Passa al contenuto principale
Focus: Diesel
Focus: Diesel

Area B e area C Milano: cosa sono e come funzionano

Milano è la città italiana che più si è mossa sul fronte dell’inquinamento ambientale, tanto da aver creato due zone a traffico limitato, Area B e Area C, entrambe con un sistema di accessi.

Milano è la città italiana che più si è mossa sul fronte dell’inquinamento ambientale, tanto da aver creato due zone a traffico limitato entrambe con un sistema di accessi: in Area B, più estesa, possono entrare senza un ticket d’ingresso anche le auto meno recenti, mentre il ticket gratuito di accesso ad Area C (più centrale) è riservato solo alle auto elettriche e a quelle ibride poco inquinanti (le altre pagano 5 euro al giorno).

Area B: orari e multe

Area C è stata creata nel 2012, mentre Area B ha preso il via a gennaio 2018. La superficie di Area B corrisponde a gran parte del territorio della città di Milano. A delimitarla sono 186 varchi elettronici, che fotografano la targa dell’auto in ingresso e in uscita dai varchi stessi: se un’auto in divieto entra in Area B alle ore 7.30, l’orario in cui si “attivano” le telecamere, non può uscirne prima delle 19.30 (quasi si spengono le telecamere), a costo di prendere la multa. Area B quindi è attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle 19.30, mentre non è attiva sabato, domenica e nei giorni festivi.

Le multe per chi entra in Area B senza averne diritto sono salate, perché i trasgressori pagano una sanzione da 163 a 658 euro. In caso di recidiva nel biennio, ovvero se commette la stessa infrazione due volte in due anni, va incontro alla sospensione della patente da 15 a 30 giorni.

Area B: come si entra?

Per accedere ad Area B non serve un ticket d’ingresso, perché fa testo la classe Euro del veicolo. Al momento non sono previsti limiti di alcun tipo per le auto benzina Euro 5, Euro 6, per le auto a gas (gpl e metano), le auto ibride e le auto elettriche, mentre le auto diesel verranno lasciate fuori progressivamente entro il 2030.

L’accesso invece è proibito alle auto benzina Euro 0; alle auto diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 e Euro 3 senza filtro anti-particolato FAP; alle auto diesel Euro 3 senza FAP e con campo V.5 nella carta circolazione superiore a 0,025 g/km; alle auto diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 con FAP montato dopo l’acquisto ma classe Euro per le emissioni di particolato inferiore alla Euro 4; auto diesel-gpl e auto diesel-metano Euro 0, Euro 1 e Euro 2. Per conoscere la classe Euro della propria auto bisogna connettersi al sito internet www.ilportaledellautomobilista.it, andando nella sezione Seleziona Servizi Online, cliccando su Verifica Classe Ambientale e inserendo tipo di veicolo e targa dell’auto.

Dal 1 ottobre 2019 l’accesso ad Area B sarà vietato alle auto diesel Euro 4 senza FAP; alle auto diesel Euro 3 e Euro 4 con FAP e campo V.5 sulla carta di circolazione inferiore a 0,0045 g/km; alle auto diesel Euro 4 con FAP e senza valore nel campo V.5 della carta di circolazione; alle auto diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 e Euro 4 con FAP installato dopo il 31/12/2018 e con classe Euro per le emissioni di particolato non inferiore alla Euro 4 compresa.

Le auto diesel Euro 4 senza FAP, tuttavia, a partire dal 1 ottobre 2019 hanno 50 giornate di circolazione in deroga fino al 1 ottobre 2020: ciò significa che possono entrare in Area B senza il timore di ricevere una multa. Al termine di tale periodo, il veicolo può usufruire di ulteriori 25 giornate di circolazione (per i residenti nel Comune di Milano) oppure di 5 giornate di circolazione in deroga all’anno. Per farlo bisogna registrare la targa dell’auto al sito internet https://www.comune.milano.it/servizi/area-b-registrati-e-gestisci-i-permessi.

Area C: come funziona e chi può entrare?

