Prova: Jaguar XJ6D – Risparmiare ai massimi livelli

Monaco, Milano o l'italiana riviera - luogo del mondo esigente per eccellenza , una Jaguar XJ colpisce sicuramente. La macchina piace, si vede dagli sguardi di ammirazione.

Soltanto raramente qualcuno aggrotta la fronte in segno di disapprovazione - come quando il Giaguaro sia aggira ad una stazione di servizio e il conducente ricorre al Diesel. A questo punto non si può fare a meno di dire, che la XS c'è anche con accensione automatica. Da più di un anno l'elegante limousine di classe superiore è disponibile con un Diesel 6-cilindri. Con 2,7 litri di cilindrata e due turbocompressori il motore eroga 207 CV con una coppia massima di 435 NM. Non suona come un motore follemente potente, ma pienamente sufficiente. La Jaguar con la XJ va contro corrente. Mentre le concorrenti ad ogni cambio di modello si appesantiscono, gli inglesi si alleggeriscono (con costruzioni leggere.) La carrozzeria è per la gran parte di alluminio, i pezzi singoli sono cuciti e attaccati. La XJ6D, lunga 5,09 metri con un peso di 1,7 tonnellate è leggera se paragonata alla Mercedes Klasse S, l'Audi A8 o la Bmw 7. La XJ6D passa da 0 a 100 km/h in circa 8 secondi. Raggiunge anche una velocità massima di 220 km/h anche se oltre i 200 accelera più lentamente ed è complessivamente un pò più lenta rispetto all'avversaria tedesca.

Calma e sangue freddo

Si perdona volentieri, in fondo la grande Jaguar è tutto quello che una persona insegue, non solo una vettura. Il gatto scivola via silenziosamente, a 160 km/h si abbassa di 15 millimetri e sussurra in modo appena percettibile nel vento. Il motore non trasmette ascolti particolari - se non lo si sapesse, non verrebbe mai in mente che sotto il cofano a volta c'è un Diesel. Risulta fastidiosa solo la leggera vibrazione del cofano. Per quanto riguarda il comfort delle sospensioni, gli ingegneri hanno lavorato magistralmente sul telaio. Le sospensioni pneumatiche di serie affrontano senza difficoltà tutto ciò che trovano sotto i pneumatici a 18 pollici. Quando si superano a forte velocità delle ondulazioni del terreno, la vettura si immerge appena e molleggia dolcemente. Sensazioni perfette per il grande Giaguaro.

Tranquillamente un pò più veloce

Ancora più sorprendenti sono le caratteristiche dell'Handling. La vettura affronta le curve in modo agile e preciso e le disegna col compasso. La guida è piena di sentimento, il cambio automatico a sei rapporti quasi impercettibile nella modalità "S", è sufficientemente spontaneo ed il motore, abbastanza potente da riuscire a padroneggiare sportivamente i tornanti. Del resto anche i sedili regolabili elettricamente sono estremamente confortevoli. Anche nel sedile posteriore la settima generazione XJ fa in modo che si possa viaggiare in modo razionale. Spazio per le gambe, appoggio per le cosce e altezza dei sedili adeguata. La libertà della testa tuttavia, è come sempre poca perfino nei sedili anteriori per le persone alte. Come sempre un punto debole è il portabagagli. Ha un carico di soli 470 litri, ed è piatto, profondo e frastagliato.

Gustare tranquillamente

L'atmosfera all'interno è senza paragoni. Nella versione Executive si combinano una pelle meravigliosamente morbida, inserti in radica di noce, smalti e finiture cromate. Al contrario di altri produttori che cercano di far risaltare novità nei cruscotti, la Jaguar legata alla tradizione presenta il buon vecchio cruscotto portastrumenti, che è fornito al centro come ciliegina sulla torta di un orologio analogico. Soltanto umili soluzioni e le vecchie illustrazioni dello schermo Touch-Screen disturbano la nel molto nobile impressione generale. Relativamente ai prezzi d'acquisto, la berlina inglese di lusso, come per tradizione, non è molto benevola. Il modello Executive costa 63.550 Euro. Il prezzo diventa relativo grazie al ricco equipaggiamento di serie, le note caratteristiche di cui fanno parte anche un climatizzatore automatico a 2 zone, impianto Audio con lettore CD e tutti i sedili anteriori e posteriori riscaldabili. Tra gli equipaggiamenti c'è anche un filtro aniparticolato standard. Inoltre è disponibile un pacchetto servizio-garanzia completo: tre anni di garanzia senza limite di chilometraggio, tre anni di garanzia sulla verniciatura, sei anni contro la ruggine, tre anni di garanzia per la mobilità a livello europeo.

Bilancio

Nessun' altra vettura offre cosi tanto stile per Euro: la Jaguar XJ, è una bellezza classica, sia all'esterno che all'interno. Sotto la carrozzeria di alluminio disegnata tradizionalmente c'è la tecnica moderna. Accanto al confortevole telaio appassiona soprattutto il diesel V6. E' silenziosa in modo esemplare, sufficientemente potente e inaspettatamente economica. L'indicazione di 8,1 litri ogni 100 km la abbiamo in parte nettamente battuta. Su un lungo percorso in autostrade con limiti di velocità abbiamo calcolato sul computer di bordo una media di 6,8 litri e un'autonomia di più di 1.000 km. Questo significa risparmiare ad alti livelli.

DATI TECNICI

Carrozzeria Peso a vuotO: 1.727 kg Portata: 556 kg Volume del vano portabagagli: 470 litri

Motore e cambio Motore: 2,7 litri – V6- Twinturbo Potenza (CV per numero di giri/min): 207/4.000 Coppia massima (Nm per numero di giri/min): 435/ 1.900 Trazione: Trazione posteriore Cambio: cambio automatico a sei rapporti

Prestazioni Prestazione: da 0 a 100 km/h in 8,2 secondi Velocità massima: 222 km/h

Consumo e Ambiente Carburante: Diesel Consumo medio (1/100 km): 6,6 - 9,2 Emissioni CO2 (g/km):214

Prezzi Prezzo base: 62.200 Euro

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Prova auto usate: Jaguar S-Type – Jaguar S-Type

Prova: Jaguar XF V8 S/C – Potenza britannica

Prova di confronto: Jaguar XF vs. BMW 525d – La magia del design

Mostra di più