Autohersteller in UK

Si tratta di un principio fisico molto semplice; più l’auto è pesante, più consumerà carburante.

Condividi

Il peso dell’auto, strettamente collegato alle sue dimensioni, rappresenta infatti un fattore determinante per quanto concerne i relativi consumi. Ecco perché quando si deciderà di acquistare un’automobile dal peso e dal volume contenuti, come ad esempio nel caso di una comune utilitaria, si avrá la possibilità di abbattere in modo considerevole i costi determinati dal consumo del carburante. In questo articolo valuteremo quanto il peso di un’auto riesce ad influire sulla spesa complessiva del carburante e quali sono le strategie da adottare per tamponare questo rilevante costo.

Quanto pesa un’auto utilitaria e quanto il suo peso ci permetterà di risparmiare

Negli ultimi anni le diverse case automobilistiche presenti sul mercato nazionale e internazionale hanno ormai capito che oggi la maggior parte dei clienti sono alla ricerca di automobili non solo super accessoriate e sicure ma anche leggere, e quindi più economiche nei consumi. Un ulteriore motivo che ha determinato il cambio di rotta dell’attuale mercato dell’auto sembrano essere le nuove normative di legge, che richiedono una considerevole riduzione delle emissioni inquinanti da parte dei veicoli e che inoltre prevedono severe sanzioni per tutti quei costruttori che non si adeguano. Poiché circa il 75% del consumo del carburante è strettamente correlato al peso dell’auto, anche una riduzione di soli 100 kg ci permetterà di diminuire sensibilmente il consumo di CO2 al Km. Un’utilitaria pesa tra i 1.000 e i 2.000 kg e questo peso dell’auto contenuto ci consentirà di risparmiare non soltanto sulla benzina ma anche su bollo e assicurazione.

Viaggia leggero, con minori consumi e maggiore risparmio

Le strategie che vi permetteranno di risparmiare mentre viaggiate sono diverse e con la loro attuazione avrete la possibilità di sfruttare al massimo le molteplici potenzialità di una vettura dal peso contenuto. Un metodo semplice per iniziare a risparmiare sul carburante è quello che prevede un controllo e un’eventuale pulizia periodica del portabagagli della vostra vettura. Infatti, come capita di frequente soprattutto dopo un lungo week-end o dopo una vacanza fuori porta, quasi sicuramente avrete accumulato nel vostro portabagagli numerosi oggetti non proprio essenziali e necessari da mantenere a bordo. Se non eseguirete dei controlli periodici questi oggetti stazioneranno nella vostra auto per mesi, del tutto inutilizzati, andando a gravare sul peso auto complessivo. Per farvi un’idea più chiara di quanto il peso di un veicolo influisca sul consumo di carburante vi basterà sapere che un peso apparentemente insignificante di soli 20 kg determinerà un consumo di carburante aggiuntivo dello 0,5%! Ecco perché risulterà essere una buona abitudine quella di ridurre il più possibile i pesi superflui a bordo della propria vettura. Una scelta vantaggiosa per il proprio portafoglio come per l’ambiente sarà anche quella di non movimentare l’auto per effettuare brevi tragitti facilmente raggiungibili a piedi o con i mezzi pubblici, soprattutto in città, dove il problema parcheggio non aiuterà a semplificare la situazione. In conclusione, grazie alle automobili di piccole dimensioni consumerete una minore quantità di carburante, inquinerete meno, perderete meno tempo per trovare parcheggio grazie alle dimensioni ridotte, e risparmierete sulla spesa di bollo e assicurazione auto.