Più piccola nelle dimensioni, ma presente da diversi anni, l’Area C di Milano, invece, mantiene blocchi molto più restrittivi rispetto all’Area B di recente introduzione.

Per chi conosce Milano, l’Area C coincide con la Cerchia dei Bastioni e conta ben 43 varchi di ingresso controllati dalle telecamere. In questa area del capoluogo Lombardo l’accesso è gratuito esclusivamente per i veicoli elettrici, ciclomotori e motoveicoli, per i veicoli che trasportano disabili (muniti di contrassegno) oppure persone dirette al pronto soccorso ospedaliero. Anche i veicoli ibridi (classe M1) con emissioni inferiori o pari ai 100 g/km sono esenti dal pagamento. Gratis, ma solo fino al 1 ottobre 2022, anche le ibride che superano tale soglia, e fino al 1 ottobre 2023 le ibride della altre classi (M2, M3, N1, N2, N3).

Se non ho un veicolo che rispetta le seguenti direttive, come si paga l’Area C?

Per entrare in Area C si deve acquistare il ticket e attivarlo, cioè associare il codice di quest’ultimo alla targa della vettura. Il ticket dell’Area C ha durata giornaliera, costa 5 euro (ma si paga anche meno se ci sono delle convenzioni, ad esempio con i parcheggi) e si può acquistare (e attivare) in diverse maniere, attraverso internet o telefonicamente, come è ben spiegato sulla pagina internet dedicata del Comune di Milano https://www.comune.milano.it/servizi/area-c-acquisto-ticket-attivazione-ricarica.

Oltre a questi due metodi, il ticket Area C si può acquistare nelle autorimesse convenzionate, nelle tabaccherie, edicole, ATM point, nei bancomat abilitati di Intesa San Paolo, nei parcometri, ai terminali Lottomatica e Sisal, tramite addebito automatico su PayPal e con il Telepass.

È bene, infine, ricordare che si può pagare fino alla mezzanotte del giorno dopo in cui si è effettuato l’accesso all’Area C, quindi si può entrare e pagare successivamente. Scaduto il tempo limite si incorre in una multa. Quant’è la multa per mancato pagamento dell’Area C? Il costo oscilla da un minimo di 80,00 euro ad un massimo di 335,00 euro. Se la multa viene pagata entro 5 giorni dalla notifica si ha lo sconto del 30%.

I blocchi in arrivo per l’Area B

Una nuova “tornata” di blocchi è prevista dal 1 ottobre 2020, quando l’accesso sarà vietato alle auto benzina Euro 1, mentre dal 1 ottobre 2022 non potranno più entrare ad Area B le auto benzina Euro 2; le auto diesel Euro 3 e Euro 4 con FAP e campo V.5 sulla carta di circolazione inferiore a 0,0045 g/km; le auto diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4 con FAP installato dopo l’acquisto (entro il 31/!2/2018) e con classe Euro per le emissioni di particolato non inferiore alla Euro 4 compresa; le auto diesel Euro 5.

Il 1 ottobre 2025 entreranno in vigore i divieti per le auto benzina Euro 3 e le auto diesel Euro 6a, Euro 6b e Euro 6c, mentre dal 1 ottobre verrà proibito l’ingresso ad Area B alle auto benzina Euro 4 e alle auto diesel Euro 6a, Euro 6b e Euro 6c. L’ultimo blocco è previsto il 1 ottobre 2030: da questa data andranno fermate le auto diesel Euro 6d-Temp e le Euro 6d.

Infografica: Tutte le fasi Area B

La mappa dettagliata della Area B e della Area C di Milano

Tutti gli articoli

Quali auto diesel sono soggette a divieto di circolazione?

Diesel · Cosa c'è da sapere sulle auto diesel

Standard di emissione: cos’è la normativa Euro?

Diesel · Cosa c'è da sapere sulle auto diesel

Come aumentare i cavalli delle auto diesel?

Diesel · Cosa c'è da sapere sulle auto diesel
Mostra di più