Nissan 300 ZX - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Nissan 300 ZX

Nissan 300 ZX

La Nissan 300 ZX prosegue la tradizione della serie Z sportiva

Con le sue serie Z ed S prodotte dagli anni Sessanta, la casa giapponese Nissan ha dato il via alla produzione di coupé e cabriolet sportivi, che inizialmente vendeva sia con il suo nome che fregiati del marchio Datsun di sua proprietà, prima di proporre un unico nome a metà degli anni Ottanta. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Il design da auto sportiva che traeva ispirazione dai modelli italiani e la potenza di tutto rispetto hanno fruttato ai coupé e cabriolet Datsun/Nissan, imperniati sulle prestazioni sportive piuttosto che sul comfort, un grande successo soprattutto negli Stati Uniti. Il nuovo coupé Nissan 280 ZX caratterizzato da un maggior comfort e un abitacolo più pregiato che nel 1979 ha arricchito la serie Z è stato proposto anche in Europa. Già dopo quattro anni di produzione è stato lanciato nel 1983 il modello successivo più potente Nissan 300 ZX, che rimarrà in programma fino al 2000, prima che con la Nissan 350 Z fosse disponibile un modello completamente nuovo per la casse delle auto sportive.

Nissan 300 ZX della prima generazione (1983-1989)

La Nissan 300 ZX è stata realizzata in due varianti di carrozzeria, che però sono state lanciate entrambe su tutti i mercati. In versione due posti questo coupé presentava un interasse di 2,32 metri, che gli ha consentito di raggiungere una lunghezza complessiva di 4,41 metri. Nella versione più lunga, per l’esattezza di 4,60 metri con interasse di 2,52 metri, la maggiore spaziosità a disposizione è stata utilizzata per montare due sedili di emergenza nel fondo. Con il cofano allungato, la porzione anteriore a forma di cuneo e un tetto dalla linea poco in discesa per un coupé, i designer giapponesi ZX hanno ripreso a bordo della Nissan 300 la linea dei modelli precedenti. Su questi coupé è rimasto anche il tetto tipo Targa in vetro amovibile, mentre invece sono ritornati come novità i proiettori anteriori semi coperti della prima generazione, che sono stati proposti in forma invariata fino al 1986. Un piccolo intervento di lifting effettuato successivamente ha apportato qualche modifica allo spoiler posteriore e ai paraurti. Nel 1987 sono state realizzate per la prima volta le luci posteriori a fascia continua, che contraddistingueranno anche la porzione di coda della generazione successiva. Per la Nissan 300 ZX era previsto un motore V6 dalla cilindrata di 3,0 litri e una potenza di 119 kW (162 CV). Il modello "top" con sovralimentazione a turbocompressore proposto sul mercato europeo sviluppava 149 kW (203 CV) e raggiungeva una velocità massima di 250 km/h.

Nissan 300 ZX della seconda generazione (1990-2000)

Nel 1990 è uscita la Nissan 300 ZX della seconda generazione, in una veste completamente rielaborata. La vecchia forma a cuneo della carrozzeria ha ceduto il passo a forme arrotondate e bombate, ed i sedili sono stati montati più avanti in seguito ad una porzione anteriore più corta e alla linea del tetto posteriore in discesa. Soltanto la doppia fascia delle luci posteriori è stata ripresa con qualche lieve modifica a bordo del coupé e del cabriolet, quest’ultimo realizzato soprattutto per il mercato degli Stati Uniti. Anche sotto l’aspetto tecnico la Nissan 300 ZX della seconda generazione non aveva quasi più nulla in comune con il modello precedente. Era sempre disponibile un motore V6 dalle prestazioni sportive collaudate, il quale però, grazie alla tecnologia biturbo e una progettazione modificata, rendeva prestazioni diverse rispetto al V6 della 300 ZX della prima generazione. Con la sua potenza di 208 kW (283 CV) la Nissan 300 ZX twin-turbo compiva lo sprint da 0 a 100 km/h in sei secondi e raggiungeva quindi una velocità massima regolata su 250 km/h. Per poter controllare meglio la Nissan 300 ZX anche durante la marcia sportiva, gli ingegneri hanno dotato i coupé e i cabriolet di questa serie di sospensione a ruote indipendenti combinata con uno sterzo integrale.