Oldsmobile - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Oldsmobile

Oldsmobile

Trova ora lauto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Inserisci gratis il tuo annuncio.

Dalle origini al passaggio in General Motors

All'inizio l'attività della neonata compagnia fu orientata verso i tricicli e quadricicli elettrici, trovandosi ben presto in difficoltà finanziarie. Fu perciò rifondata a Detroit, la capitale USA del settore automobilistico, nel 1899. Eli Olds aveva in mente di costruire un'auto economica e leggera e, nel 1901, riesce a lanciare sul mercato la Curved Dash, nonostante un incendio avesse gravemente danneggiato gli stabilimenti del marchio. Questa vettura fu la prima ad essere costruita secondo gli allora avveniristici criteri della catena di montaggio che, grazie ad alcuni accorgimenti, migliorò a tal punto da permettere alla Oldsmobile di quadruplicare la produzione nel giro di un anno. L'esuberante fabbrica attirò l'attenzione del colosso General Motors che, nel 1908, la acquisì: i due brand sarebbero rimasti indissolubilmente legati per quasi un secolo.

Gli anni del successo commerciale e la crisi: dal dopoguerra al 2004

Per tutti gli anni '30 del XX Secolo, il marchio continuò ad apportare miglioramenti tecnologici ai propri modelli, come l'adozione del cambio prima dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale. Nel corso del conflitto, la produzione di auto cessò e la Oldsmobile fu orientata completamente verso il materiale bellico, per sostenere lo sforzo militare americani. Terminata la guerra, il brand riprese a fare quello in cui riusciva meglio: costruire veicoli, cercando sempre di apportare miglioramenti tecnologici ed investendo nella ricerca. Testimonianza di ciò sono innovazioni come il tettuccio rigido asportabile, il motore turbo-compresso e la trazione anteriore. Furono gli anni d'oro del marchio, che guadagnò fette sempre più consistenti del mercato USA e si segnalò come uno dei brand di punta della GM, ottenendo anche grandi risultati nel settore delle vetture usate, grazie alla robustezza e al successo di alcuni modelli, come la celebre Toronado rimasta in produzione per circa 25 anni. A partire dagli anni '80, inizio il triste declino della casa madre che decise la chiusura per il 2000, prorogata al 2004, quando uscì dalle catene di montaggio la Alero, l'ultima creazione di un marchio storico dell'automobilismo americano, arrivato al tramonto con l'avvento del nuovo millennio.