Renault Safrane

Renault Safrane

Renault Safrane

Renault Safrane

Safrane è un'automobile di gamma elevata commercializzata da Renault dal 1992 al 2000. Questa vettura adottò il tradizionale sistema interamente anteriore, quindi a trazione anteriore con propulsore collocato davanti. In Francia la distribuzione di Renault Safrane cominciò dal 1992 e successivamente si allargò agli altri Paesi europei; sul suolo italiano giunse un anno dopo. Continua a leggere

Renault Safrane: una classica dello "schema tutto avanti"

Le motorizzazioni di Renault Safrane furono differenti a seconda del territorio in cui venne commercializzata: una situazione che non è anomala per il settore automobilistico, ma le differenze che apportò la casa francese, per questo modello, furono importanti.

Meccanica solida come da tradizione Renault

Inizialmente la Safrane si presentò in sei motorizzazioni. La trasmissione si presentava a cinque rapporti manuale, per l'intero lotto, ma a scelta si poteva domandare una trasmissione a 4 marce automatica. Il telaio possedeva un sistema sospensorio con ruote indipendenti, con braccio trasversale per l'avantreno, invece la biella si presentava longitudinale per il retrotreno. Renault Safrane montava barre stabilizzatrici e un'idraulica telescopica per il sistema di ammortizzazione. Il sistema di freno era, su tutte e 4 le ruote, a disco, con sistema autoventilante per i dischi anteriori. Il mercato dell'usato ospita diverse offerte di Safrane in listino.

Interni comodi e spaziosi

Gli interni di Renault Safrane si presentavano ampi e dallo stile raffinato, dotati di un concept avveniristico, per un disegno piacevole e grintoso al tempo stesso. Quando uscì questo modello di Renault, l'abitacolo di questa vettura fu considerato alla stregua della cabina di comando degli aerei, grazie ai molti comandi disponibili all'interno della console centrale e della plancia. È sufficiente ricordarsi come quattordici di questi pulsanti erano dedicati alla climatizzazione, mentre dodici di questi erano dedicati all'aggiustamento del sedile di guida e trentacinque dedicati all'impianto audio! Dal modello 25 veniva prelevata l'elettronica di bordo, con schermo che indicava velocità, autonomia, consumo. Furono implementati anche ulteriori schermi, arrivando a un massimo di 6. Quattro gamme differenti di volante completavano l'interno, per una vivibilità del mezzo piacevole e caratterizzata da ampio spazio. La piena regolabilità dei sedili, infatti, compreso quello posteriore, garantiva comodità e una piacevole abitabilità del mezzo.