Prova: Suzuki Celerio – La city car per un budget ridotto

Nelle classe delle utilitarie da città, la funzionalità riveste un'importanza prioritaria.

La Suzuki Celerio, segue la scia delle dirette concorrenti e introduce un elemento distintivo: pur vantando una lunghezza ridotta a 3,60 metri e rinunciando al lusso e ai comfort extra, offre comunque un'abitabilità senza pari. A fare la differenza è soprattutto la misura del passo maggiorata, fra le più ampie nel segmento delle city car. Ciò si traduce in volumi interni confortevoli, con un padiglione ottimizzato in altezza e uno spazio migliorato anche per le gambe dei passeggeri posteriori. La Suzuki Celerio si contraddistingue, così, per la sua comodità, un vantaggio irrinunciabile specie durante i lunghi viaggi. Le accresciute dimensioni interne della nuova cinque porte si estendono anche al bagagliaio: la sua capacità, pari a 254 litri, si estende fino a un volume di ben 1.053 litri a sedili reclinati.

Per quanto riguarda gli allestimenti interni, la nuova Celerio offre uno stile pulito, privo di troppi fronzoli. A farla da padrone è la plastica rigida, che va a sostituire i materiali più costosi e pregiati. Tuttavia, il risultato finale è quello di un abitacolo solido e compatto, prettamente orientato alla praticità. La piccola utilitaria conta anche una presa USB, utile per riprodurre la propria musica preferita durante la guida in città.

Sotto il cofano, spicca un'unità a tre cilindri da 68 cavalli, il motore a benzina già da tempo sviluppato da Suzuki. Su richiesta, sarà disponibile anche una versione dotata di un sistema a doppia iniezione, pensata per un bilanciamento ottimale fra prestazioni e consumi, ridotti dai 4,3 ai 3,6 litri.

Se la nuova Celerio offre prestazioni più improntate alla razionalità, a discapito di un'esperienza di guida avventurosa, altrettanto vero è che comfort e dinamicità restano due pilastri imprescindibili. Con un peso dichiarato inferiore ai 900 Kg, l'auto si mostra silenziosa e adatta ad affrontare anche il più insidioso traffico cittadino ed extra urbano.

I progettisti asiatici si dicono soddisfatti della nuova concept car. Tanto che, per l'anno prossimo, l'aspettativa è che i primi 4.000 esemplari importati vadano a ruba.

Pronto per gli step successivi?

Tutti gli articoli

Prova: Suzuki Splash 1.3 DDiS – Piccola e attraente

Mostra di più