Passa al contenuto principale

Nuovo aspetto – le stesse funzionalità

Scopri il nostro nostro nuovo stile, che stiamo implementando passo dopo passo in tutto il sito.

Un'altra cosa...

Grazie per aver partecipato alla nostra nuova anteprima del design. Vedrete qualche altro cambiamento di colore mentre aggiorniamo la vostra esperienza al nostro design finale.

Focus: Acquisto
Focus: Acquisto

Importare auto dagli USA

Ci sono mille motivi che possono spingere un utente ad acquistare un’automobile negli Stati Uniti.

Il più delle volte lo si fa con lo scopo di mettere a segno un affare economicamente valido, ma in altri casi è solo la realizzazione di un sogno, quello di poter guidare veicoli affascinanti che solitamente si ammirano solo nei film, come la Ford Mustang, una mitica Chevrolet Corvette o un maestoso pick-up. Se c’è qualcuno che si chiede se è possibile importare un’auto dagli Stati Uniti, la risposta è affermativa. Bisogna solo vedere quanto conviene, non solo in termini di prezzo, ma anche come iter burocratico. In questa guida vedremo come importare un’auto dagli USA.

Come effettuare il pagamento

Il primo passo dietro l’importazione di un’auto dagli USA è quello più ovvio, il pagamento. Affinché non ci siano problemi con il Fisco italiano, il pagamento deve avvenire obbligatoriamente attraverso bonifico internazionale. Oggi la stragrande maggioranza delle banche offrono il servizio di bonifico internazionale, e grazie alla digitalizzazione degli istituti di credito è possibile fare l’operazione direttamente online senza lunghe attese in filiale.

Fase di spedizione

Una volta acquistato il veicolo, per importare un’auto dagli USA occorre chiaramente servirsi di un apposita ditta di spedizioni. Sono numerose le società che effettuano questo tipo di spedizione, e nel tariffario includono, oltre le spese di trasporto effettivo, anche quelle per tutte le tipologie di tassazioni previste, compresi i dazi doganali. I soli dazi doganali corrispondono a circa il 10% del valore della vettura, mentre l’IVA viene calcolata al 22% sulla somma che si ottiene dal valore del veicolo + il 10%. Iva e dazi doganali fanno già quindi da soli salire vertiginosamente la spesa, e non è ancora finita qui.

L’immatricolazione

Per circolare sulle strade italiane, la vettura proveniente dagli Stati Uniti deve prima essere immatricolata in Italia. Per farlo, occorre portarla presso la sede del Dipartimento dei Trasporti Terrestri di zona, e dopo una serie accurata di controlli (e con un mese circa di pazienza) arrivano finalmente le targhe italiane. In fase di immatricolazione, inoltre, molte auto statunitensi devono ricevere l’omologazione, ovvero alcune modifiche per poter circolare in Italia. Ad esempio: gli indicatori di direzione in America sono rossi, mentre da noi sono giallo ambra. Solo alla fine di questo iter potrete finalmente poter guidare il vostro bolide made in USA.

Tutti gli articoli

Comprare auto all'estero

Acquisto di auto · Acquistare auto all'estero

Importazione auto dalla Germania

Acquisto di auto · Acquistare auto all'estero
Mostra di più