Consigli · Tecnica auto

Kit riparazione gomme

Il kit è in dotazione di serie in molte auto di recente fabbricazione.

In alternativa, può essere acquistato a prezzi accessibili. Prima di vedere come si usa, diamo però un’occhiata a quello che viene conservato nella cassetta che si trova nel bagagliaio. Generalmente, ci sono due oggetti: un mini compressore e una bomboletta. Il compressore è alimentato da una batteria a 12V e per farlo funzionare è sufficiente collegarlo all’accendisigari nell’abitacolo dell’auto. La bomboletta, da collegare al compressore, contiene uno speciale spray ripara gomme che chiude i fori riempiendoli di aria e di schiuma. Ogni kit omologato è provvisto anche di un manuale di istruzioni, che è consigliabile leggere prima di intervenire sulla gomma bucata.

Come usare il kit che ripara le gomme

Il sistema tradizionale, quello per intenderci che prevede la sostituzione della gomma forata con la ruota di scorta, potrebbe richiedere una certa forza fisica e spesso lascia l’automobilista con le mani sporche di grasso e di polvere. Il kit per la riparazione gomme, invece, rende la vita più semplice a tutti.

Una volta individuato il foro presente sul copertone, e successivamente preso il kit dal bagagliaio, la prima cosa da fare è collegare il compressore alla corrente generata dall’auto. La presa dell’accendisigari è perfetta allo scopo. Dopo, è la volta della bomboletta dello spray, che bisogna innestare sul compressore e avvitarne la cannula alla valvola della gomma bucata. Accertato che tutti i collegamenti siano ben saldi, si può accendere l’auto per dare corrente. Ora, azionando il compressore, verrà iniettata all’interno della gomma un misto di aria e di schiuma sigillante, che in pochi minuti tapperà il buco. A questo punto, occorre controllare il livello di pressione del pneumatico, che deve corrispondere a quello indicato nel manuale d’uso dell’auto.

Conclusa l’operazione, è buona abitudine attendere almeno 10 minuti prima di rimettersi in strada. Le sostanze iniettate, infatti, hanno bisogno di legarsi ed espandersi completamente nel copertone.

Una volta in strada, oltre a procedere a velocità ridotta (non superando mai i 60 km/h), è consigliabile fermarsi dopo una decina di minuti per ricontrollare la pressione della gomma ed eventualmente regolarla. Il controllo va ripetuto a cadenza regolare fino a quando non si affida l’auto nelle mani di un gommista. Se è vero che il kit ripara le gomme dell’auto, è anche vero che si tratta di una soluzione tampone che permette di percorrere tratti limitati di strada. Gli esperti consigliano di raggiungere quanto prima un’officina e, comunque, di non guidare per oltre un centinaio di chilometri.

Riparazione delle gomme dell’auto: alcune precauzioni da prendere

Riparare le gomme non è difficile e con il kit diventa anche un’operazione piuttosto veloce. L’importante, però, è non sottovalutare la situazione e prendere qualche precauzione. Se ad esempio ci si rende conto che la riparazione non è ottimale, così come se si dubita che possa garantire sicurezza e stabilità alla guida, meglio chiamare qualcuno in soccorso. Non sempre è possibile riparare una gomma forata. Alcune tipi di forature, danni alla tela dovuti a forti abrasioni, contatto con sostanze corrosive, danni al cerchione, rendono il copertone inutilizzabile e pericoloso. Insomma, basta un po’ di buon senso. Non sono rari gli incidenti dovuti ad una inaccurata riparazione di un pneumatico effettuata con il kit.

Bisogna anche assicurarsi di eseguire tutta la procedura nelle migliori condizioni. L’auto va fermata in una piazzola lontana del traffico e, una volta spento il motore, va segnalata attraverso le 4 frecce e il triangolo da posizionare ad almeno 30 metri di distanza. Un buon consiglio è poi quello ti tenere in auto una torcia elettrica per illuminare l’area di lavoro e una mantellina per proteggersi dalle intemperie. Se forare è una sfortuna, farlo di notte e sotto le pioggia può essere davvero una seccatura. Infine, prima di dedicarsi alla riparazione della gomma, è obbligatorio indossare il giubbetto catarifrangente. Questo vale in qualunque condizione di visibilità. Tra l’altro, è bene ricordare che il triangolo di segnalazione delle emergenze e il giubbetto fanno parte della dotazione obbligatoria da avere sempre a bordo dell’auto.

Il kit di riparazione pneumatici delle auto funziona?

Certo, ogni automobilista può viaggiare tranquillo. Detto questo, è evidente che un kit di riparazione dei pneumatici delle auto non può risolvere tutti i problemi. Soprattutto, quando è necessario cambiare del tutto lo pneumatico. Il kit è molto utile nei casi di piccole forature, ma la situazione si complica se nel copertone si è aperto uno squarcio dalla forma irregolare.

Inoltre, diverse generazioni di automobilisti sono cresciute approcciandosi in un altro modo alla foratura delle gomme. La completa sostituzione del copertone era data per scontata. Non per tutti, quindi, la nuova soluzione è intuitiva da applicare. Come già detto, la riparazione di un pneumatico auto fatta in questo modo è temporanea. Andare da un gommista è la prima cosa da fare dopo essersi rimessi in strada. Se non fosse possibile, è bene fermarsi ogni tanto a controllare di persona che la ruota riparata sia in buono stato.

Tutti gli articoli

Dotazioni di sicurezza

Auto alte da terra

Inversione gomme

Mostra di più