Passa al contenuto principale

Nuovo aspetto – le stesse funzionalità

Scopri il nostro nostro nuovo stile, che stiamo implementando passo dopo passo in tutto il sito.

Un'altra cosa...

Grazie per aver partecipato alla nostra nuova anteprima del design. Vedrete qualche altro cambiamento di colore mentre aggiorniamo la vostra esperienza al nostro design finale.

Auto elettriche e ibride 2020: incentivi nazionali e locali per l'acquisto

Il mese di giugno continua a registrare un sensibile incremento di vendite di auto con motorizzazioni alternative.

Secondo l’analisi di AutoScout24, su base dati UNRAE, rispetto allo stesso mese del 2019 le elettriche sono aumentate del +53,2% (2.228 unità) e le ibride del +84,4% (17.684 unità), raggiungendo una quota totale del 15%. Un segnale evidente che qualcosa sta cambiando e che probabilmente gli incentivi messi a disposizione per l’acquisto di un’auto ibrida ed elettrica, sia dal Governo con l’Ecobonus 2020 sia dalle regioni e dai comuni, iniziano a dare una spinta a questo segmento di mercato.

Incentivi auto elettriche 2020

Guida incentivi auto 2020

Per aiutare i consumatori nel complesso mondo degli incentivi nazionali, locali e regionali, il Centro Studi di AutoScout24 (www.autoscout24.it), il principale portale in Europa di annunci di auto e moto, ha realizzato una guida a livello territoriale, portando alcuni esempi pratici.

Grazie all’Ecobonus del Governo, rottamando un veicolo di classe Euro 4 o inferiore si possono acquistare vetture ibride ed elettriche con uno sconto che arriva fino a €6.000 euro per vetture con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km e a €2.500 da 21 a 70 g/km. Senza rottazione i valori calano rispettivamente a €4.000 e €1.500. Il prezzo di listino dell’auto deve essere inferiore a €50.000 + iva. Gli incentivi, però, non finiscono qui. Accanto a quelli nazionali, anche alcuni comuni e regioni, soprattutto del Nord Italia, hanno introdotto i loro “bonus”, per cui, in base alla località di residenza è possibile ottenere ulteriori sconti per l’acquisto di auto ibride ed elettriche che vanno ad aggiungersi all’Ecobonus nazionale.

Gli incentivi locali per auto elettriche e ibride

Considerando solo le auto elettriche, qual è il risparmio nei singoli territori?

Tra incentivi nazionali e locali, a Milano rottamando un veicolo benzina in classe Euro 2 o inferiore e Diesel Euro 5 o inferiori, si potrebbe ottenere uno sconto fino a ben €15.600 (€9.600 del comune e €6.000 dell’Ecobonus).

In attesa di maggiori dettagli per l’applicazione di questi incentivi, il contributo arriverebbe a coprire massimo il 60% del costo totale del veicolo, escluse Iva e messa su strada.

Nella regione Lombardia, rottamando una vettura benzina in classe Euro 2 o inferiori e Diesel Euro 5 o inferiori, lo sconto totale è di €14.000.

In Valle d’Aosta l’incentivo è di €12.000, ma può arrivare a €21.000 per le imprese. In Veneto, invece, rottamando un veicolo benzina in classe Euro 3 o inferiori, Diesel Euro 5 o inferiori, è di €10.500.

In Friuli- Venezia Giulia si spende in meno €11.000 e vale per le nuove immatricolazioni e per le km 0, oltre a essere l’unica regione ad aver previsto un bonus di almeno €1.500 per l’acquisto di vetture usate purchè abbiano meno di 2 anni dalla prima immatricolazione. A Bolzano e Trento i cittadini risparmiano €10.000.

In Umbria, rottamando un veicolo benzina o diesel in classe Euro 4 o inferiori, l’incentivo è pari a €4.000 per l’acquisto di un’auto elettrica nuova per chi abita a Terni e Narni e si va a sommare, anche in questo caso, a quello nazionale, arrivando a €10.000 in totale.

Anche il Comune dell’Aquila punta sulla mobilità sostenibile grazie ad un bando per chiedere gli incentivi per l’acquisto delle auto elettriche riservato alle partite iva e cittadini. Per i cittadini, considerando anche l’Ecobonus, lo sconto arriva fino a €10.000. I contributi saranno erogati nella misura del 30% dell’acquisto della nuova auto elettrica.

Anche il Piemonte e la Sardegna hanno fissato alcuni incentivi, ma limitati alle piccole e medie imprese. In Piemonte rottamando un veicolo benzina in classe Euro 1 o inferiore o diesel Euro 4 o inferiori lo sconto va da €10.000 a €16.000, a seconda della massa (fra 1 e 12 tonnellate). In Sardegna si registra lo sconto più alto, con €21.000 euro o il 75% del prezzo d’acquisto.

Quanto costerebbero ai privati alcune fra le più diffuse automobili elettriche, e qual è il risparmio?

