Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
Focus: Acquisto
Focus: Acquisto

Importare auto dagli USA: come si fa, costo

In questo articolo vedremo come si fa a importare auto dagli USA e qual è il costo.

Sono numerosi gli italiani che cercano di importare auto dagli USA. Le motivazioni dietro questa scelta sono diverse: magari si ha l’impressione di concludere un affare interessante, oppure si intende semplicemente accaparrarsi un modello introvabile sul nostro mercato, magari made in USA. Si tratta di un’operazione assolutamente fattibile, ma, nonostante ciò, si tende a sottovalutare la complessità di questa procedura sconosciuta ai più. Infatti, è molto importante sapere come funziona il processo e tutta la normativa in termini di omologazione, così da immatricolare correttamente il veicolo in Italia o in Europa e non avere problematiche di natura burocratica.

Sono diverse le variabili da considerare prima di precipitarsi all’acquisto di un’auto sul mercato americano. È molto facile lasciarsi attrarre dal prezzo particolarmente competitivo, mentre è necessario sapere che sono da aggiungere ulteriori spese, che vi permetteranno di importare il veicolo nel nostro Paese e, successivamente, omologarlo. In questo articolo vedremo come si fa a importare auto dagli USA e qual è il costo.

Sommario

Importare auto dagli USA: come si fa

Importare auto dagli USA non è assolutamente facile, infatti, il potenziale acquirente dovrà fronteggiare una serie di problemi, come la visione della vettura in questione, la conoscenza della lingua inglese (necessaria per conoscere esattamente le condizioni del veicolo) e la spedizione della stessa, che includerà varie imposte e i dazi doganali. L’incertezza in merito allo stato dell’auto aumenta ancor di più se questa è usata. Infatti, se decidete di effettuare un’operazione del genere dovrete accollarvi tutti i rischi del caso, anche se si tratta, almeno all’apparenza, di un buon affare. D’altronde, non è sempre riconosciuta una garanzia per l’importazione dei veicoli dagli USA. L’importanza della lingua deriva anche dalla necessità di leggere le clausole d’acquisto con attenzione, se deciderete di acquistare la vettura attraverso i vari siti americani di compravendita di auto usate.

Per queste ragioni, potrebbe risultare più conveniente domandare la consulenza di un’agenzia specializzata nell’importazione di auto dagli USA. Sono numerosi i portali dedicati a questo scopo presenti sul web e consultandoli avrai la possibilità di conoscere quali modelli possono essere acquistati. I vantaggi derivanti dall’intermediazione di un operatore specializzato sono innegabili, in quanto vi permetteranno di superare una serie di ostacoli, come la gestione della spedizione del veicolo, la lettura consapevole e completa delle clausole d’acquisto, l’impossibilità di visionare al meglio le condizioni del veicolo prima dell’acquisto, l’aggiornamento delle normative europee in materia di omologazione e immatricolazione dei veicoli e il calcolo corretto delle imposte e dei dazi doganali, che sono estremamente variabili.

Come immatricolare auto americane?

Dopo aver provveduto ad acquistare il veicolo che desiderate, dovrete procedere alla sua immatricolazione in Italia. Non si tratta di una procedura complicata, in quanto dovrete semplicemente recarvi presso la sede di competenza del Dipartimento dei Trasporti più vicina, nella quale verranno effettuati dei controlli e, successivamente, vi verrà rilasciata la targa italiana. È bene sapere che potrebbero essere richiesti dei cambiamenti in fase di immatricolazione, ovvero delle modifiche fisiche al mezzo, in quanto potrebbero risultare necessarie in termini di omologazione, così che la circolazione della vettura in questione risulti conforme alla normativa italiana vigente. Un esempio è rappresentato dagli indicatori di direzione, in quanto in Italia sono giallo ambra, mentre negli USA sono rossi. Perciò aspettatevi delle modifiche più o meno invasive a seconda dell’auto importata.

