Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.
Focus: Acquisto
Focus: Acquisto

Auto nuova: quale scegliere, quale alimentazione e quale costa meno

L'acquisto dell'auto è sempre un momento importante; vediamo alcuni consigli sulla scelta, con quale alimentazioni e quali auto nuove costano meno.

L’acquisto di una auto nuova è un passo importante che viene compiuto da un automobilista. È un investimento molto impegnativo, purtroppo facilmente screditato della sua autentica importanza. Prima di prendere la decisione finale, ciascun automobilista passa per un processo di analisi peculiare dove vengono presi in considerazione aspetti come la praticità, l’utilizzo, l’alimentazione, il motore, il design e la modalità d’acquisto. Sul mercato le offerte sono a dir poco illimitate, ma al tempo stesso è facile non riuscire a soddisfare tutti i criteri di ricerca.

Vediamo quale auto nuova scegliere, con quale alimentazione e quali auto nuove costano meno nel nostro articolo di approfondimento.

Sommario

Guidare

Quale auto nuova scegliere

Per scegliere accuratamente una auto nuova, è consigliabile seguire una sorta di scaletta, di procedura, capace di dare ausilio all’automobilista senza recarsi in tutte le concessionarie dei vari brand. Mediante l’utilizzo di internet, è possibile ricorrere a dei comparatori affidabili e capaci di dare una mano concreta nella scrematura del vastissimo mercato automobilistico.

I 6 passi da seguire per il miglior acquisto possibile di una auto nuova sono i seguenti:

  1. Si parte certamente dalla motorizzazione dell’auto e dalla potenza. Bisogna fare questa scelta valutando accuratamente la quantità di utilizzo dell’auto, la modalità, le strade sulle quali si viaggia solitamente (se principalmente in città oppure su strade extraurbane), la quantità di chilometri percorsi. Individuata la coppia motore-potenza, resteranno all’incirca cinque o sei modelli di automobili;
  2. Individuati quei cinque o sei modelli dotati della giusta motorizzazione e potenza, la comparazione si focalizza sui sistemi di ausilio alla guida ed optionals che risultano necessari per guidare in sicurezza e dando soddisfazione alle varie esigenze dell’automobilista. L’analisi è principalmente incentrata su quali di questi dispositivi siano accessibili economicamente e, in alcuni casi, addirittura inclusi nel pacchetto di serie. Si arriva così ad avere un quadro composto da tre o quattro veicoli;
  3. Con tre o quattro automobili sotto la lente d’ingrandimento, si passa ad analizzare l’aspetto economico nel pieno rispetto del budget prefissato. È una cernita che porta a ritrovarsi al massimo con una scelta ridotta a due o tre vetture;
  4. Si giunge così al momento di recarsi presso le varie concessionarie per conoscere il prezzo finito per l’acquisto dell’auto nuova;
  5. Conosciuto il prezzo finale, bisogna valutare la modalità di acquisto tra compravendita tradizionale, noleggio a medio/lungo termine, leasing, finanziamento;
  6. Firmato il contratto d’acquisto giunge il momento di affidarsi alla burocrazia ed attendere il momento in cui ci si mette al volante dell’auto scelta.

Quale alimentazione scegliere per l’auto nuova

Essendo in pienissima, ed accelerata, transizione ecologica, la scelta dell’alimentazione di un’auto nuova è d’importanza basilare e principale. Con la dismissione sempre più incrementata dei motori termici, non è possibile incappare nell’errore di acquistare un’autovettura nuova con un motore sbagliato, per poi doversi liberare del veicolo svalutandolo. Tenuto conto della transizione ecologica, va data importanza alle necessità e modalità di utilizzo.