Considerando tutti gli incentivi, nazionali e locali, ed eventualmente la rottamazione richiesta, con l’Ecobonus gli sconti vanno dal 15% al 26%, in base al modello di auto. Con gli incentivi locali, il risparmio maggiore potrebbe essere per i cittadini milanesi, grazie ad una riduzione per l’acquisto di un’auto elettrica che va dal -31% per la Tesla Model 3 a ben il -67% della Volkswagen e-up!.

Ipotizziamo gli incentivi applicati ai principali modelli in commercio:

Tra i singoli modelli, a fronte della disponibilità degli incentivi locali, la BMW i3 (prezzi da €40.600), si potrà acquistare a €34.600 con l’Ecobonus (-14,8%), ma se si abita a Milano il prezzo cala a €25.000 (-38,4%), a €26.600 in Lombardia (-34,5%) e a €30.100 in Veneto (-25,9%).

Il SUV DS 3 Crossback E-Tense (prezzi da €39.600), con l’Ecobonus scende a €33.600 (-15,2%), per toccare €24.000 a Milano (-39,4%), €25.600 in Lombardia (-35,4%) e €29.100 in Veneto (-26,5%).

La giapponese Nissan Leaf (prezzi da €35.300), con l’Ecobonus costerebbe €29.300 (-17%), ma a Milano sarebbero “sufficienti” €19.700 (-44,2%), €21.300 in Lombardia (-39,7%) e €24.800 in Veneto (-29,7%).

La Peugeot e-208 (prezzi da €33.600) è possibile acquistarla con l’Ecobonus a €27.600 (-17,9%), a Milano €18.000 (-46,4%), in Lombardia a €19.600 (-41,7%) e in Veneto a €23.100 (-31,3%).

La Renault Zoe ha come prezzi €34.100 oppure da €25.900 con batterie a noleggio. In quest’ultimo caso, con l’Ecobonus si scende a €19.900 (-23,2%), a Milano “viene via” per €10.300 (60,2%), in Lombardia a €11.900 (-54,1%) e in Veneto a €15.400 (-40,5%). La Tesla Model 3 parte da 50.480 euro, ma, grazie all’Ecobonus, il suo prezzo scende a €44.480 (-11,9%). A Milano i consumatori spenderebbero €34.880 (-30,9%), in Lombardia €36.480 (-27,7%) e in Veneto €39.980 (-20,8%). L’offerta sul mercato offre la possibilità ai milanesi di poter acquistare una vettura rimanendo al di sotto dei €10.000. E’ il caso della Volkswagen e-up!, l’elettrica più economica sul mercato e della Smart Fortwo.

Efficienza del motore, zero emissioni locali e bassi costi di manutenzione sono tra i vantaggi dell’auto elettrica – commenta Sergio Lanfranchi, Centro Studi di AutoScout24 - Tuttavia, i principali ostacoli sono rappresentati senza dubbio dal prezzo, ancora troppo lontano dal quello medio di un’auto di pari segmento ma con motore termico, dall’autonomia delle batterie e dalla mancanza di un’adeguata rete di ricarica. Ci troviamo quindi in una fase di transizione, che accompagnerà per molti anni l’industria dell’auto e che vedrà probabilmente un significativo aumento di domanda di auto elettriche solo in presenza di importanti incentivi e altrettanti investimenti in tecnologia e in infrastrutture.

Ecobonus auto 2020

   
Emissioni di CO2   
   
Ecobonus con
   rottamazione   
   
Ecobonus senza rottamazione   
   
0-20 g/km   
   
   6.000 euro   
   
   4.000 euro   
   
21-70 g/km   
   
   2.500 euro   
   
   1.500 euro   

Incentivi acquisto auto ibride ed elettriche: gli sconti di regioni e comuni

   
Regione o città   
   
Anno   
   
Alimentazione   
   
Ecobonus   
   
Friuli-Venezia   Giulia   
   
2020   
   
Ibrida (Euro 6,   con cilindrata minore o 3.000 cc)   
   
4.000 euro per   le auto di nuova immatricolazione o uguale a km 0, 2.000 euro per quelle   usate con meno di 2 anni dalla prima immatricolazione   
   
   
   
   
   
Elettrica   
   
5.000   euro per le auto di nuova immatricolazione o km 0, 2.500 euro per quelle   usate con meno di 2 anni dalla prima immatricolazione   
   
Lombardia   (rottamando una benzina in classe Euro 2 o inferiori; Diesel Euro 5 o   inferiori)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
8.000   euro   
   
   
   
   
   
Ibrida (da 1 a   60 g/km di CO2)   
   
Da   4.000 a 6.000 euro, a seconda delle emissioni
   
di NOx   (fino a 60 mg/km, 85,8 mg/km, 126 mg/km)   
   
   
   
   
   
Ibrida   o termica (da 61 a 95 g/km di CO2   
   
Da   3.000 a 5.000 euro, a seconda delle emissioni
   
di NOx   (fino a 60 mg/km, 85,8 mg/km, 126 mg/km)   
   
   
   
   
   
Ibrida o   termica (da 95 a 130 g/km di CO2)   
   
da   2.000 a 4.000 euro (fino a 60 mg/km, 85,8 mg/km 126 mg/km)   
   
