Toyota C-HR - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Toyota C-HR

Toyota C-HR - Carrozzeria

Toyota C-HR - Colore carrozzeria

Toyota C-HR - Offerte Top

Toyota CH-R: una coupé a guida rialzata

La Toyota CH-R è stata lanciata nel 2016 ed è prodotta nello stabilimento di Sakarya, in Turchia. È un SUV che riprende la piattaforma della Prius: nel segmento dei crossover compatti si propone come alternativa, sfoggiando un design esterno singolare. Si aggiunge la sicurezza con dotazioni importanti e la tecnologia d’avanguardia. L’assetto Coupé rialzato può essere, però, un’arma a doppio taglio: le scelte stilistiche rendono punti a favore ai concorrenti su spaziosità e visibilità generale.

Toyota CH-R: com’è fatto, pro e contro

La Toyota CH-R si basa sulla piattaforma TNGA della Casa giapponese: è lunga 4,36 metri, larga 1,79 m e alta 1,56 m. Rispetto alla Urban Cruiser è più lunga di 43 cm, di poco più alta e più larga. Il design esterno risulta sportivo, con cerchi in lega e linee nette, intrigante ma spigoloso: ci si aspetterebbe un interno sacrificato sullo spazio, ma al contrario si può contare su una buona spaziosità e comfort.

Il design esterno risalta di più all’occhio ed è più dirompente e dinamico rispetto a quello interno: i tratti di un crossover coupé muscoloso ed energico. Il gioco dei fari è unico: quelli anteriori sono taglienti e convergenti sul logo giapponese posto sul muso; quelli posteriori hanno un disegno a “boomerang” col quale catturano il portellone. Il tetto scivola leggermente e i passaruota si notano a tal punto che paiono quasi un elemento a sé e distaccato dal resto della CH-R. Originali le maniglie posteriori, con effetto quasi “a scomparsa”: sono posizionate molto in alto e in vicinanza del montante. Una caratteristica che potrebbe non essere alla portata dei bambini come passeggeri nel retro. Salendo a bordo della CH-R si nota un ambiente meno “esplosivo” rispetto alle linee esterne. Lo spazio si abbina a un abitacolo comodo e definito. Lo schermo touch da 8 pollici è “asimmetrico”: dedicato all’assistenza infotainment spicca al centro della plancia, con un cruscotto semplice e tradizionale.

Il tetto in discesa non pregiudica lo spazio interno, infatti, lo spazio per i passeggeri dietro è generoso anche per una persona alta, ma, come accennato all’inizio, le scelte stilistiche (dinamiche esterne unite alla sfumatura coupé) portano a una diminuzione della visibilità posteriore: i finestrini piccoli non regalano troppa luminosità. Il lunotto, è vero, dà grinta e dinamicità in linea allo stile unico di costruzione, ma è meglio guardare dagli specchietti laterali cosa accade dietro l’auto; l’orizzontalità del lunotto stesso ha il costo di ridurre ancora la visibilità e mancano all’appello due bocchette di ventilazione nelle retrovie: in altre parole la comodità c’è, ma non abbonda uniformemente su tutta l’auto.

Nonostante ciò, davanti si ha una buona visibilità anche grazie a montanti sottili e al posto di guida rialzato. L’importante è non essere troppo alti: le regolazioni del volante hanno il loro limite.

Tra assistenza alla guida e tecnologia, oltre al display asimmetrico Toyota CH-R include di serie Bluetooth, controllo di trazione, cruise control e sensori di parcheggio.

Per quanto riguarda lo spazio, il passo di 2,64 metri garantisce spazio a sufficienza per tutti i passeggeri a bordo. Un tasto dolente, però, è rappresentato dal bagagliaio: ha una capienza di 377 litri e nel ramo SUV la concorrenza crossover lascia posto a modelli più dotati, che lottano per proporre sul mercato un buon compromesso tra spazio abitabile e il bagagliaio stesso.

Bisogna riconoscere l’intento di CH-R: un tentativo di esprimere novità tra i crossover con una sterzata innovativa sul design, senza aver compromesso né l’abitabilità né tantomeno la sicurezza. L’azzardo delle linee così uniche lo discosta da vetture di altri brand, come Audi, Volkswagen, Citroen e Peugeot, ma la coupé dovrà rispondere dei tagli sportivi del design invitante quanto dei “tagli” alla visibilità e capienza del vano bagagli.

