Nissan Micra - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Nissan Micra

Nissan Micra

Una storica segmento B giapponese

Lanciata nell'ormai lontano 1982, nel corso di quasi 40 anni la Nissan Micra è progressivamente cambiata, crescendo nelle dimensioni, ma rimanendo sempre piuttosto fedele alle sue linee originali, caratterizzate da forme morbide e da una carrozzeria molto tondeggiante. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Carrozzeria

Colore carrozzeria

Questo fino al debutto dell’ultima generazione nel 2017, quando Nissan ha letteralmente stravolto lo stile della sua compatta, per cercare di dare alla Micra tutte le carte in regola per poter competere ad armi pari con le regine del segmento B.

Nissan Micra: come è fatta, pro e contro

Bisogna quindi partire proprio dallo stile per descrivere l’ultima generazione della Nissan Micra, la quinta nella storia del modello. Abbandonate le linee bombate delle serie precedenti, la nuova compatta giapponese ha portato al debutto un design più maturo, fatto di linee più tese, dal sapore decisamente più sportivo che in passato.

Davanti fa il suo debutto una calandra dalla forma esagonale all’interno della quale trova posto il logo di Casa Nissan, incorniciato da un profilo cromato. In basso, ai lati della calandra, sono presenti due aperture nelle quali alloggiano i fari fendinebbia e impreziosite dalla presenza di un grande listello orizzontale in tinta a contrasto con la carrozzeria. Molto grandi i fari, dotati unicamente di tecnologia alogena ma con luce diurna a led, che si allungano sulla fiancata. Particolari le linee di quest’ultima. In prossimità del parafango anteriore, infatti, sono morbide e curvilinee, ma già a partire dall’attacco dei montanti anteriori diventano dritte e tese, correndo senza soluzione di continuità verso la coda della macchina, che sembra essere più alta di quella anteriore, dando alla Micra l’impressione di essere acquattata a terra, protesa verso l’asfalto.

La carrozzeria è unicamente a cinque porte, con le maniglie delle portiere posteriori nascoste nel montante posteriore. Riuscite anche le linee del posteriore, che appaiono immediatamente ancora più squadrate di quelle anteriori, se possibile. I fari sono di dimensioni ridotte e posizionati piuttosto in alto, il lunotto è anch’esso piuttosto piccolo e sormontato da un piccolo spoiler che dona alla Micra un tocco ancora più sportivo. Non è presente un estrattore nella parte posteriore, sostituito a un inserto in plastica nero che oltre a completare il design del retrotreno, protegge anche la carrozzeria dai piccoli urti.

All’interno le forme sono più razionali e si ispirano a quelle dell’ultima generazione della Qashqai. La plancia è a sviluppo orizzontale e nel mezzo ospita lo schermo del sistema di infotainment recentemente aggiornato con nuove funzioni e una grafica più nitida. Resta invece tradizionale il quadro strumenti collocato dietro il volante e dotato di due grandi elementi analogici, contachilometri e contagiri, con nel mezzo un piccolo display digitale. La qualità dei materiali non è delle migliori che è possibile trovare in questo segmento di mercato. La parte della plancia non è molto morbida al tatto, così come quella bassa. L’unica eccezione è rappresentata dal rivestimento centrale che oltre a dare un tocco di colore agli interni della Micra, aumentano sensibilmente la percezione di qualità. Molti, infine, i vani portaoggetti disseminati un po’ per tutto l’abitacolo, tranne che per i passeggeri posteriori, che hanno a loro disposizione soltanto due tasche ricavate negli schienali dei sedili anteriori.

Dimensioni e spazio a bordo rientrano nella media della categoria. La Micra, infatti, è lunga 4 metri esatti, larga 1,93 metri e alta 1,45 metri e offre un bagagliaio dalla capacità di carico di 300 litri. La soglia di carico, però, è leggermente alta e crea un gradino un po’ difficile da superare con i carichi più pesanti. Buono lo spazio per guidatore e passeggero, mentre chi siede dietro è costretto a fare i conti con la forma discendente del tetto, che se da una parte dona alla Micra una piacevole linea da coupé, dall’altra limita non poco la luce di apertura delle porte posteriori, costringendo a chinarsi parecchio per entrare e una volta a bordo i più alti devono fare i conti con uno spazio per la testa piuttosto risicato. Buono, invece, lo spazio per le gambe. Risulta un po’ sacrificato soltanto chi siede nel posto centrale, cosa tuttavia piuttosto comune sulle vetture di questa categoria. Le rivali sono la Renault Clio, la Peugeot 208 e la Opel Corsa, giusto per citarne alcune.

Nissan Micra: allestimenti, motori, prezzi

Recentemente sottoposta a un aggiornamento di metà carriera, la Nissan Micra non è stata evoluto dal punto di vista del design, quanto dal punto di vista dei contenuti intesi come motorizzazioni e allestimenti. Le versioni tra le quali è possibile scegliere, infatti, sono cinque: si parte dalla Visia+ per poi passare alla Acenta e poi N-Connecta, Tekna ed infine il nuovo allestimento N-Sport. A parte si sviluppa la gamma della variante alimentata a GPL, strutturata in tre allestimenti: Start, Plus e Max. Buona la dotazione di serie, che già a partire dalla versione Acenta offre diversi sistemi di assistenza alla guida di serie, quali il sistema di frenata d’emergenza intelligente con riconoscimento dei pedoni, il controllo automatico fari abbaglianti, il sistema di avviso e prevenzione del cambio di corsia involontario e il sensore pioggia. Tra i vari optional, invece, segnaliamo la presenza dell’Around View Monitor che attraverso quattro telecamere perimetrali permette di avere una vista a 360 gradi su tutto ciò che circonda il veicolo in fase di manovra.

Tra i vari motori disponibili la novità più recente è rappresenta dal nuovo 1.0 turbo DIG-T a benzina con una potenza massima di 117 CV e una coppia di 180 Nm di coppia disponibili da 1.750 giri al minuto e dall’IG-T anch’esso a tre cilindri da un litro con una potenza di 100 CV che sostituisce il vecchio 0.9 IG-T da 90 CV che resta comunque a listino per le varianti GPL. Tutti i propulsori sono abbinati al cambio manuale. L’unico automatico a listino è un CVT disponibile unicamente per l’IG-T da 100 CV. Il prezzo di partenza della Nissan Micra è di circa 14.000 euro.

Benzina

  • 1.0 IG 71 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale
  • 0.9 IG-T GPL 90 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale
  • 1.0 IG-T 100 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale o automatico
  • 1.0 DIG-T 117 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale
  • Diesel
    • 1.5 dCi 90 CV esclusivamente a trazione anteriore con cambio manuale

    Nissan Micra: conclusioni

    Pensata per la città, grazie al suo stile più fresco e moderno, la Nissan Micra di ultima generazione punta a fare colpo su una clientela più giovane e dinamica. Buono lo spazio interno, mentre qualche plastica qui e là lascia un po’ a desiderare in termini di qualità. Ottima, invece, la scelta di allestimenti e motori, quest’ultima comprende anche una declinazione a GPL, in grado di soddisfare i desideri di un’ampia fetta di clientela.

Recensioni dei veicoli Nissan Micra

167 Recensioni

4,4