Le varie alimentazioni presenti sul mercato dell’automobile sono:

  • Benzina: se si circola principalmente in città e non superando la soglia dei 20.000 km annui, l’acquisto di un’automobile alimentata a benzina potrebbe essere una buona scelta. Il prezzo d’acquisto di queste auto nuove è competitivo, ma al tempo stesso si scontra con l’elevato costo del carburante al distributore. Scegliere un motore a benzina è consigliabile anche per coloro i quali desiderano una macchina ad alte prestazioni, essendo queste le auto ideali per chi cerca forti emozioni alla guida. Infine, le vetture a benzina sono meno soggette a limitazioni alla circolazione rispetto a quelle a gasolio;
  • Diesel: i motori diesel (oppure a gasolio) sono la scelta più effettuata da chi percorre grandi distanze e, quindi, un elevato chilometraggio annuale. Sono i consumi fortemente ridotti ad incentivarne la vendita, nonché un buon confort durante la guida e buone prestazioni. Inoltre, il costo di questo carburante è leggermente più contenuto quando si va a fare rifornimento. Il motore è degno di nota, in quanto girando a bassi giri, è il più longevo. Le auto con questo tipo di alimentazione sono, però, soggette a numerose restrizioni, soprattutto nelle grandi metropoli. Su questi motori va anche aggiunta la spesa dell’Ecotassa, è quindi necessario acquistare un’auto con livelli di emissioni di CO2 inferiori a 190 g/Km;
  • GPL: da sempre le auto a GPL costituiscono la principale alternativa sul mercato per chi vuole risparmiare in rifornimenti. Più si fa rifornimento e più si risparmia, questo è il concetto che si porta avanti da anni, poiché il GPL costa meno della metà della benzina. Questo carburante si può definire “a basso impatto ambientale”, essendo molto più green rispetto a tutti gli altri. Anche in caso di blocchi al traffico, chi guida un motore a GPL circola liberamente. Il rovescio della medaglia lo si ritrova però nella manutenzione ordinaria, in quanto le auto a GPL richiedono controlli periodici più frequenti rispetto a quelle tradizionali (ogni 15.000 – 20.000 Km), ma una manutenzione straordinaria minima, con la sostituzione della bombola gas da effettuare ogni 10 anni;
  • Metano: il gas naturale metano è il carburante senza dubbio più economico tra quelli elencati fino ad ora. Essendo un gas volatile estratto da pozzi naturali, rilascia quantità minime di gas serra. Le auto con questo tipo di alimentazione emettono circa il 20% di CO2 in meno e la concentrazione di ossidi di azoto è inferiore rispetto al gasolio di percentuali mostruose come il 95%. Percorre più km di un’auto a benzina ma richiede una manutenzione più accurata. Risulta quindi necessario l’impianto di bombole più sofisticate, data l’alta pressione di stoccaggio del metano. Vista la sua scarsa diffusione, non è semplice trovarlo nelle stazioni di rifornimento e per ogni rifornimento si deve per uscire dal centro abitato;
  • Ibrida: le auto ad alimentazione ibrida permettono di ridurre l’impatto ambientale rispetto ai veicoli tradizionali alimentati con combustibili. A seconda dello stile di guida e dal tipo di utilizzo che si fa del mezzo, il risparmio del carburante può essere notevole, soprattutto se l’auto viene utilizzata esclusivamente in città. I benefici, però, si riducono palesemente se la guida di queste auto avviene soprattutto in autostrada o su strade extraurbane. Sono classificate come Full Hybrid (con costo di acquisto contenuto) e Plug-in (dal costo di acquisto più elevato). Le prime sono più adatte ad una guida cittadina, mentre le seconde anche alla percorrenza di lunghe tratte;
  • Elettrica: l’alimentazione elettrica costituisce la principale strada percorribile verso la totale sostenibilità ambientale. Le case produttrici stanno impiegando quasi tutte le loro risorse per ottimizzare nel più breve tempo possibile questa motorizzazione e metterla sul mercato in maniera esclusiva. Le auto elettriche sono sicuramente i veicoli più green grazie alle emissioni zero. Acquistando un’auto nuova elettrica si potrà godere dell’esenzione dal pagamento del bollo auto e dalle restrizioni alla circolazione, più i forti incentivi per l’acquisto. Compensa i suoi alti costi di acquisto, con il basso costo per la ricarica. Purtroppo, la rete di colonnine non è ancora così ben capillarizzata da permetterne un’espansione globale. Il loro utilizzo è consigliabile soprattutto in città ed in tratti di breve percorrenza, poiché il tempo richiesto per la ricarica non è spesso così rapido.

