Toyota Aygo - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Toyota Aygo

Toyota Aygo

A misura di città

La Aygo è il modello più piccolo presente all'interno del listino Toyota. La prima generazione della piccola dagli occhi a mandorla venne è stata presentata nel 2005 e da allora è stata costantemente aggiornata fino a raggiungere i giorni nostri con la seconda serie lanciata nel 2014. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

La Aygo è frutto della partnership in atto tra il Gruppo PSA e Toyota, appunto, che oltre alla Aygo ha portato alla nascita anche della Citroën C1 e della Peugeot 108. Punto forte della city car giapponese, come delle sorelle francesi, è l’ampia possibilità di personalizzazione, oltre che le varie versioni speciali presenti a listino. L’ultimo aggiornamento di questo modello presentato nel 2005 è stato lanciato nel 2014.

Toyota Aygo: come è fatta, pro e contro

Le dimensioni della Toyota Aygo rispettano appieno lo standard della categoria delle citycar, con una lunghezza di 3.46 m, una larghezza di 1.62 m e un’altezza di 1.46 m. La massa varia a seconda delle versioni e va da un minimo di 915 a un massimo di 935 kg. Con l’ultima generazione, l’estetica del modello si è evoluta molto, staccando fortemente con la serie che l’aveva preceduta e abbandonando quindi le linee tondeggianti e simpatiche della prima, in favore di forme più squadrate e spigolose.

La parte che più caratterizza la nuova Aygo è sicuramente il frontale, sul quale spicca la particolare forma a X della calandra, che ingloba la presa d’aria posizionata nella parte bassa e centrale del paraurti, per poi estendersi sui due lati del cofano, includendo al suo interno i fari, immediatamente riconoscibili per la forma spigolosa e molto allungata con al loro interno il gruppo ottico lenticolare, nonostante non siano allo xeno o a LED. A completare la dotazione della parte frontale ci pensano i fari fendinebbia, accanto ai quali trovano posto le luci diurne a led. Disponibile a tre e a cinque porte, la fiancata della Toyota Aygo è caratterizzata dalla presenza di linee tese che dal frontale proseguono senza soluzione di continuità fino al posteriore. Qui, con la seconda generazione, hanno fatto il loro debutto dei fari dal design completamente rivisto e a sviluppo verticale, che trovano posto ai lati del lunotto. Questo è di dimensioni abbastanza ampie e funge anche da portellone che dà accesso alla zona di carico. A tal proposito, il bagagliaio assicura una capacità massima di 196 litri in configurazione standard e quindi con i sedili posteriore in posizione normale, che diventano 780 litri se invece si abbattono gli schienali della seconda fila di sedili. Per quanto riguarda lo spazio per i passeggeri, non bisogna naturalmente avere grandi aspettative. La Toyota Aygo, infatti, è omologata solo per quattro persone e anche nella variante a cinque porte deve comunque fare i conti con un corpo vettura che non arriva nemmeno a tre metri e mezzo di lunghezza.

Bello, invece, lo stile degli interni, che pur non potendo contare su un’accurata selezione di materiali e nemmeno su assemblaggi così meticolosi, risultano ben costruiti. Ad ogni modo, lo stile della plancia è sbarazzino nella sua semplicità e non manca qualche tocco tecnologico rappresentato dalla presenza dello schermo del sistema di infotainment che in Toyota è stato ribattezzato Display Audio. Questo può fare affidamento su uno schermo touch con una diagonale di 7 pollici, attraverso il quale è possibile visualizzare le immagini catturate dalla telecamera posteriore di retromarcia che su alcuni allestimenti viene anche offerta di serie. Il sistema, inoltre, garantisce la compatibilità con i moderni sistemi Apple CarPlay e Android Auto per controllare in maniera più semplice le varie funzioni del proprio smartphone.

Oltre alle già citate cugine francesi (Citroen C1 e Peugeot 108) tra le rivali della piccola Toyota Aygo troviamo anche la Opel Karl e il trio costituito da VW UP, Skoda Citigo e Seat Mii.

Toyota Aygo: allestimenti, motori e prezzi

Quattro gli allestimenti nei quali è possibile scegliere la piccola Toyota Aygo: x-cool, x-play, x-fun, x-trend. Il primo rappresenta l’allestimento di accesso alla gamma, nonché l’unico disponibile per la variante a tre porte. Buona la dotazione di sedie, che fin dalla versione di accesso alla gamma comprende i cerchi da 15 pollici in acciaio, la radio con quattro altoparlanti, Bluetooth e ingresso usb e climatizzatore manuale. Novità 2019, poi, sono gli allestimenti x-wave orange e x-cite. Il primo si caratterizza per la verniciatura bianca con tetto apribile in tela a contrasto di colore arancione, mentre la x-cite sfoggia una più appariscente carrozzeria di colore arancione con tetto nero, ma questa volta non apribile. Inedita la dotazione di serie di queste due nuove versioni che è costituita dal pacchetto di sistemi di ausilio alla guida Toyota Safety Sense, che include il Pre-Collision che aiuta a limitare i danni di un eventuale impatto monitorando la strada davanti al veicolo per mezzo di una telecamera e dei sensori laser, oltre all’avviso di superamento di corsia.

Uno solo, invece, il motore disponibile. Si tratta del classico tre cilindri aspirato di un litro di cilindrata di origine Toyota in grado di erogare una potenza massima di 72 CV a 6.000 giri al minuto e una coppia di 93 Nm di coppia a 4.400 giri al minuto. L’unità è omologata Euro 6.2 ed è abbinata a un cambio manuale a cinque marce, ma a disposizione c’è anche una trasmissione automatica. Quest’ultima, tuttavia, è disponibile unicamente in combinazione con gli allestimenti x-cool, x-play, x-fun, e x-cite a cinque porte. Il prezzo di partenza della Toyota Aygo è di circa 12.000 euro.

Benzina

  • 1.0 VVT-i 72 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale o automatico

Toyota Aygo: conclusioni

Piccola, pratica e dall’aspetto piacevole, la Toyota Aygo è un’ottima vettura da città che rappresenta una valida alternativa per chi cerca una citycar a misura di città caratterizzata da basse spese d’esercizio e un buon rapporto prezzo/contenuti. Una gamma ampia e le tante possibilità di personalizzazione, inoltre, permettono di configurare il modello esattamente in base a quelle che sono le proprie esigenze. Unico neo, la scelta di propulsori limitata ad un’unica unità a benzina e li spazio interno, soprattutto del bagagliaio, un po’ risicato.

Recensioni dei veicoli Toyota Aygo

87 Recensioni

4,6