Honda Integra - comprare o vendere moto usate o nuove - AutoScout24

Honda Integra

Honda Integra: un genere ibrido ad alte prestazioni.

Il grande marchio giapponese dimostra ancora una volta di aver fatto centro. Honda Integra fonde le prestazioni sportive di una moto con la funzionalità e protezione aerodinamica tipiche di un maxi-scooter. Larga parte del merito va al cambio a doppia frizione DCT, fiore all'occhiello della tecnologia Honda, in grado di mettere insieme i vantaggi della trasmissione automatica con le qualità della trasmissione manuale. Si traduce con cambi di marcia fluidi e senza interruzioni di erogazione. Lanciata nel 2012 in versione 700 cc, nel 2014 la Honda Integra 750 conquista già larga parte del pubblico, scalando la classifica dei maxi-scooter più venduti in Europa. I motivi del successo si rintracciano facilmente in alcune caratteristiche essenziali come: le ruote ampie da 17 pollici, il motore bicilindrico capace di 55 CV, un ABS di serie, consumi limitati e design sportivo e accattivante. Il 2015 vede la conferma dei modelli standard ed S - con cerchi color oro e livree Tricolour o Matt Gunpowder Black Metallic -, ma soprattutto l'introduzione del nuovo Honda Integra 750 S Sport. Quest'ultimo, realizzato sulla base dello stesso modello S, presenta alcune interessanti innovazioni, tra cui: parabrezza fumé dalla linea sporty, sella con rivestimento antiscivolo e silenziatore Akrapovic in titanio. L'ultimo modello della serie, l'Integra 750 YM2016, propone dotazioni maggiorate e performance sbalorditive. Oltre ad un motore bicilindrico parallelo a corsa lunga e cambio DCT a 6 rapporti, si punta all'innovazione. Nello specifico: una forcella Showa con "Dual Bending Valves", luci a LED anteriori e posteriori, terminale di scarico compatto, nuovo centro controllo del cambio DCT con modalità sport a 3 livelli e omologazione Euro4. L'Honda Integra, insieme ad alcuni modelli di altri marchi noti - ovvero ciclomotori di ispirazione motociclistica - come il BMW C 600 Sport o lo Yamaha Tmax, è un compromesso di tendenza per quanti amano la velocità ma vogliono sicurezza. Il settore delle moto usate mette a disposizione varie soluzioni d'acquisto, sia in versione classica che sportiva.

Novità 2016, per una guida che migliora in città e autostrada.

Pedane ben posizionate, un'ampia seduta, telaio in acciaio con struttura a diamante e cupolino capace di proteggere anche ad alte velocità. Honda Integra offre una guida piacevole e particolarmente comoda su curva e rettilinei, in più appare visibilmente arricchita nel design. Al primo colpo d'occhio risaltano i nuovi gruppi ottici a LED e il disegno del sistema di scarico, più corto e compatto. Software e strumentazione di controllo sono originalmente caratterizzati da display LCD a retroilluminazione negativa, comprendente: trip computer per i consumi, segnalatori della marcia inserita e indicatori di cambio DCT. Dal punto di vista tecnico, anche il cambio a doppia frizione DCT apporta notevoli modifiche. Il risultato immediato è una risposta più fluida della frizione in caso di frequente apri e chiudi, specialmente con basse velocità. L'innesto di un nuovo sensore di pendenza consente al motore, durante la guida automatica, di ottimizzare ogni marcia, lasciando inserito il giusto rapporto, sia in salita che in discesa. La chiave di contatto è in versione "wave" più forte e resistente, ma sempre realizzata con sistema HISS (Honda Ignition Security System). Un'efficace precauzione antifurto, capace di bloccare l'avvio del motore in mancanza di corrispondenza tra codici identificativi inseriti nei chip di chiave e centralina. Per quanto riguarda i colori, Honda sceglie una rifinitura metallizzata, resa speciale attraverso una vernice a sfumature brillanti, con riflessi cangianti a seconda dell'angolo di visuale. In aggiunta, grafiche sportive e adesivi sui cerchi.

Motore potente e bassi consumi.

Dal motore bicilindrico frontemarcia della prima Integra 700 cc - una scelta economicamente vantaggiosa sia per la produzione che per la vendita - si passa all'omologazione Euro4 raggiunta con Honda Integra 750 cc 2016. L'architettura è sempre quella di un bicilindrico parallelo a corsa lunga, ma le emissioni di CO2 sono pari a 81g/km e si aggiunge un nuovo catalizzatore a doppio strato. Non cambiano i valori di potenza, per una guida sempre pronta e scattante, buona nelle accelerazioni e nelle riprese. Grazie ad un'alimentazione a iniezione elettronica - come Honda PGM-FI - i consumi sono contenuti ed efficienti. Il serbatoio sottosella di 14,1 litri, consente inoltre di raggiungere un'autonomia totale superiore ai 400 km. Honda Integra rappresenta in definitiva una nuova visione di scooter. Si sale proprio come su una vera moto - scavalcando la sella - e una volta seduti, trovare la giusta posizione di guida diventa naturale e veloce, senza fare differenze di taglia. Controllo, stabilità e tenuta: sono alcuni dei principali punti di forza. Integra è un mezzo per tutti, che abbraccia un'ampia fascia di utenti. L'ideale, per piloti alle prime armi, è cominciare con un buon modello usato, affidabile ed economico.