Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Pagamento Bollo auto 2022

Il bollo auto è una tassa obbligatoria, da versare annualmente.

È sicuramente tra le meno amate dagli automobilisti italiani, anche se deve necessariamente essere pagata indipendentemente dall’uso effettivo del veicolo. Anche quest’anno, è previsto il pagamento bollo auto 2022. Recentemente, alcune indiscrezioni parlavano di una possibile cancellazione di questa tassa, ma, purtroppo, il Governo non ha dato alcuna indicazione in questo senso.

Oltre a questo, non è stato neanche accolto un emendamento in cui veniva richiesta l’abolizione del superbollo. Quest’ultimo non è altro che una tassa aggiuntiva, che viene comminata esclusivamente ai proprietari di veicoli caratterizzati da potenza superiore a 185 kW. L’unica vera novità di quest’anno riguarda la rottamazione delle cartelle esattoriali per il bollo auto non pagato, con importi minori a 5.000 euro e in relazione al periodo 2000-2010. Infatti, già dallo scorso novembre, questi debiti sono stati definitivamente estinti. I Governi che si sono susseguiti nel corso della pandemia hanno varato una serie di disposizioni volte a tutelare gli automobilisti, a causa delle evidenti difficoltà economiche riscontrate a seguito dello stato di emergenza. Sono stati emanati svariati decreti volti a prorogare il pagamento del bollo auto, ma determinate regioni hanno adottare degli specifici provvedimenti, come il rimborso dell’importo per autobus turistici, NCC e taxi, a causa dell’impossibilità di circolare sul territorio liberamento data dal periodo di lockdown. In questo articolo vedremo come funziona il pagamento bollo auto 2022.

Pagamento Bollo auto 2022

Tutti i proprietari dei veicoli, a meno che non godano di particolari esenzioni, sono tenuti al pagamento bollo auto 2022. Si tratta di un’imposta di competenza regionale, pertanto, le varie regole che la caratterizzano, possono variare per quanto riguarda il primo versamento e il rinnovo. In quest’ultimo caso, il pagamento dell’importo viene effettuato seguendo un certo calendario, con la possibilità di eseguirlo fino all’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del precedente bollo.

Per il pagamento Bollo auto 2022, avrete più possibilità. Infatti, per effettuare questa operazione potrete rivolgervi presso uno sportello ACI, recarvi in tabaccheria o usufruire dei servizi di home banking. Attualmente, le principali modalità di pagamento del bollo auto, sia fisicamente che online, sono: home banking, Poste Italiane, punti vendita Lottomatica e Sisal, Satispay, app IO, sportelli ATM abilitati, domiciliazione bancaria con sconto al 15% (non è valida ovunque), agenzie di pratiche auto, Agenzia delle Entrate, sito dell’ACI. Se avete intenzione di verificare il pagamento del bollo negli scorsi anni, allora potrete optare per due strade: accedere al portale ACI, oppure farlo al sito web dell’Agenzia delle Entrate. È possibile determinare in anticipo la cifra da versare facendo riferimento alla classe ambientale di appartenenza e alla potenza del veicolo in kilowatt. Quest’ultima è facilmente rinvenibile, così come la classe ambientale, dato che la prima è riportata nella voce P.2 della carta di circolazione, mentre la seconda nella voce V.9 dello stesso documento. Nel caso non si fosse particolarmente pratici con gli strumenti tecnologici, è possibile rivolgersi a uno sportello ACI del proprio Comune, dove andrete a fornire i dati relativi alla vettura, eseguire il pagamento del bollo e, eventualmente, saldare anche gli arretrati. Il sistema PagoPa rappresenta un altro metodo di pagamento del bollo auto. Parliamo sicuramente di una delle vie più semplice, in quanto vi consentirà di completare la transazione molto velocemente. In alternativa, è possibile usufruire dei vari servizi online. Ad esempio, collegandosi al sito bollo.aci.it, l’operazione verrà effettuata direttamente da casa vostra o dove vi trovate. Lo stesso meccanismo si ha pagando il bollo mediante il proprio home banking.

