Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Mercedes Benz SL: 70 anni di collaborazione con Maximilian E. Hoffman

Le vetture sportive di serie ispirate da Hoffman, la Mercedes Benz 190 SL (W 121) e la Mercedes Benz 300 SL Roadster (W 198), sono pietre miliari della tradizione unica della SL.

Una grande idea segna l'inizio della storia delle auto sportive di serie Mercedes Benz SL: Mercedes Benz voleva trasferire il fascino della sportività di lusso su una roadster compatta. È quanto propose nel 1953 Maximilian E. Hoffman, importatore del marchio per gli Stati Uniti orientali. Dal dialogo tra la dirigenza di Stoccarda e Hoffman nacquero due vetture sportive: la 190 SL Roadster (W 121), tecnicamente derivata da Mercedes Benz dalle berline "Ponton" della categoria media superiore (W 120) e la 300 SL "Gullwing" ad alte prestazioni (W 198), destinata a clienti particolarmente esigenti, che ereditava il concept della 300 SL da corsa (W 194). Entrambe le vetture sportive furono presentate in anteprima al Salone Internazionale dell'Automobile di New York dal 6 al 14 febbraio 1954. Anche la 300 SL Roadster (W 198) presentata nel 1957 fu uno dei risultati dell'iniziativa di Hoffman.

mercedes sl storia hoffman 1

L'azienda era aperta al contributo visionario di Hoffman, che ha contribuito in modo significativo alla leggenda della Mercedes Benz SL. Le due vetture sportive di serie del 1954 segnano l'inizio di una tradizione unica che si estende fino all'attuale serie 232 della Mercedes AMG SL. L'influenza di Hoffman è quindi sicuramente paragonabile a quella di Emil Jellinek di ben mezzo secolo prima: specificando le sue esigenze, l'allora principale concessionario di automobili Daimler-Motoren-Gesellschaft di Nizza diede, infatti, l'impulso per la progettazione della Mercedes 35 CV di Wilhelm Maybach.

Le esportazioni in Nord America prendono forma

L'azienda prende contatto con Maximilian E. Hoffman nell'ambito della sua strategia di rafforzamento delle esportazioni in Nord America. Wilhelm Haspel, Presidente del Consiglio di Amministrazione dell'allora Daimler Benz AG, guidò personalmente il posizionamento del più antico produttore di auto di lusso del mondo in Nord America a partire dall'estate del 1948. Era consapevole che gli Stati Uniti in particolare, all'epoca il più grande mercato automobilistico del mondo, rivestivano un ruolo chiave per il successo delle esportazioni globali. Anche i veicoli commerciali erano inclusi in queste considerazioni e sarebbero stati un importante motore delle attività estere dell'azienda.

Le esportazioni di Mercedes Benz in Nord America presero forma concreta nel 1952. Un ruolo decisivo fu svolto dal viennese Maximilian E. Hoffman, che nel marzo 1952 presentò per la prima volta la richiesta di diventare distributore Mercedes Benz negli Stati Uniti. Il 31 luglio 1952, l'allora Daimler Benz AG firmò un contratto con lui come distributore generale per gli Stati Uniti orientali. Le vendite iniziarono nel dicembre 1952, dopo l'allestimento degli showroom, la formazione dei venditori e la consegna dei veicoli con specifiche americane. In totale, in questo primo anno di collaborazione con Hoffman, furono esportate negli Stati Uniti 253 autovetture Mercedes Benz.

mercedes sl air navy

Il talento di Hoffman per il lusso automobilistico

Maximilian Edwin Hoffman, nato a Vienna il 12 novembre 1904, sviluppò un grande fiuto per le automobili affascinanti e promettenti, unito a uno spiccato senso dell'estetica, della tecnologia e della dinamica di guida. Negli anni Trenta, insieme ad un socio, fondò a Vienna la società Hoffman & Ruppert, che importò con successo in Austria automobili Alfa Romeo, Bentley, Delahaye, Rolls Royce, Talbot e Volvo.

Durante il periodo nazista, Hoffman, figlio di un costruttore ebreo di macchine da cucire e poi di motociclette, emigrò prima in Francia e infine a New York nel 1941. Dopo la fine della guerra, riuscì a entrare nel business dell'importazione di veicoli europei negli Stati Uniti d'America. Hoffman, che adattò il suo cognome alla grafia anglosassone, presentò una Delahaye in uno showroom sulla raffinata Park Avenue di New York. Grazie al suo gusto sofisticato e all'elevato carico di lavoro, si assicurò una posizione di primo piano nell'esclusivo commercio automobilistico degli Stati Uniti. Di conseguenza, era predestinato a un ruolo di partner di Mercedes Benz in Nord America.

Dopo il successo del suo debutto sul mercato, nel 1952, lo status di Hoffman acquistò ulteriore peso in Mercedes Benz a partire dal maggio 1953: fu in questo mese che il direttore delle esportazioni Arnold Wychodil riferì ai suoi colleghi la valutazione dell'importatore sulla necessità di una vettura sportiva Mercedes Benz per il mercato statunitense. Maximilian E. Hoffman fu invitato e il 2 settembre 1953 presentò personalmente i suoi progetti a Untertürkheim a un gruppo di otto membri del consiglio di amministrazione e ai principali dipendenti dell'azienda. Descrisse le caratteristiche speciali del mercato statunitense e, secondo i verbali del consiglio di amministrazione, chiese "in ogni caso, un'auto sportiva che da sola potesse fornire la base per il sostentamento dell'organizzazione dei concessionari".

Nascono due auto sportive di serie

Il risultato della discussione fu lo sviluppo dei prototipi di due vetture sportive. Hoffman era particolarmente interessato a una vettura sportiva compatta e aperta. Inizialmente si pensò come base alla piattaforma della Mercedes Benz 180 (W 120). Hoffman, tuttavia, rifiutò una cabriolet con passo lungo e radiatore tradizionale Mercedes Benz perché questa forma non corrispondeva alla sua idea di auto sportiva tipicamente europea. I designer e gli stilisti di Sindelfingen raccolsero il suggerimento. Infatti, la 190 SL fu costruita con un passo più corto di 250 millimetri (2.400 millimetri invece di 2.650 millimetri) sulla piattaforma della Cabriolet A della serie W 120 originariamente prevista. Inoltre, presentava una grande stella centrale con una feritoia trasversale cromata nella griglia del radiatore, da allora il volto tipico della SL.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Suzuki annuncia l’ingresso in gamma di S-CROSS HYBRID 1.5

Novità

Countach e LM 002: il V12 Lamborghini si dimostra multi-funzione

Novità

Nuova Toyota Corolla Cross, il nuovo SUV che si colloca tra il Toyota C-HR e il RAV4

Novità
Mostra di più