Sostituzione auto nuova in garanzia

L’acquisto di un’auto nuova prevede sempre un elevato esborso economico, ed è per questo che è fondamentale conoscere tutti gli aspetti burocratici che riguardano questo tipo di transazione.

Non molti sanno, ad esempio, che una vettura appena acquistata ha sempre un determinato periodo di garanzia, all’interno del quale può essere addirittura sostituita laddove i problemi tecnici siano decisamente seri. Il periodo di garanzia, come vedremo, ha una durata minima prevista dalla normativa vigente, ma alcune case automobilistiche, sicure della bontà del proprio prodotto, tendono ad estendere tale intervallo temporale. Nei prossimi paragrafi vedremo come effettuare la sostituzione dell’auto nuova in garanzia.

La sostituzione dell’auto in garanzia

Qualsiasi tipo di veicolo può avere difetti di produzione, ed è per questo che la legge in merito tutela sempre il consumatore. Quando il veicolo presenta problemi, le strade da percorrere sono solo due: la riparazione o la sostituzione dell’auto. La scelta tra le due strade è ovviamente direttamente proporzionale al tipo di danno che l’auto lamenta. In linea di massima, il compratore può scegliere liberamente tra riparazione o sostituzione, a patto che la scelta sia ponderata. Esempio pratico: se la vettura appena acquistata ha una lampadina del faro guasta, non si può richiedere la sostituzione dell’intero veicolo, visto che basta sostituire un componente da pochi euro. In casi del genere, quando la riparazione cioè è relativamente economica, il concessionario può “obbligare” il compratore a quest’ultima. Se il danno è invece più serio, allora l’automobilista può chiedere la sostituzione dell’auto nuova in garanzia.

Tre tipologie di garanzie

La legge in merito tutela l’automobilista con due diversi tipi di garanzie. La prima è quella offerta dalle case produttrici, che viene anche definita garanzia di buon funzionamento, che risarcisce il compratore nel caso l’auto presenti difetti ascrivibili alla fase di produzione. La garanzia legale, invece, è quella che deve fornire il concessionario al momento della chiusura dell’acquisto. Al compratore viene rilasciato il certificato di conformità, in cui sono elencate le caratteristiche del veicolo e, se dovessero emergere difetti, questi potrebbe rivalersi sul concessionario. Caso particolare sono i grossi difetti: se il problema del veicolo è particolarmente serio, l’utente è tenuto a segnalarlo entro 60 giorni dal ritiro della vettura. Gli automobilisti più accorti possono stipulare un terzo tipo di garanzia, fornita dalle RC Auto, che tutela il contraente in caso di difetti meccanici della vettura.

Tutti gli articoli

Acquistare auto all’estero

Consigli · Consigli - Acquisto auto

Rivenditore o privato

Consigli · Consigli - Acquisto auto

Auto più veloce del mondo

Consigli · Consigli - Acquisto auto
Mostra di più