Prototipi & Concept: Audi Urban Concept – Esclusivamente urbana

Audi ha appena reso note le due varianti del suo ultimo prototipo, Urban Concept, che sarà presentato ufficialmente al Salone di Francoforte.

Si tratta di un’utilitaria elettrica a due posti elaborata con materiali molto leggeri e con alcuni elementi decisamente innovativi, soprattutto per quanto concerne le portiere, le ruote e la modalità di accedere all’abitacolo.
Questo prototipo è stato sviluppato con carrozzeria Sportback (con una linea coupé) e Spider (senza tettuccio) e, secondo i suoi artefici, è a metà strada tra un’auto da corsa e una da città pratica e divertente.

Del secolo scorso?

Già dal primo sguardo, questo prototipo ricorda le auto da corsa più classiche, le «Silver Arrows» degli anni 30, nonostante le sue linee futuristiche. Le ruote separate dalla carrozzeria, il pilota in posizione centrale quale unico responsabile della guida dell’auto e una linea estremamente corta sono segni dell’identità delle auto da competizione di quel decennio del XX secolo.

La Urban Concept è il risultato della strategia di Audi di produzione di auto ultraleggere, una politica di riduzione di qualsiasi peso superfluo che la casa di Inglostadt intende applicare a tutti i suoi futuri veicoli. Nel caso della Urban Concept, la cabina di guida è concepita completamente in polimeri rafforzati con fibra di carbonio (CRFP), un materiale impiegato anche in altri prototipi e che si sta lentamente introducendo nei modelli prodotti in serie.

1+1

L’aspetto più caratteristico di questo concept è forse dato dalla disposizione dei suoi due sedili, dal momento che non sono situati alla stessa distanza rispetto al volante. Si tratta di una disposizione di tipo 1+1, secondo la quale il passeggero si trova in una posizione leggermente arretrata rispetto al pilota, anche se non sappiamo per quale finalità: potrebbe essere per una questione di distribuzione dei pesi o semplicemente per un capriccio del progettista. Il conducente, da parte sua, può regolare liberamente sia volante sia i pedali per ottenere un’ottima posizione di guida.

Per entrare nell’abitacolo della Urban Concept è necessario spingere le due portiere indietro. Il tettuccio, in questo caso, si muove insieme a queste ultime verso la parte posteriore, lasciando scoperto l’abitacolo ed evitando di dover realizzare assurde contorsioni nonché di ricevere colpi sulla testa. Nel caso della versione Spider, in cui il tettuccio è assente, entrare è ugualmente facile, solo che le porte si aprono dal basso all’alto. Rimane solo una superficie di cristallo nella parte anteriore, a fare le veci del parabrezza.

2 motori elettrici

Un’altra caratteristica importante è che le quattro ruote sono lontane di alcuni centimetri dalla carrozzeria. Tutte con cerchi da 21”, hanno una carenatura specifica che le ricopre e che è stata disegnata con un’unica finalità aerodinamica. I LED luminosi che fungono da segnalatori di direzione non si trovano sulla carrozzeria, ma sulle protezioni delle ruote.

Infine, il sistema di propulsione montato su questo prototipo è completamente elettrico ed è formato da due unità alimentate da batterie agli ioni di litio che, secondo la casa automobilistica, permettono di effettuare lunghi tragitti urbani (un’autonomia di circa 50 km). Per il momento non si sa se la trazione sarà anteriore o posteriore.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Nuova Opel Corsa: sportiva, attraente, efficiente

Porsche 718 Spyder e 718 Cayman GT4

Anteprima: Nuova Audi A6 allroad quattro – 20 anni di sofisticata versatilità

Mostra di più