Triumph Scrambler - comprare o vendere moto usate o nuove - AutoScout24

Triumph Scrambler

Linee vintage ed anima selvaggia per la Triumph Scrambler.

La Triumph Scrambler, nata nel 2006 su ispirazione di un modello del 1956, propone un'estetica vintage davvero affascinante ed evocativa. Appartenente alla collezione Classics, è diventata in brevissimo tempo un oggetto di desiderio ambitissimo da biker di tutte le età: un sogno anni '60, che propone nel contempo tecnologie avanzate ed ottime performances sotto ogni punto di vista. L'ispirazione vintage è evidente già a partire dalle linee morbide ed allungate del serbatoio, caratterizzato da uno splendido decoro bicolore. La sella, allungata e piatta, è in puro stile Sixties, così come il manubrio alto e la posizione centrale del faro anteriore. I cerchioni di serie, a raggi, contribuiscono a ricreare la linea estetica del modello già menzionato sopra a cui questa moto è ispirata, ossia la celebre TR6 Trophy del 1956, nota ai più come la moto di Fonzie di Happy Days. Il gusto per il vintage non è però tutto quel che questa moto ha da offrire: il doppio scarico laterale cromato dona alla motocicletta un aspetto muscolare e potente, confermato dalla sua ottima resa su strada. A livello di guidabilità, la Triumph Scrambler offre una via di mezzo eccellente tra la comodità delle stradali e l'energia e la stabilità delle moto da off road: il risultato è un mezzo stabile, leggero alla guida, semplice da portare anche per i meno esperti, ben rispondente ai comandi e dall'ottima accelerazione, nonostante i suoi 230 chili di peso a secco. La produzione, iniziata nel 2006, ha visto susseguirsi alcune varianti molto particolari, ma le modifiche sono per lo più a livello puramente estetico e d'accessori: questa motocicletta è attualmente acquistabile anche nel mercato delle moto usate e, grazie alla grande qualità dei materiali con cui è stata costruita, trovarne una in ottime condizioni sarà veramente semplicissimo.

Una moto fruibile ed agile: Triumph Scrambler per ogni esigenza.

La Triumph Scrambler ha un'altezza di seduta di circa 81 centimetri da terra ed una lunghezza totale che supera di poco i due metri. La sua vocazione ibrida la rende perfetta per essere utilizzata in vari contesti: dal lungo viaggio su strada sino alle avventure in fuori strada, il divertimento e la massima comodità di guida sono garantiti. La Triumph Scrambler prende ispirazione, a livello di design, meccanica e motorizzazione, non solo dal celebre modello TR6 Trophy, ma anche dalla quasi contemporanea Bonneville, soprattutto per quel che riguarda l'utilizzo dei materiali ed alcuni dettagli, come la collocazione e l'altezza del manubrio, la posizione di guida e la presenza del doppio scarico laterale. Proprio la posizione di guida è uno dei punti dolenti per molti appassionati di questo modello: sebbene comodo, il manubrio particolarmente alto costringe a tenere le braccia in tensione per lungo tempo ma, con il tempo, risulterà pratico e confortevole al pari di altri Scrambler.Questo modello monta un impianto di strumentazione elettronica molto sofisticato dedicato al monitoraggio della moto, anche a livello di consumi: l'impianto ad iniezione dell'alimentazione garantisce consumi decisamente bassi, attorno ai 20 chilometri con un litro. I modelli di questa motocicletta si sono susseguiti negli anni senza innovazioni tecnologiche di particolare rilievo, ma con alcune migliorie estetiche notevoli: le colorazioni disponibili variano dal classico nero opaco sino alle tinte bicolore d'ispirazione USA. La Triumph Scrambler continua a godere di un grande successo commerciale, soprattutto nel mercato delle moto usate: questa moto mantiene bene il suo valore nel tempo e può rivelarsi un buon investimento per gli appassionati del genere.

Motorizzazioni disponibili e dettagli.

La Triumph Scrambler monta un motore bicilindrico con raffreddamento ad aria, in grado di erogare 59 cavalli, con regime massimo di 6800 giri al minuto. Il suono emesso è molto similare alle classiche scrambler vintage, che tanto appassiona i cultori del genere, ma risulta leggermente più basso e borbottante, soprattutto ai bassi regimi. La Scrambler, nonostante la sua mole non trascurabile, è una moto scattante e dall'ottima ripresa: il sistema di iniezione elettronico multipoint e le 5 marce piuttosto corte rendono sempre pronta allo scatto questa motocicletta. Le particolari ruote tassellate, piuttosto sottili per mantenere l'aspetto vintage che caratterizza il design di questa motocicletta, garantiscono un'ottima aderenza sia su strada che fuori, aumentando la guidabilità. Una curiosità interessante? I corpi farfallati dell'impianto di iniezione elettronica sono mascherati con una struttura metallica, che replica i carburatori a doppio corpo montati sul modello TR6 Trophy. Dal punto di vista estetico infine, la marmitta è molto particolare e caratterizzante: le paratie borchiate riportano alla mente quel gusto "american vintage" che caratterizza tutta la motocicletta. La grande attenzione per ogni dettaglio e le ottime performance del motore, ben equilibrate tra prestazioni e limitazioni dei consumi, rendono questa motocicletta ottima per chi desidera una due ruote semplice da guidare ma che attiri gli sguardi: trovare una moto usata di ottima qualità è davvero un gioco da ragazzi.