Acura - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Acura

I modelli Acura più cercati

Trova ora lauto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Inserisci gratis il tuo annuncio.

Dal Sol Levante agli USA

Poco dopo fu la volta della NSX e, per favorire le vendite nel nuovo mercato, la compagnia decide anche l'apertura di oltre cinquanta nuovi concessionari, sparsi in tutto il territorio nordamericano. Grazie alla sportiva NSX gli inizi furono incoraggianti, ma successivamente, le vendite iniziarono a decrescere molto rapidamente sia per la poco originalità dei modelli proposti,quasi sempre già in vendita in altri mercati, che per la stramba decisione del brand di sostituire i nomi delle auto con anonime sigle. Ad esempio, la vettura Legend divenne l'anonima RL, causando inevitabilmente la disaffezione del pubblico statunitense verso il marchio Acura.

Due nuovi modelli per gli anni 2000

Per riparare alla situazione negativa e rilanciarsi sul mercato americano, Honda pensò di lanciare sotto il brand Acura due nuovi modelli sul mercato americano: la TSX, ottava generazione della berlina Accord, ma soprattutto lo ZDX, un crossover SUV di nuova concezione e pensato appositamente per il mercato nordamericano. Derivata in parta dalla DMX, il nuovo SUV si caratterizzò da subito per una particolare forma che lo rende un incrocio da SUV e coupé. Assemblato in uno stabilimento canadese, lo ZDX è stato progettato con diverse motorizzazioni, tra cui un esuberante V6 da 3.664 cc equipaggiato con un cambio automatico a 6 marce. Disponibile in 6 colori diversi, questo veicolo ha avuto il suo anno migliore a livello di vendite nel 2010, quando oltre 4000 auto furono vendute tra Stati Uniti e Canada. Gli anni seguenti videro un progressivo calo nelle vendite, al punto che nel 2013 esse si fermarono a circa 500 unità spingendo l'azienda a sospenderne la produzione. A partire dal 2007 e in contemporanea con lo ZDX, il marchio immise sul mercato nordamericano una serie di nuove vetture, continuando la tradizione di identificarle con sigle invece che con nomi come avviene per gli altri mercati Honda. Arrivarono, infatti, ILX, TLX, RLX, RDX, MDX. Tra queste l'ILX è una sorta di Honda Civic ridisegnata, con cui condivide anche la motorizzazione: 2.0L, 2.4L VTEC e 1.5L Hybrid. Nel 2013, a sbarcare negli USA ed in Canada, è invece la nuova nata di casa Acura, la RLX. Assemblata negli stabilimenti di Saitama, in Giapponese, la RLX è una berlina elegante nata per sostituire la RL. Motorizzata con il potente motore Honda V6 da 310 cavalli (che garantisce a banco 10.6 Km/l)ma anche in versione ibrida (e quindi con batterie a ioni di litio), la RLX è dotata di un cambio a 6 o 7 marce e di elevati standard di sicurezza.

Acura nel mondo delle corse automobilistiche americane

Per meglio farsi conoscere da un pubblico americano appassionato come pochi di corso automobilistiche, Honda decise di proporre il marchio anche attraverso la partecipazione a molte gare sportive automobilistiche come il campionato IMSA e la 24 Ore di Daytona, collaborando con specialisiti in telai come Spice e la Lola, montando naturalmente propulsori di costruzione propria e raggiungendo risultati complessivamente soddisfacenti. La prima partecipazione di Acura ad una gara automobilistica americana è datata 1991 ed ha visto il brand nipponico collaborare con Comptech e l'utilizzo in gara di un nuovo motore V6. L'interesse del brand per il settore delle gare automobilistiche crebbe fino ad avere 3 team concorrenti all'interno delle American Le Mans Series, di cui uno capitanato dalla leggenda della pista Michael Andretti. Successivamente, l'azienda continuò a partecipare a svariate corse su pista americane, fin quando nel 2009 sviluppò una specifica vettura da competizione, la ARX-02a che strappò nella sua pur breve vita operativa importanti successi. Dopo anni di difficoltà che videro il brand non più presente sulle griglie di partenza (sostituito da quello Honda Performance Development) nel 2014 Acura è tornata a gareggiare con una ILX vincendo la propria classe.

Il futuro di Acura: dal 2015 in poi

Dopo essere sbarcato in Messico nel 2004 ed in Cina nel 2006, il marchio Acura guarda al futuro con rinnovate speranze, forte anche di una presenza sul difficile (per un brand non statunitense) mercato nordamericano che ormai dura da 20 anni. Ovviamente la casa giapponese manterrà inalterata la propria politica di puntare su berline o sportive di fascia alta, proponendo nuovi modelli. Ad esempio, è atteso nel 2015 lo sbarco del marchio in Brasile dove sarà la RLX ad avere il grado di ammiraglia del brand che arriva per la prima volta in un mercato così importante come quello carioca. Per quanto riguarda il mercato nordamericano, invece, Acura ha dichiarato al Detroit Auto Show del 2014 che è sua intenzione lanciare nel 2015 la nuova berlina TLX sports sedan, un nuovo veicolo destinato a sostituire altre due berline come la TSX e la TL, ormai fuori produzione. La nuova TLX sarà caratterizzata da una nuovissima trasmissione a doppia frizione a 8 rapporti, da 4 porte e da una linea slanciata e moderna. Per sviluppare al meglio la TLX, Acura ha disegnato partendo da zero sia il corpo sia il telaio della nuova berlina per avere la miglior dinamica possibile del veicolo, garantendo al tempo stesso efficienza nei consumi e alto livello di sicurezza di collisione. I nuovi modelli, le moderne tecnologie applicate, i continui progressi nella ricerca e le lussuose dotazioni degli interni rendono Acura uno dei brand più interessanti per il prossimo futuro nel segmento delle berline e delle auto di lusso.