Triumph TR4 - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

}
Triumph TR4

Triumph TR4: un classico inglese con vestito italiano

È una delle icone delle spider inglese, vetture che sono entrate nei sogni di molti giovani automobilisti all’inizio degli anni ‘60. Insieme alle loro omologhe italiane rappresentano la vivacità dell’industria automobilistica nel periodo del boom economico. La TR4, prodotta dal 1961 al 1965, sostituisce la precedente TR3, vettura dalla quale riceve la classica impostazione meccanica: propulsore anteriore longitudinale e trazione posteriore. Tra le particolarità principali da segnalare il sistema di ventilazione e un hard top “scomponibile”, dotato di tettuccio rimovibile (una soluzione che venne ripresa pochi anni dopo dalla Porsche, con la famosa versione “Targa”). La linea, che si distingue in modo netto dalla sua progenitrice, è frutto dell’ingegno di Giovanni Michelotti. È stata prodotta in poco più di 40.200 esemplari: per l’epoca non poco. In Italia costava 2.700.000 lire (nel 1963).

Triumph TR4: com’è fatta, pro e contro

Le dimensioni della TR4 non si discostano molto da quelli che erano gli standard dell’epoca: lunga 3,96 metri, larga 1,46 metri e alta 1,27 metri, la vettura ha un passo di 2,23 metri mm e una massa di 966 kg. Una delle caratteristiche che la distingueva (nella categoria delle spider) era l’ampiezza del bagagliaio, superiore rispetto alle precedenti serie. Il felice design di Michelotti, che è un elemento del successo delle Triumph, è caratterizzato in questo caso non più dalla coda tronca della TR3. Un elemento importantissimo della vettura è costituito dall’innovativo hard top. Il designer italiano infatti lo realizzò ideando un tettino centrale rimovibile, chiamato “surrey top”. Una soluzione ideale per godersi il sole e l’aria anche quando l’hard top era montato. Altra innovazione era sicuramente l’avanzato (per l’epoca) sistema di ventilazione dell’abitacolo, con un buon impianto di riscaldamento e bocchette regolabili. L’abitacolo era abbastanza rifinito, con una strumentazione che prevedeva due grandi strumenti di fronte al guidatore e altri quattro piccoli circolari nella parte centrale della plancia. L’impostazione di questa parte dell’abitacolo non è particolarmente moderna per l’epoca: la plancia è pressoché verticale e anche la postura del guidatore ricalca molto quelle delle precedenti spider della Triumph. I comandi sono ben disposti, localizzati soprattutto sotto i piccoli strumenti circolari. Altre caratteristiche interessanti, come un buon impianto di raffreddamento del motore, la rendono fruibile anche nel traffico moderno. Tra le concorrenti ovviamente ci sono le altre regine di questo settore: le MG e le Austin Healey. Oltre, naturalmente, alle italiane, ben rappresentate dall’Alfa Romeo Giulietta Spider.

Triumph TR4: allestimenti, motori e prezzi

Rispetto alla TR3 cambia solo la cilindrata. Il 4 cilindri in linea di 2138 cm3 è infatti l’evoluzione diretta di quello montato in precedenza anche sulla TR2. La crescita della cilindrata è ottenuta con uno dei sistemi più classici e semplici: l’aumento dell’alesaggio. Il motore era abbinato ad un cambio a 4 marce, con overdrive. Le modifiche rispetto al modello precedente hanno comportato anche l’aumento della carreggiata. Classico lo sterzo, a cremagliera. In alternativa ai classici cerchi pieni potevano essere ordinati quelli a raggi. Le prestazioni della vettura erano in linea con la concorrenza, e la potenza del motore permetteva alla TR4 di raggiungere i 180 km/h, con un’accelerazione da 0 a 60 miglia (97 km/h) in 10,7 secondi. Dati che le permisero di costruirsi anche una discreta carriera sportiva sia negli USA sia in Europa. Il prezzo di vendita per l’epoca era di 1.095 sterline. La versione più rara è sicuramente la “Dove GTR4”, coupé realizzata da un carrozziere sulla base della spider per il concessionario Dove di Wimbledon. Una dimostrazione di come, oltre alla grande industria automobilistica, ci fossero artigiani in grado di realizzare veicoli derivati da vetture prodotte in grande serie. Abbastanza apprezzata dai collezionisti, si può trovare a un prezzo che oscilla tra i 18.000 e i 39.000 euro. Per ulteriori informazioni riguardo i prezzi è possibile consultare AutoScout24.

Triumph TR4: conclusioni

È una delle spider inglesi più diffusa, con un propulsore in grado di regalare belle soddisfazioni e un abitacolo in linea con quelli che erano gli standard della concorrenza. Degni di nota sono il baule (più capiente rispetto alle precedenti spider Triumph) e l’hard top “scomponibile”.