Importare auto dagli USA: costo

I vari elementi che vanno a comporre il costo totale dell’importazione di un’auto dagli USA sono: i costi di spedizione del veicolo dagli Stati Uniti all’Italia, l’IVA, i dazi doganali e i costi di immatricolazione. Per quanto riguarda i primi, è consigliabile rivolgersi a una società specializzata in spedizioni di questo tipo, anche perché alcune di esse includono nel loro servizio il versamento dei dazi doganali e dell’IVA. Il prezzo relativo al solo trasporto via mare si aggira tra i 2.000 e i 4.000 euro, in base al porto di partenza. A questo importo va aggiunto anche quello relativo al trasporto interno, ovvero lo spostamento della vettura dal luogo in cui si trova al porto più vicino.

L’IVA del 22% viene calcolata in base alla somma del valore della vettura, dei noli marittimi, dei dazi doganali e delle spese di trasporto.

Passiamo ora ai dazi doganali: possono raggiungere il 10% circa del valore dell’auto, ma anche il 22%, se parliamo di pick-up, camion o furgoni, con l’aria di carico maggiore del 50% della lunghezza del veicolo. Se si intende importare delle motociclette, i dazi sono minori, attestandosi all’8% per quelle di cilindrata fino a 250 cc e al 6% per quelle di cilindrata superiore a 250 cc.

Quanto costa immatricolare un’auto americana in Italia?

Infine, abbiamo le spese di immatricolazione, che sono strettamente legate alle caratteristiche fisiche della vettura, ovvero se queste sono perfettamente conformi alla normativa europea oppure se è necessario un intervento per conseguire l’omologazione. Al netto delle possibili modifiche richieste, le spese di immatricolazione di auto americane sono assolutamente alla portata, infatti sono di circa 100 euro.

Come evitare le truffe?

Come abbiamo già specificato nell’introduzione, importare auto dagli USA è un’operazione complicata, a causa dei diversi ostacoli che potrebbero rendere più difficile il conseguimento dell’operazione. Detto questo, vogliamo ricordare che affidarsi ad una società operante in questo ambito può essere la soluzione migliore, in quanto detengono maggiori competenze e qualifiche in materia. Se decidete di fare il tutto in autonomia, allora dovrete fare attenzione a diversi fattori prima di procedere alla conclusione della trattativa di compravendita. Infatti, non è assolutamente difficile importare dagli Stati Uniti delle vetture che hanno subito incidenti, anche gravi. In questi casi, i venditori tendono a farle riparare a costi davvero bassi, così da reimmetterle sul mercato a prezzi davvero competitivi.

Negli USA è previsto che un veicolo coinvolto in un incidente di una certa entità deve essere necessariamente cancellato dal Dipartimento dei Trasporti locale. In questo modo si produce una vera e propria attestazione che rende illegale la circolazione della vettura incidentata sulle strade americane. Questa radiazione porta molti proprietari a decidere di venderla per ricambi o per esportazione. Questa pratica è assolutamente legale e la legislazione europea non limita in alcun modo l’importazione di veicoli sinistrati, che in Europa vengono acquisiti a prezzi davvero minimi, per poi ripararli frettolosamente e rimetterli sul mercato. Per i suddetti motivi, cercate sempre di diffidare dalle offerte “stracciate” e di richiedere i certificati di provenienza.

Perché le auto americane sono più costose in Italia?

Le case automobilistiche hanno riscontrato particolari difficoltà nella produzione dei propri modelli, applicando degli aumenti non indifferenti sui prezzi. Infatti, non è assolutamente difficile imbattersi in auto nuove americane che costano 10 o addirittura 20 mila euro in più rispetto al listino. Questo è dovuto principalmente alla crisi dei chip e alle problematiche della pandemia, oltre che alle grandi variazioni causate dalla legge della domanda e dell’offerta. Per far fronte alla scarsità dei semiconduttori, le aziende hanno ridotto la disponibilità degli optional e reso più aleatorie le tempistiche di consegna. Con questo non intendiamo che non sia più possibile configurare un’auto da zero, ma bisogna essere disposti ad accettare il rischio di vederla pronta dopo svariati mesi.

Tutti gli articoli

Importazione auto: la guida completa

Consigli · Acquistare auto all'estero

Nuovo Codice della Strada: targa estera e registro veicoli esteri, tutte le novità

Consigli · Acquistare auto all'estero

Importazione auto dalla Germania: cosa fare, conviene, versamento IVA, costi

Consigli · Acquistare auto all'estero
Mostra di più