Scelta dell-auto

Quale auto nuova costa meno

Per quanto possa essere vasto il mercato, ci sono quattro auto nuove che costano meno delle altre, con cifre sensibilmente inferiori alla concorrenza.

  • Dacia Sandero: l’utilitaria rumena, nella sua ultimissima versione, è stata come al solito sviluppata dalla meccanica e dal telaio della Renault Clio. Il suo stile è però differente ed al tempo stesso tutto sommato gradevole. La finitura degli interni non è al top, ma non è nemmeno insoddisfacente, ha sommariamente una finitura di buon livello. Caratteristiche che fanno della Sandero l’unica vettura nel listino del nuovo con prezzi a partire da sotto i 10.000 euro;

  • Kia Picanto: è indubbiamente una delle vetture economiche più concorrenziali grazie ai suoi prezzi popolari. Il motore 1.0 è perfetto per gli spostamenti cittadini e piuttosto contenuti risultano essere i consumi;

  • Fiat Panda: è per tutti gli italiani l’utilitaria di riferimento del segmento. Sin dagli anni ‘80 è sempre in testa alle classifiche di vendita. Per acquistarla a poco prezzo è utile controllare il mercato delle Km 0. Qui le versioni con motore 1.2 benzina ed allestimento base hanno prezzi decisamente al di sotto dei 10.000 euro. Interessante anche le componentistiche di ricambio, le quali sono tra le più economiche sul mercato italiano;

  • Hyundai i10: la piccola vettura Made in Korea (del Sud), offre un interessante connubio tra design accattivante e motore brillante. Il 1.0 da 66 CV si rivela adeguato per la massa contenuta della vettura ed i prezzi sul mercato delle Km 0 sono decisamente concorrenziali.

Prezzi aggiornati al 31/12/2021

Domande comuni auto nuove

Dove comprare auto nuove a prezzi stracciati?

Le auto nuove a basso prezzo si possono cercare prima online e poi facendo il classico giro delle concessionarie. Si comincia dal web e dai relativi strumenti online, perché per fare un buon acquisto occorrono tempo e pazienza per trovare l’auto giusta alle migliori condizioni. Affidabilissimo è il sito di AutoScout24.

Qual è la migliore utilitaria sul mercato?

Sono ben 10 le migliori utilitarie presenti sul mercato delle auto nuove. Le vetture in questione sono: Opel Corsa, Peugeot 208, Toyota Yaris, Ranault Clio, Ford Fiesta, Citroen C3, Dacia Sandero e Lancia Ypsilon.

Che macchina comprare nuova?

Per quel che il mercato dell’auto nuova offre al momento, le auto consigliate sono: Citroen C1 al prezzo di 10.750 €, Renault Twingo per 12.950 €, Dacia Dokker a 13.900 € e Peugeot 108 sborsando 13.600 €.

Quali sono le migliori auto da comprare per rapporto qualità/prezzo?

Se si cerca un ottimo rapporto tra la qualità della vettura ed il prezzo con il quale viene venduta, le migliori automobili sono: Fiat Panda, Lancia Ypsilon, Dacia Duster, Citroen C3, Renault Clio, Jeep Renegade, Volkswagen T-Roc e Toyota Yaris.

Tutti gli articoli

youngtimer - autoscout24

Auto youngtimer: significato, in vendita, da comprare

Consigli · Prima dell'acquisto
Incentivi auto 2022 - ecobonus ibride - elettriche - benzina - diesel

Incentivi rottamazione auto 2022, in Veneto fino a 6000 euro di sconto

Consigli · Prima dell'acquisto
Al via i nuovi incentivi auto 2022 e per le colonnine di ricarica private e condominiali

Al via i nuovi incentivi auto 2022 e per le colonnine di ricarica private e condominiali

Consigli · Prima dell'acquisto
Mostra di più