Spia esp accesa

La spia ESP è un indicatore del controllo elettronico della stabilità, ovvero di quel sistema che regola la potenza del motore e frena le ruote con diversa intensità, in modo da evitare una sbandata dell’auto.

In caso di temporanea perdita di controllo della vettura, perciò, l’ESP entra in gioco per stabilizzare il veicolo e contrastare i fenomeni di sottosterzo o di sovrasterzo. In altre parole, ogni volta che l’automobile sta percorrendo in curva una traiettoria più ampia o più stretta di quella prevista, il controllo elettronico della stabilità va a bilanciare questa tendenza, impedendo al veicolo di sbandare. La spia ESP accesa, quindi, non è altro che un segnale che indica all’automobilista questa situazione; se la spia si accende per qualche istante, perciò, significa semplicemente che il sistema elettronico è intervenuto per correggere la traiettoria. Al contrario, se la spia resta sempre accesa, potrebbe esserci un’anomalia nell’ESP. Alcuni modelli di automobile, addirittura, non si limitano a segnalare un guasto dell’ESP attraverso l’accensione della spia ma comunicano direttamente all’automobilista un messaggio come “ESP guasto”. In questo caso, si consiglia di recarsi al più presto in officina per individuare quale sia il problema che compromette il corretto funzionamento del sistema elettronico. Dalla centralina ai sensori, infatti, sono diversi i componenti che possono essere danneggiati.

Come funziona il controllo elettronico della velocità?

Per poter funzionare adeguatamente, l’ESP utilizza diversi sensori che tengono sotto controllo il movimento dell’automobile. Quattro sensori di velocità si trovano all’interno delle ruote e consentono di rilevare la velocità istantanea: ogni sensore è integrato all’interno del mozzo e comunica la velocità di quella singola ruota. Un altro sensore si trova nello sterzo e permette di individuare la traiettoria scelta dal conducente, in base ovviamente alla posizione del volante. Infine, tre accelerometri rilevano le forze che agiscono sulla vettura; gli accelerometri sono posizionati generalmente al centro dell’automobile e consentono di registrare le forze per ciascun asse spaziale. Tutti questi sensori comunicano direttamente con una centralina che, una volta ricevuti i vari segnali, si occupa di intervenire per evitare le sbandate dell’auto. La centralina, nello specifico, può ridurre la coppia del motore e agire sulle pinze freno per modificare la traiettoria della vettura. Un sistema delicato che per garantire la massima sicurezza deve essere sempre funzionante.

Tutti gli articoli

Spie macchina: significato

Consigli · Riparazione auto

Graffi parabrezza

Consigli · Riparazione auto

Ventosa per carrozzeria

Consigli · Riparazione auto
Mostra di più