Toyota CH-R: allestimenti, motori e prezzi

La Toyota CH-R ha previsto inizialmente tre allestimenti per la sua gamma: Active, Style e Lounge. A fine 2017 è stato introdotto anche l’allestimento Trend.

Partendo dall’allestimento Active, sulla CH-R troviamo di serie: i cerchi in lega da 17”, fendinebbia, retrovisori esterni ripiegabili elettricamente e riscaldabili, specchietto retrovisore interno elettrocromatico, freno di stazionamento elettronico, Smart Entry & Push Start, Toyota Touch con telecamera posteriore e schermo da 8”, DAB, clima automatico bizona, sensore pioggia e crepuscolare e il sistema Toyota Safety Sense Plus.

Il Safety Sense Plus include: Lane Departure Alert (LDA), Road Sign Assist (RSA), Auto High Beam (AHB) Riconoscimento segnaletica stradale e Pre-Collision System (PCS) con rilevamento pedoni e Cruise Control Adattivo.

La versione Style aggiunge i cerchi in lega da 18”, vetri posteriori oscurati, sedili anteriori riscaldabili, sedile guidatore con supporto lombare regolabile elettricamente, una livrea bicolore con tetto nero metallizzato (soltanto per questo allestimento), interni in tessuto Electric Blue.

La Lounge si caratterizza per i cerchi di lega bruniti da 18”, sensori di parcheggio anteriori e posteriori sistema di assistenza al parcheggio (parcheggio semiautomatico), i sedili in misto pelle/tessuto e finiture interne Fashion Brown.

Un dettaglio aggiuntivo è il pacchetto Tech Pack che riassume, solo per Style e Lounge: sistema di controllo angoli ciechi, sistema di avviso ostacoli posteriori, sistema di assistenza al mantenimento della corsia, fari fendinebbia a LED, fari posteriori oscurato, fari a LED anteriori e posteriori, frecce anteriori animate a LED.

La tecnologia c’è, l’assistenza alla guida anche. Ma due elementi che potrebbero interessare il cliente rimangono optional: il sistema audio Premium JBL (9 altoparlanti) e il navigatore satellitare Toyota Touch 2 with Go Plus, non compresi nel Tech Pack.

Lasciamo per ultimo l’allestimento Trend, che con il lancio nel 2017 offre cerchi in lega da 18”, vetri posteriori oscurati, vernice metallizzata e interni in tessuto grigio con finiture in Piano Black e sedili anteriori riscaldabili.

Benzina

  • C-HR 1.2 Turbo 1.2 116 CV, disponibile sia con il manuale, sia con cambio CVT e anteriore o integrale

Ibrida

  • C-HR 1.8 Hybrid E-CVT 1.8 122 CV, solo con cambio E-CVT e trazione anteriore
La Toyota CH-R nell’allestimento Active e dotata di motore benzina 1.2 parte da circa 25.000 euro; la versione Lounge equipaggiata con trazione integrale parte da poco meno di 29.000 euro. Gli stessi allestimenti presi con motorizzazione ibrida confermano i prezzi a partire da poco più di 28.000 euro. Per quanto riguarda i prezzi della CH-R usata, questi sono disponibili sul sito di AutoScout24.

È importante sottolineare la differenza tra la versione più tradizionale, dotata del motore a benzina, e la variante dotata del propulsore ibrido. Toyota afferma che con una variante a benzina si attestano 15,9 Km/l; se passiamo alla versione ibrida i consumi calano e si registrano 25,6 Km/l.

Toyota CH-R: conclusioni

CH-R ha voglia di distinguersi. La muscolosità delle linee ricordano zigomi duri e sportiveggianti. Il comfort a bordo non manca (nei posti davanti). Il crossover compatto è rialzato, meno rispetto ad altri concorrenti, ma la visuale di guida è buona e ampia. La tecnologia è il tocco d’avanguardia.

Scricchiola la capacità di stiva nel bagagliaio, la visibilità sulla metà retrostante, le maniglie alte: sul mercato un SUV che dia “appeal” a un target di famiglie ha bisogno di tener conto di questi elementi. Si guadagnano punti su stile e sicurezza, si perde terreno su capacità e visibilità.

Recensioni dei veicoli Toyota C-HR

2 Recensioni

5,0