Lada - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Lada

Lada

Con una robusta tecnologia e prezzi bassi Lada ha trovato la sua via nei mercati d’esportazione.

Trova ora lauto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Inserisci gratis il tuo annuncio.

Con una robusta tecnologia e prezzi bassi Lada ha trovato la sua via nei mercati d’esportazione.

In tempi d’economia pianificata, nei paesi dell’Europa Orientale, la casa automobilistica russa Awtowas ha esercitato per decenni il ruolo di compagnia di bandiera e il suo marchio, Lada, ha goduto di grande prestigio tra gli acquirenti in Europa orientale. Oltre a questo: dal 1970, i modelli di Lada erano anche un importante prodotto d’esportazione nei paesi limitrofi. Molto prima che i produttori sudcoreani attirassero la clientela con prezzi bassi, la casa automobilistica russa del Volga tentò, con i suoi primi veicoli basati sui modelli di Fiat e dagli anni ottanta con una serie di veicoli sviluppati autonomamente, di guadagnare quote di mercato nei paesi occidentali, tramite una strategia d’interessanti prezzi d’ingresso. Inoltre la sua tecnologia, anche se non è sempre quella d’ultima generazione, è considerata robusta e di facile manutenzione.

Il classico fuoristrada e la tecnologia aggiornata per conservare il marchio Lada

Il marchio è conosciuto, al di fuori del mercato domestico, grazie ai modelli a trazione integrale Lada Niva e Lada Taiga che, come fuoristrada poco costoso aveva trovato, anche nei paesi occidentali, la sua base di appassionati dalla metà degli anni settanta. Con la liberalizzazione economica dell’Europa Occidentale, Awtowas perse la sua particolare posizione e dovette affrontare una nuova concorrente più economica dalla Romania, dove il gruppo francese Renault, con la sua marca Dacia, aveva occupato il posto di Lada. Nel 2008 i francesi hanno esteso il proprio impegno e sono entrati come azionisti nell’azienda Awtows, che doveva riaffermarsi come produttore nel segmento delle auto compatte e utilitarie a basso prezzo e con tecnologia aggiornata così come con la classica Lada Niva.

Con l’aiuto di Fiat è stato costruito il marchio Lada

Quando, nel 1966, hanno preso forma i piani per la realizzazione di una casa automobilistica russa moderna, il gruppo italiano Fiat è stato selezionato per una cooperazione. Gli italiani costruirono il primo impianto Awtowas dando al produttore il diritto, in licenza, di costruire la berlina di classe media Fiat 124 che, dai primi anni settanta, è stata venduta sul mercato in diverse motorizzazioni come Lada 1200, 1300, 1500 e Lada 1600. Dal 1979 la nuova generazione della serie è stata offerta per il mercato d’esportazione come berlina e station wagon con il nome di Lada Nova.

I modelli di auto Lada per i mercati d’esportazione

Nella classe dei veicoli compatti i russi hanno lanciato sul mercato, nel 1984, la berlina Samara, di cui il motore era stato sviluppato insieme al costruttore tedesco Porsche a cui, un anno più tardi, è stata affiancata la più grossa berlina Lada Aleko. Nel 1995, il modello compatto d’esportazione Lada Samara è stato sostituito dalla Lada 2110, la quale è stata offerta come una berlina a tre volumi. La nuova serie di veicoli compatti presentata nel 2008 con il nome di Lada Priora è stata offerta in tre versioni come berlina, station wagon e Coupé a due porte. Nel 2005 è stata presentata nella classe delle utilitarie la Lada Kalin, che oltre alle versioni come berlina a coda mozza e tre volumi è stata offerta anche nella variante station wagon.

La classica Lada Niva come modello di base della classe fuoristrada

Nel 1976, Awtowas, ampliò la sua gamma di modelli con il veicolo fuoristrada Lada Niva, che è stato costruito per decenni senza modifiche fondamentali al veicolo. La quattro posti è stata offerta solo nella versione da 60 kW (81 CV) per l’esportazione, ma è comunque riuscita ad ottenere un buon successo in molti mercati d’esportazione, sia come strumento di lavoro e sia come fuoristrada per il tempo libero, grazie anche alla trazione integrale permanente, al bloccaggio del differenziale e alla riduzione per le diverse condizioni ambientali. Il valore di emissioni CO2 con le vecchie motorizzazioni della Lada Niva sorpassa i 220 g/km, ma l’asso nella manica che la rende il modello di base nella classe dei fuoristrada è la sua capacità di rimorchio pari a circa 1,5 tonnellate e il prezzo d’acquisto.