Hobby (caravan): comfort, praticità, convenienza

La concezione di una casa da portare sempre con sé ha origini molto antiche e si rifà agli antichi carri dei nomadi: con l'avvento delle automobili, era inevitabile mettere a punto un rimorchio abitabile. Gli Hobby (caravan) fino agli anni '80 sono rimasti il mezzo preferito per le vacanze itineranti, salvo poi essere sostituiti dai camper. L'equipaggiamento minimo interno degli Hobby (caravan) è composto di combinazioni di divani e tavolini trasformabili in letti, un angolo cottura dotato di fornello, un bagno chimico con un piccolo lavandino. Solitamente sono presenti frigo e stufa di serie, alimentati a gas o con la batteria dell'auto, mentre in campeggio viene utilizzata la corrente da 12 V trasformata e stabilizzata.

Hobby (caravan): alluminio o vetroresina?

Esistono varie tipologie costruttive di Hobby (caravan) riconducibili a due gruppi, in alluminio o in vetroresina. Per la prima, la tipologia più comune e quella con un telaio di listelli di legno, dovutamente isolati e ricoperti esternamente da vetroresina o Alufiber e internamente da compensato: in questo modo si avrà una struttura leggera ma robusta; la "tecnica aeronautica" prevede invece un telaio in alluminio autoportante. Gli Hobby (caravan) in vetroresina, invece, sono composti da due gusci sovrapposti: la roulotte diventa aerodinamica per la mancanza di spigoli vivi.

Hobby (caravan): accorgimenti e garanzie

Prima di acquistare un modello Hobby (caravan) è bene verificare il peso che l'auto di cui ci si serve può legalmente trainare, ricordando che il peso in ordine di marcia del rimorchio dovrebbe essere inferiore all'80% del peso a vuoto del trattore. Per trasportare una roulotte è sufficiente la patente B. Se, però, il peso a pieno carico del veicolo Trattore e del rimorchio sommati superano le 35 t è necessaria la patente E, a meno che la roulotte non sia definita un "rimorchio leggero". Dopo aver prestato attenzione agli accorgimenti base, con Hobby (caravan) si va sul sicuro: si tratta, infatti, della ditta tedesca leader del settore a livello europeo, che esporta all'estero il 67% della propria produzione annuale. Fra i fattori del successo ci sono il design accattivante delle roulotte, le dotazioni moderne, l'approvvigionamento energetico intelligente e il comfort alla guida.
Torna su