Prova: Toyota RAV4 D-4D – Bernhard Santer

La Toyota potrebbe risparmiare molto rinunciando ad una vasta campagna pubblicitaria per il nuovo RAV 4. Il SUV si vende come il pane. All'inizio di Marzo è uscito sul mercato e, in sole quattro settimane, è giunto in testa alla classifica delle vendite.

Ma il nuovo RAV-4 mantiene le aspettative di molti? Prima di tutto un SUV deve essere grande e potente. I clienti vogliono questo, altrimenti decidono per la solita vettura familiare. Il RAV 4 si presenta adeguato al proprio rango. Imponente, si mostra ai vicini inequivocabilmente come un vero fuoristrada. Davvero è diventato un Trum in piena regola, lungo 4,32 metri, largo 1,86, alto 1,67. L'interno è in linea con la grandezza esterna della macchina. Si viaggia tranquillamente in cinque, infatti nella parte posteriore è garantita sia la libertà di movimento per gambe e testa. Soltanto per chi ha gambe molto lunghe, i sedili posteriori, non risultano particolarmente confortevoli, costringendo ad una posizione a coltello a serramanico.

Spingere, ribaltare, caricare

Non c’è niente dire riguardo la versatilità. Il pianale posteriore è divisibile, in quanto i sedili a loro volta ribaltabili separatamente. Con i sedili ribaltati in avanti si ottiene un vano completamente piatto con una superficie di carico massima di 1.752 litri. La parte posteriore con lo schienale verticale, offre una capacità di carico di 586 litri che nella configurazione da viaggio "massima libertà delle gambe" diventa di 450 litri. Meno pratica la scelta del portellone incernierato lateralmente e quindi con apertura differente rispetto quella delle macchine europee. L'interno dà un'impressione di qualità, ma non totale; piacciono le superfici di plastica morbida e graziosamente venata delle portiere e della plancia porta strumenti, mentre deludono, le guarnizioni plastificate sulla console centrale e il bordo grigio della strumentazione.

Tecnica sofisticata

Tecnicamente il RAV4 offre ogni tipo di ghiottoneria. La trazione a quattro ruote motrici è stata completamente rivisitata. Una frizione a lamelle elettronica permette una ripartizione della trazione integrale tra assale anteriore e posteriore. Secondo le condizioni del fondo stradale arriva rispettivamente fino al 100% sull'assale anteriore e al 45% sull'assale posteriore. Inoltre la trazione a quattro ruote motrici è perfettamente in sinergia con il controllo di stabilità, la regolazione dello slittamento e la distribuzione della potenza dei freni. Positiva è la tenuta di strada. Il Rav4 è in grado di affrontare le curve agilmente e in modo stabile. Il rollio è al limite ma le sospensioni garantiscono una guida confortevole. Soltanto i piccoli impatti, oltrepassando il giunto trasversale, si ripercuotono sull'asse anteriore. La Toyota affronta l'alta velocità stoicamente e da sovrana.

136 Diesel-CV da 27.300 Euro

Il motore 2,2 Litri – Diesel eroga 136 CV ed ha un peso a vuoto di 1700 kg. Ha una disponibilità di coppia massima di 310 Nm a partire da 2.000 giri ed è quindi energico secondo le aspettative. Sotto c'è il quattro cilindri che non è una sciocchezza. La frizione ha bisogno di assuefazione poiché il suo inserimento è improvviso. Piace il nuovo cambio a sei marce, che permette gli innesti con precisione e velocemente. La giapponese una volta era più vantaggiosa. Il RAV4, che tra l'altro è disponibile solo nella versione 5 porte, è proposto a partire da 25.700 euro. La versione 2.2 D – 4D provata da noi, parte da 27.300 Euro mentre, la ben equipaggiata e raccomandabile versione Sol, costa 29.600 Euro. L'equipaggiamento include sette Airbags compreso quello per le ginocchia lato guida, il dinamico sistema IADS integrato, fari antinebbia, cerchi in lega, Cd-Radio, climatizzatore automatico, computer di bordo, finestrini elettrici e il sistema Easy Flat concepito per offire la massima versatilità. Il RAV4 è il beniamino delle masse. Non senza motivo la nuova Toyota è arrivata in testa alla classifica delle vendite dei fuoristrada. E' spaziosa, confortevole e molto pratica. Ha un bell'aspetto ed è ben equipaggiata. Nonostante qualche debolezza in alcuni dettagli è tecnicamente sviluppata e sofisticata. I prezzi sono ancora vantaggiosi; per il segreto avversario BMW X3, che il RAv4 ha buttato giù dal trono delle vendite, 5.000 Euro sono ancora aria.

DATI TECNICI

Carrozzeria Peso a vuoto: 1.660 kg Portata: 530 kg Volume del vano portabagagli: 450 – 1.752 litri

Motore e Cambio Motore: 2,2 Litri – Quattro cilindri- Common-Rail
Potenza (CV per numero di giri/min): 136 / 3.600 Coppia massima (Nm per numero di giri/min): 310/2.000 -2.800 Trazione: su quattro ruote motrici permanente Cambio: cambio manuale a sei marce

Prestazioni Prestazioni: "0-100" km/h in 10,5 secondi Velocità massima:180 km/h

Consumo e ambiente Carburante: diesel Consumo medio (1/100km): 6,6 Emissioni CO2 (g/km): 173

Prezzi Prezzo base: 27.300 Euro

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Prova: Toyota Hilux 3.0 D-4D – Un cassonato di lusso

Mostra di più