Prova: Harley-Davidson Fat Bob – Esclusiva, personale e attraente

Poco tempo fa Harley Davidson ha creato la nuova linea Dark Custom, allo scopo di definire uno stile oscuro in cui predomina il colore nero.

Le moto della casa americana che hanno aderito a questa linea sono molte, e ho avuto la possibilità di provarne una per alcuni giorni, la Fat Bob, un modello dal marcato stile Harley cui sono stati aggiunti alcuni elementi di colore nero, come i pedali di cambio e freno, spostati in avanti, il manubrio tipo “dragster” con gli alzamanubrio anch’essi neri, e le protezioni del motore, sulle quali campeggia il peculiare numero 1 con il teschio della marca.

Il comportamento su strada di questa Fat Bob è molto nobile, e la posizione del pilota piuttosto comoda, dal momento che i piedi non sono eccessivamente in avanti e il manubrio permette di adottare una posizione rilassata. Perfino spostare la moto da fermi non è troppo complicato, nonostante il suo peso di oltre 300 kg, giacché si arriva comodamente al suolo per tenerla in piedi.

Estetica molto particolare e buona spinta

Da un punto di vista estetico, questa Harley mostra alcune peculiarità, come il doppio faro anteriore, gli ampi pneumatici montati su cerchioni da 16 pollici e il parafango posteriore dal profilo basso. Inoltre, sebbene il colore predominante sia il nero, non mancano parti cromate come i tubi di scappamento, il coperchio del filtro, il copri cinghia e gli ammortizzatori, da lucidare per bene. È diverso anche il logo Harley sul serbatoio, che prende una forma di pugnale.

Dati tecnici
Marca Harley-Davidson
Modello Fat Bob
Motore
Cilindrata 1.584 cc
Architettura 2 cilindri TwinCam 96
Coppia massima 127 Nm a 3.500
Alimentazione Iniezione elettronica
Raffreddamento Aria
Cambio Cruise Driver 6 vel.
Telaio Tubolare in acciaio
Sospensione anteriore Forcella telescopica
Sospensione posteriore Doppio ammortizzatore
Distanza tra gli assi (m) 2,33
Freni 300 mm (ant) y 292 (post)
Peso (kg) 305
Velocità massima N.D
Prezzo (senza extra)
Euro Da 15.900
Più datiMeno dati
## Architettura 2 cilindri TwinCam 96
Le spie, collocate sul serbatoio, sono minimaliste, ma sufficienti per tenere sotto controllo la velocità a cui circoliamo. I giri del motore si calcolano in base al particolare rumore che produce una Harley e non si sente la mancanza di un contagiri, dal momento che con questa moto ciò di cui si ha più voglia è passeggiare tranquillamente per godersela e farsi ammirare. Ma se, in un dato momento, ciò che vogliamo è provare le prestazioni del nostro motore a due cilindri, riceveremo una grossa spinta che ci può portare a raggiungere velocità piuttosto elevate, anche se perdiamo il nostro fascino.

La Fat Bob non si libera delle tipiche vibrazioni di serie, soprattutto quando è ferma o procede a velocità molto bassa, ma su strada, e a velocità di crociera, si notano appena. La sua maneggevolezza e le sue prestazioni invitano circolare in totale sicurezza, e in strade serpeggianti o per la città dimostra di essere abbastanza agile. La forcella convenzionale anteriore e il doppio ammortizzatore posteriore danno una sensazione di sicurezza e un’accettabile comodità.

Futuro non "oscuro"

Per il modo in cui è stata concepita, non è la Harley più adatta a portare un passeggero, ma l’allungamento a “h” del sedile del pilota permette a più di una persona di farci la sua bella figura. Nella Fat Bob bisogna sottolineare anche il dispositivo di freno, con tre grandi dischi che la fermano energicamente. È importante, inoltre, citare la morbidezza della frizione, che dimostra lo sforzo compiuto dalla casa per migliorarne l’azionamento su tutti i modelli. Esclusiva, personale e affascinante, questa Fat Bob ha tutto tranne un futuro oscuro.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Prova: Harley-Davidson Sportster Seventy-Two – Brillante

Prove · Others

Prova: Victory Hammer 8-Ball – Muscolosa

Prove · Others

Prova: Harley-Davidson XL883L SuperLow – Un'autentica esperienza di guida

Prove · Others
Mostra di più