Prova: BMW R 1200 RT – Cambio interessante

Non deve essere semplice per un costruttore migliorare un prodotto che sin dagli inizi (R 1100 RT anno 1995) ha dato risultati eccellenti.

La nuova BMW R 1200 RT, in linea generale, è stata ottimizzata grazie a questo restyling, tuttavia (e questa è la nostra singolare opinione), riguardo la strumentazione (gruppi di luci, ecc.) si dovrà aspettare un po’ di tempo per sapere se gli ingegneri hanno fatto centro anche in questo. - Motore Senza dubbio, è sotto questo aspetto (motore-scarico) che questa moto eccezionale ha subito i cambiamenti più significativi e importanti. Il mitico boxer bicilindrico da 110 CV esteticamente si adatta meglio alla carrozzeria e gira più rotondo durante tutta l’accelerazione, essendo nella zona bassa del contagiri, quando circola nel traffico, per stradine strette e si infila in curve lente, il momento in cui si apprezza maggiormente. Questo è stato possibile grazie all’incorporazione del sistema DOHC, ereditato dalla "HP2 Sport" con due alberi a camme e quattro valvole radiali per cilindro, oltre a ugelli di dimensioni maggiori e un sistema di scarico nuovo con valvola selettiva. In questo modo si ottiene anche una risposta più contundente quando, in aperta strada, si decide di dare gas e si sale di 500 rpm. Fondamentalmente, in tali cambiamenti si concentrano i miglioramenti più significativi, quelli che si percepiscono pochi chilometri dopo l’inizio della guida.

Tuttavia, potremmo fare ben poco con una motocicletta che in fase di marcia supera i 260 chili, se oltre ad alcune affidabili prestazioni meccaniche, non disponesse di telaio, sospensioni e sistema frenante all’altezza. Il telaio è sempre quello tubolare in acciaio che monta sin dall’inizio e che costituisce parte integrante del motore, diventando un blocco sicuro al 100% su qualsiasi tipo di tracciato. Il treno anteriore poggia su una forcella semi convenzionale con “salvavita” Telever, mentre l’asse posteriore, con un solo ammortizzatore di nuova fattura, poggia sul Paralever, un monobraccio oscillante, molto efficiente in qualsiasi situazione. Il sistema dei freni non subisce cambiamenti significativi.

Con l’intento di offrire un maggiore comfort a bordo, la nuova RT presenta un’aerodinamica perfezionata e un quadro orologi che migliora la lettura in marcia. Sono stati messi da parte gli esclusivi gruppi di luci by BMW per montarne altri più convenzionali. Adesso l’insieme parabrezza-carenatura protegge meglio ad alta velocità. Sono aumentate, invece, di qualche centimetro le dimensioni dei laterali e della calandra del radiatore dell’olio, che cambia anche il colore; sono nuovi anche i due indicatori di direzione, come pure le modanature che li circondano. Se disponete di tempo a sufficienza, passione per i viaggi sulle due ruote e un forte potere di acquisto, BMW Motorrad propone una miriade di extra, che renderanno ancora più piacevoli i vostri viaggi.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Test: BMW 640i – Le nostre impressioni

Prove · BMW

Prova auto usate: BMW Serie 1 – BMW Serie 1

Prove · BMW

Prova: BMW 750i – BMW 750i

Prove · BMW
Mostra di più