Piemonte (per   le piccole e medie imprese, rottamando un veicolo   benzina in classe Euro 1 o inferiore o diesel Euro 4 o inferiori)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
da   6.000 a 10.000 euro, a seconda della massa (fra 1 e 12 tonnellate)   
   
   
   
2020   
   
Ibrida   
   
da   4.000 a 8.000 euro, a seconda della massa (fra 1 e 12 tonnellate)   
   
Valle   d’Aosta   
   
2020-2022   
   
Elettrica   e ibrida (fino 70 g/km di CO2)   
   
6.000   euro per i privati, (fino a 15.000 euro per le imprese)   
   
Sardegna   (per le piccole e medie   imprese)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
15.000 euro, o   il 75% del prezzo d’acquisto, per le auto; 20.000 euro, o il 75%, per i   furgoni; 25.000 euro, o il 75%, per i pulmini.   
   
Veneto (per privati, con   reddito imponibile inferiore a 75.000 euro, rottamando   un veicolo benzina in classe Euro 3 o inferiori, Diesel Euro 5 o inferiori)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
4.500 euro   
   
   
   
   
   
Ibrida (fino a   90 g/km di CO2)   
   
3.000 o 3.500   euro, a seconda delle emissioni di NOx (fino a 90 mg/km, fra 90 e 120 mg/km)   
   
   
   
   
   
Ibrida (fra 90   e 120 g/km di CO2)   
   
3.000 o 3.500   euro, a seconda delle emissioni di NOx (fino a 90 mg/km, fra   90 e 120 mg/km)   
   
Milano   (rottamando un veicolo benzina in classe Euro 1 o inferiore, Diesel Euro 5 o   inferiori)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
9.600 euro o il   60% del prezzo di acquisto   
   
   
   
   
   
Ibrida   
   
6.000 euro o il   60% del prezzo di acquisto   
   
Bolzano e Trento   
   
2020   
   
Elettrica   
   
4.000 euro   
   
   
   
   
   
Ibrida   
   
2.000 euro   
   
L’Aquila   
   
2020   
   
Elettrica   
   
4.000 euro per   i privati, 8.000 euro per i professionisti (per entrambi, fino al 30% del   valore dell’auto)   
   
Terni   e Narni (rottamando un veicolo benzina o diesel in classe Euro 4 o inferiori)   
   
2020   
   
Elettrica   
   
4.000 euro   
   
   
   
   
   
Ibrida   
   
3.000 euro   

Auto elettriche e ibride plug in: cosa aspettarsi

Lo si legge spesso: chi acquista un’auto elettrica o ibrida plug in dev’essere pronto a cambiare non soltanto stile di guida, perché bisogna marciare con grande fluidità evitando frenate e accelerate improvvise, ma anche abitudini. Questo perché si deve tenere conto dei tempi di ricarica, piuttosto lunghi: le ibride plug in hanno bisogno talvolta di 5 ore se collegate alla presa elettrica di casa, le elettriche possono dover restare collegate anche tutta la notte.

Il discorso cambia avendo a disposizione un sistema di ricarica ad alta velocità. Quelli da parete si chiamano wallbox e vanno installati nel box di casa, ma il costo può rivelarsi salato: alcune case lo offrono e in Lombardia e Veneto (ma anche a Bolzano e Trento) c’è uno sconto, ma altrimenti bisogna mettere in conto almeno 1.500 euro. Tramite la wallbox, i tempi di ricarica si riducono circa alla metà. Ci sono poi le colonnine pubbliche, rare e talvolta affollate, dove però i tempi di ricarica si fanno meno prolungati: meno di 2 ore per le ibride plug in, qualche ora le elettriche.

Se i lunghi tempi di ricarica e la ridotta autonomia (specie per le elettriche) sono i punti di demerito delle auto a batterie, quelli a favore sono la maggiore silenziosità di marcia, la possibilità di accedere alle ZTL, i minori costi di manutenzione e gli sgravi fiscali e assicurativi.

A proposito di AutoScout24 AutoScout24 è il più grande marketplace automotive online d’Europa. Consente alle persone di scegliere l’auto dei propri sogni in modo semplice, efficace e stress-free. AutoScout24 permette a dealer e privati di vendere le proprie auto, nuove e usate, attraverso gli annunci pubblicati sul sito. Inoltre, AutoScout24 offre a concessionari, Case auto e altri attori del settore automotive, prodotti pubblicitari, come display advertising e lead generation. Visita il sito web www.autoscout24.it.

Tutti gli articoli

AutoScout24 e mercato auto europeo: quali sono i nuovi trend della mobilità dopo il Covid-19?

Mediacenter · Area Stampa: Comunicati Stampa

Fase 2: AutoScout24 e lo Studio Legale Morpurgo e Associati rispondono ai dubbi dei consumatori e dealer. Cosa cambia dal 4 maggio?

Mediacenter · Area Stampa: Comunicati Stampa

AutoScout24: mercato delle auto usate in fase di "transizione"

Mediacenter · Area Stampa: Comunicati Stampa
Mostra di più