Un’opportunità interessante è rappresentata dal cashback di stato, che offre un piccolo sconto sul versamento del bollo, del 10%. Infatti, procedendo al pagamento della somma richiesta mediante bancomat, carta di credito o di debito, oppure attraverso sportelli postali e agenzie ACI, così come app specifiche, si avrà diritto a godere di un sconto di massimo 15 euro, per gli importi minori di 150 euro.

Per quanto riguarda la scadenza del pagamento bollo auto 2022, non ci sono dei termini univoci. A partire dal 31 gennaio 2022, tutti i proprietari di veicoli sono tenuti al versamento di questo tributo, se questo scade il 31 dicembre dell’anno precedente. Se invece il termine ultimo è il 31 gennaio, allora dovrete effettuare il pagamento entro il 28 febbraio 2022 e così via. Il discorso cambia per gli automobilisti piemontesi e lombardi, i quali dovranno procedere al versamento del bollo non più tardi dell’ultimo giorno del mese successivo a quello dell’immatricolazione.

In precedenza, abbiamo accennato alla possibilità di esenzione, infatti in alcuni casi è possibile usufruirne. Per coloro a cui si applica la Legge 104, che hanno acquistato un nuovo veicolo con le agevolazioni previste, non è imposto il pagamento del bollo auto. Lo stesso discorso vale per i possessori di vetture elettriche, con un’esenzione sui primi cinque anni, e quelli di veicoli storici con almeno 30 anni, i quali non saranno mai soggetti al versamento del bollo. A questo punto vi starete chiedendo quali siano le conseguenze di non aver pagato il bollo. In una situazione del genere, c’è il rischio di pagare somme piuttosto ingenti o, addirittura, di subire il fermo amministrativo della vettura. Se il bollo non viene regolarmente pagato, verrà inviata al proprietario del veicolo una cartella esattoriale, indicante l’importo richiesto, che sarà maggiorato di interessi e sanzioni. Se questa richiesta di pagamento viene ignorata, allora si andrà ad applicare il fermo amministrativo sull’automobile, conseguendo una serie di problematiche a livello pratico, che conducono, infine, alla cancellazione della stessa dagli archivi del PRA (Pubblico Registro Automobilistico) della Regione in questione.

Molti hanno sperato, in particolar modo negli ultimi anni, che l’abolizione del bollo auto potesse essere un evento reale, ma, almeno in questo momento, pare materialmente impossibile. Soprattutto in un periodo di crisi come questo, dovuto alla pandemia, è molto difficile vedere delle amministrazioni regionali disposte a ridurre le proprie entrate attraverso la cancellazione di questo tributo. Si è parlato anche di una possibile cancellazione del superbollo, creato per penalizzare i possessori di auto di fascia alta, e, pure in questo caso, il Governo ha deciso di mantenere questa tassa piuttosto odiata per quella relativa fetta di mercato.

Quando si deve pagare il bollo auto?

Per quanto riguarda il pagamento bollo auto 2022, vige la regola generale che prevede il versamento dell’importo entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza. Gli automobilisti della Lombardia e del Piemonte non dovranno provvedere al pagamento entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di immatricolazione.

Dove si può pagare il bollo auto?

Per pagare il bollo auto è possibile scegliere una tra le numerose soluzioni disponibili, come il servizio di home banking della propria banca, l’app IO, il sito PagoPA, i punti vendita Sisal e Lottomatica, ma anche recandosi presso uno sportello ACI, se non si è particolarmente avvezzi con gli strumenti digitali.

Cos’è il bollo auto?

Il bollo auto è una tassa relativa al possesso di un veicolo iscritto regolarmente al PRA (Pubblico Registro Automobilistico), che deve essere versata con cadenza annuale, indipendentemente dall’uso effettivo del mezzo in questione. Il superbollo è una variante del suddetto tributo e investe esclusivamente le vetture con potenza superiore a 185 kW.

Tutti gli articoli

Scadenza revisione auto: costo, ogni quanto, revisione moto, sanzioni

Consigli · Burocrazia auto

Posizione di guida corretta in moto: la guida

Consigli · Burocrazia auto

Targa prova: cos’è, come funziona, chi può usarla

Consigli · Burocrazia auto
Mostra di più