Presentazione: Mercedes-Benz SLK Roadster 2011 – Più che un capriccio

La prima generazione della SLK, lanciata nel 1996, lasciò il pubblico stupefatto grazie alla rapidità di chiusura del tettuccio. Otto anni dopo, la seconda generazione ha sorpreso con l'innovativo AirScarf, un sistema d'aria calda emessa dal poggiatesta direttamente sul collo degli occupanti.

Ora, nella terza generazione, gli ingegneri hanno dovuto fare un passo avanti offrendo un tetto rivoluzionario che può oscurarsi o lasciare passare la luce, in base alle esigenze dei proprietari. - Magic Sky Control Naturalmente molti clienti penseranno che il prezzo da pagare per questo capriccio sia troppo alto. La buona notizia è che Mercedes-Benz lo offrirà come la più cara delle tre opzioni. Le altre due saranno il classico tetto verniciato con lo stesso colore della carrozzeria (di serie) e il tetto panoramico con un colore scuro permanente.

Chi preferisce il Magic Sky dovrà solo premere il pulsante situato nella plancia portastrumenti per passare dal livello più chiaro (che rende più luminoso l'abitacolo) a quello più scuro (utile per proteggere i suoi occupanti dal caldo ed evitare che la pelle dei sedili raggiunga temperature molto elevate).

Modifiche

La nuova SLK è ancora caratterizzata da un grande cofano, una parte posteriore molto corta e una postazione di guida bassa e arretrata per ottenere una ripartizione ottimale del peso. Le modifiche apportate alla carrozzeria (che ha diminuito il proprio coefficiente aerodinamico da 0,32 a 0,30 cx) sono state realizzate per avvicinare la SLK ai nuovi modelli SLS AMG e CLS.

Così troviamo una griglia anteriore molto più larga e aggressiva, ornata con una grossa lamina cromata, e fari più grandi. Anche lateralmente troviamo nuove prese d'aria, appena prima dei passaruota, per una linea più aggressiva, mentre nella parte posteriore sono state inserite nuove spie luminose che integrano la tecnologia LED.

Configurazione estesa

Per quanto riguarda la guida, nella nuova generazione si potranno scegliere due opzioni per il telaio: un treno di ingranaggi sportivo, con molle e ammortizzatori più rigidi, e un pacchetto dinamico in cui gli ammortizzatori si induriscono progressivamente e automaticamente. In questa opzione è compreso un sistema elettronico di ripartizione di coppia tra ruote dello stesso asse, denominato Torque Vectoring.

L'elenco degli extra si allunga nell'attrezzatura di sicurezza. La nuova generazione comprenderà l'Attention Assist per rilevare la stanchezza, cinque modalità di illuminazione e il riconoscimento di segnali di traffico inaugurato nella Classe E e già applicato in tutti i nuovi modelli del marchio.

Arresto de avviamento automatico di serie

Nel restyling del 2008 sono stati corretti i dati di consumo e le emissioni della gamma motori; ciò avviene anche in questa generazione, con il sistema di arresto e avviamento automatico del motore, in dotazione a modelli all'insegna del risparmio.

In quest'ambito si distinguono innanzitutto la SLK 200 BlueEfficiency e la SLK 250 BlueEfficiency, entrambi con quattro cilindri rispettivamente da 184 e 204 CV, che permettono di ottenere un consumo misto da 6,1 e 6,2 litri ogni 100 chilometri.

Passando all'offerta da sei cilindri, il primo stadio viene proposto con la SLK 350 BlueEfficiency, un motore totalmente nuovo da 306 CV e un consumo omologato di 7,1 litri ogni 100 km. I principali miglioramenti riguardano l'iniezione, compresi gli iniettori piezoelettrici e l'accensione a scintille multiple.

La commercializzazione della SLK 2011 inizierà ad aprile, mentre già da gennaio è possibile ordinarla.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Nuova Audi e-tron 50 quattro

Novità

Lamborghini Avventura 2019: le Huracán EVO oltre il Circolo Polare Artico

Novità

La Nuova MINI Full Electric

Novità
Mostra di più