Ford metano - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Ford metano

Ford a metano originali

Anche la Ford è stata conquistata dal carburante ecologico e nel 2013 ha lanciato sul mercato la Focus e la C-Max bi-fuel. Entrambe hanno un impianto comandato da una centralina che può commutare l'alimentazione a benzina, arrivando ad un'autonomia totale di circa 900 km. Le Ford a metano sono alimentate da tre bombole posizionate nel portabagagli, che hanno una capienza che permette di percorrere circa 250 km. Il motore è un 2.0 da 145 CV e il costo è leggermente superiore alle versioni a benzina, però bisogna considerare il contributo statale per le auto ecologiche. Non è facile trovare sul mercato delle auto usate Ford Focus e Ford C-Max con l'impianto a metano di fabbrica, perché sono state immesse solamente nel mercato svedese.

Motori a benzina che diventano impianti a metano

Le Ford a metano sono modelli molto comuni da reperire nel mercato delle auto usate, perché la solidità e l’affidabilità dei motori del marchio sono note sin dagli anni 60, con lo storico Ford Transit, tuttora in produzione. Uno dei veicoli di Ford a metano che si trovano più frequentemente è la Ford Mondeo, una macchina solida e affidabile uscita recentemente nella nuova versione in tre modelli. Un’altra Ford a metano che è molto valida è la Fiesta, che, pur essendo un’utilitaria di cilindrata inferiore, regge bene l’impianto sacrificando un po’ di spazio nel bagagliaio. Tra i modelli più recenti sul quale è stato spesso montato l’impianto a metano, ci sono la C-Max e la Fiesta.

Cosa controllare quando si acquista una Ford a metano usata

Le cose importanti da tenere in considerazione quando si acquista una Ford a metano usata sono le stesse di qualunque altra auto, con la differenza che l’alimentazione a metano usura di meno la meccanica rispetto a quella a benzina. Non bisogna spaventarsi se il motore ha molti chilometri, perché a parità di strada percorsa sarà in uno stato migliore rispetto a un motore a benzina. La cosa importante è conoscere la data di immatricolazione dell’impianto e dell’ultima revisione delle bombole, perché gli impianti a gas hanno una scadenza e vanno revisionati ogni quattro anni. Devono anche essere presenti tutti i documenti in regola dell’impianto a metano.