Mahindra - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Mahindra

Mahindra

Mahindra

Mahindra&Mohammed, importante produttore automobilistico in India e nel mondo, è la compagnia di bandiera del gruppo Mahindra ed è, da sempre, simbolo di eccellenza ingegneristica nel settore della produzione di mezzi di trasporto per terreni difficili, come Jeep, SUV e Pick up. Recentemente M&M si dedica anche al settore dei motoveicoli, lanciati per il momento soltanto su pista. Di più

Trova ora lauto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Inserisci gratis il tuo annuncio.

Mahindra, l'indiana per eccellenza

Mahindra: da idea a brand

Mahindra è la divisione per la produzione di autoveicoli del gruppo Mahindra&Mohammed. L'idea per la messa in strada del primo veicolo nasce quando, nel 1945, Mahindra stesso incontra negli USA Delmar G. Roos, uno dei padri della celebre Willys Jeep. L'idea è quella di impiantare e portare al successo le Jeep anche in territorio indiano: i presupposti ci sono, la M&M all'epoca commercia acciaio con Gran Bretagna e Stati Uniti e la collaborazione risulta particolarmente favoreggiata anche dalla natura stessa dell'impervio territorio indiano. Più tardi, con esattezza nel 1947, l'azienda inizia ad assemblare Jeep vere e proprie su licenza puntando al florido mercato militare. Ben presto il marchio si dedica alla produzione di trattori agricoli e veicoli commerciali, senza però lasciare mai da parte il progetto iniziale, quello delle automobili, che verrà portato avanti anche grazie alla cooperazione con altri noti brand come Kaiser e American Motors (AMC). Il mercato indiano reagirà talmente bene all'innovazione che il brand si troverà ed espandere notevolmente il proprio bacino d'utenza, esportando vetture in oltre cento paesi mondiali.

Il restyling tra Jeep, Suv, Pickup e...moto?

Nel 1994 diventa impellente la necessità di un restyling che vada a toccare tutti i settori di produzione; l'azienda è cresciuta talmente tanto che le aree strategiche sono diventate sei, con il settore dell'Automotive in improvvisa crescita. Nel 2000 viene lanciato sul mercato "Scorpio" il primo vero e proprio SUV prodotto interamente in India. Dal 2005 in poi la compagnia si accaparra il titolo di primo produttore di SUV in India ed attua una serie di strategie di mercato, fatte di importanti acquisizioni, che la portano ben presto al successo. Recentemente ha infatti deciso di addentrarsi nell'ormai saturo mondo dei motoveicoli; l'acquisizione della Kinetic Motor Company le permetterà di partecipare alle competizioni di 125 prima e Moto3 successivamente, rispettivamente con il progetto Engines Engineering 125 per le prime competizioni e la MGP30 per le gare di Moto3. Il gruppo vanta anche di un settore ingegneristico in fase di crescita e sviluppo, il Mahindra Systems e Automotive Technologies (o più brevemente MSAT), indirizzato alla produzione ed alla vendita di componenti automobilistiche e servizi di consulenza ingegneristica. I modelli attualmente in vendita sono Bolero e Goa, entrambi disponibili in versione SUV e Pick Up, ed il recente SUV XUV500.

Le caratteristiche di punta del brand

Gli autoveicoli Mahindra sono caratterizzati da uno stile inconfondibile, possente ed aggressivo al tempo stesso. Le linee dei veicoli, scattanti ed eleganti, richiamano lo stile di uno degli animali più nobili e affascinanti della foresta: il velocissimo ghepardo. Questi veicoli sono poi dotati di motori possenti, dalla cilindrata ampia ma studiati in base a tecnologie e brevetti innovativi in grado di ridurre i consumi di carburante garantendo in ogni caso prestazioni elevate. Mahindra è presente in Italia dal 2005 con sede legale e magazzino di vendita a Roma.

Collaborazioni attuali e progetti per il futuro

La storia del marchio è un insieme di acquisizioni e vendite. La compagnia indiana ha cercato di acquisire, nel corso degli anni, alcuni tra i più rinomati brand nel settore di produzione di SUV e Jeep, come Land Rover, Jeep, Jaguar e Bertone senza concludere mai alcuna trattativa in maniera positiva. Un'importante acquisizione è però avvenuta, ed è stata quella, nel 2011, della coreana SsangYong. Le trattative per l'acquisto del gruppo Saab sembrerebbero invece positive ma ancora in fase di stallo. L'azienda ha però avviato un'importante collaborazione con la celebre Renault, per l'esportazione sul mercato asiatico di vetture prodotte dal brand francese con la dispensa di qualità offerta dal marchio indiano. È grazie a questa collaborazione che è nata l'ormai conosciuta Dacia Logan, modello di punta del brand europeo.Attualmente la casa automobilistica non sembra interessata al crescente settore delle Hybrid, probabilmente perché la stazza dei veicoli prodotti non permetterebbe un risultato soddisfacente. Ma chissà che le cose non si evolvano diversamente in futuro? Per il momento, Mahindra continuerà a produrre i suoi pochi (ma buoni) modelli di punta, andando ad incentrare le proprie attenzioni su quello che è il mercato dei motoveicoli, sempre che la partecipazione costante alle gare e le vittorie portino ad un riscontro positivo nel grande pubblico e che l'azienda riesca ad aprirsi una sua strada e farsi un suo nome all'interno di un settore ormai saturo.