idea di John L. Grove, un inventore statunitense. Essa nacque per venire incontro ai lavoratori, facendo risparmiare loro tempo e denaro, altrimenti spesi nell'allestimento di un ponteggio. Quattro anni più tardi, nel 1973, al cestello fu aggiunto un pantografo, con la conseguente nascita delle piattaforme verticali.

 

Le tipologie di piattaforme presenti oggi sul mercato sono innumerevoli: si passa dalle piattaforme elevatrici verticali, prive di pantografo e molto leggere, alle piattaforme verticali elettriche (o a diesel), che possiedono sia un pantografo che un centro comandi posto sul cestello. Le piattaforme più performanti sono quelle articolate o telescopiche, che possono raggiungere un'altezza di 40 m, possiedono un sistema elettronico di controllo sofisticato e offrono una maggiore sicurezza al lavoratore.

 

Le piattaforme possono essere montate su dei furgoni, per rendere lo spostamento delle stesse più semplice e non dipendente dal trasporto a mezzo camion.

I produttori più importanti di piattaforme aeree

Tra i tanti produttori di piattaforme di lavoro, i tre principali sono sicuramente JLG Industries, Manitou e Haulotte Group. JLG Industries è una società statunitense facente parte del gruppo Oshkosh Corportation e fondata nel 1969 dal già citato John Landis Grove, dalle cui iniziali prende il nome. Attualmente possiede 10 stabilimenti in tutto il mondo e ha una rete di mercato globale.

 

Manitou nasce invece in Francia nel 1953 come azienda costruttrice di gru e betoniere. Ha iniziato a investire sui carrelli elevatori nel 1958 e si è specializzata, negli anni, anche nella progettazione e nella costruzione di piattaforme aeree.

 

Haulotte Group è un produttore francese, ma ha una storia molto più recente: nasce, infatti, nel 1995 dalla fusione delle aziende Pinguely e Haulotte, fondate rispettivamente nel 1881 e nel 1924.

Alcuni dei modelli di piattaforme di lavoro più celebri

Il primo modello da citare è il JLG 1200SJP, uno dei più noti della JLG. Ha un'altezza massima di 37 m e una capacità di carico che può arrivare a 430 Kg. Le ruote sono motrici e raggiungono una velocità di 5 km/h; possono lavorare fino a una pendenza del 45%.

 

Haulotte produce il versatile HA15 IP, con altezza massima di 15 m e portata di carico pari a 230 Kg. Questo modello può essere utilizzato sia in interno che in esterno e può effettuare movimenti laterali del cestello.

 

Della Manitou si deve citare il 280 TJ, il modello con altezza più elevata presente nella gamma (28 m); ha una capacità di sollevamento di 240 Kg per un massimo di 3 persone. Il motore è un 45 cv diesel.

Torna su