Peugeot 107 - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Peugeot 107

Peugeot 107

La citycar personalizzata

La Peugeot 107 è una citycar a quattro posti, con tre o cinque porte commercializzata dal giugno 2005 dal costruttore francese Peugeot, per sostituire l’obsoleta 106. Venne sostituita dalla Peugeot 108 nel 2014. La decisione di produrre automobili entry-level fu presa il 12 luglio 2001, quando i presidenti di Toyota e PSA Peugeot Citroën, Fujio Cho e Jean-Martin Folz, decisero di produrre una piccola auto in comune per condividere costi di sviluppo garantendo un prezzo lancio da 8.500 euro. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Colore carrozzeria

Così le Citroën C1, Peugeot 107 e Toyota Aygo sono assemblate nello stabilimento TPCA, una joint venture tra PSA Peugeot Citroën e Toyota a Kolín nella Repubblica Ceca. Questi tre veicoli sono stati presentati in anteprima mondiale al Motor Show di Ginevra e lanciati in serie il 28 febbraio 2005. Andarono particolarmente bene le vendite in Europa e soprattutto in terra tedesca, dove tra il 2005 e il 2014, sono state immatricolate un totale di 68.071 Peugeot 107. Con 14.832 unità, il 2009 è stato l’anno di vendita di maggior successo. Ciò è dovuto al bonus ambientale attivo in quel periodo.

Peugeot 107: com’è fatta, pro e contro

La Peugeot si distingue dalle due gemelle Citroen e Toyota per le luci anteriori a mandorla e la grande griglia d’aria situata sotto la griglia. Gli interni sono molto semplici, con plastiche dure e spartane e pochi fornzoli. Il cluster ha un solo quadrante del tachimetro e il contagiri spunta dal tachimetro stile “orecchie di Topolino”, ma è a pagamento. All’inizio del 2009, la 107 è stata sottoposta ad restyling: il design anteriore è stato cambiato, la tecnologia dell’auto, tuttavia, è rimasta intatta. Cambia infatti la forma delle prese d’aria con angoli più pronunciati, per seguire l’evoluzione stilistica della cugina 207. Durante il secondo restyling del 2012, la Peugeot 107 adotta il nuovo stile Peugeot: griglia “galleggiante”, nuovo logo leone al centro, nuovi fari diurni a LED. L’emblema Peugeot è ora privo di finiture cromate sul cofano. All’interno, questo modello può essere visto su un nuovo volante e materiali migliorati, ma comunque non ancora tutti all’altezza della concorrenza. Il portellone totalmente in vetro è innovativo: senza telaio di supporto è scurito nella parte inferiore (per supportare visivamente il logo Peugeot del leone, oltre al tergicristallo). I poggiatesta anteriori sono integrati, i finestrini posteriori sono a bussola sul modello a cinque porte e fissi sulle tre porte. Lo spazio per quattro è appena sufficiente per brevi spostamenti e il bagagliaio è risicato (un passeggino fatica a trovare posto), ma viste le dimensioni esterne dell’auto (3.43 metri di lunghezza per 1.63 di larghezza) tutto sommato è difficile chiedere di più. Chi lo fa (come Panda) è perché ha un veicolo decisamente più alto, mentre qui siamo a soli 1.470 mm dal suolo. Il passo è di soli 2.34 metri e il peso non supera i 925kg, quindi comunque molto leggera, il che favorisce i consumi di carburante. Le concorrenti sono Renault Twingo II, Smart Fortwo, Fiat Seicento, Daihatsu Cuore II, Daewoo Matiz II, Fiat Panda II e [Volkswagen Fox(/volkswagen/volkswagen-fox/).

Peugeot 107: allestimenti, motori e prezzi

La Peugeot 107 è disponibile in diversi livelli di finiture (Trendy, Urban, Black e Silver). Ma sono molte le edizioni speciali, come la Petit Filou (modello base con servosterzo e 4 airbag), Filou (protezioni laterali aggiuntive, alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata, sedile posteriore diviso), Street Racing (modello edizione solo a tre porte, rispetto a ulteriori miglioramenti visivi di Filou, cerchi in lega, volante in pelle), Sweet Years (come Filou ma anche con sistema di navigazione, aria condizionata ed ESP, non disponibile in Germania) e Urban Move (sedili con cuscini di seduta grigio e rosso, tachimetro, Esp e aria condizionata, così come la vernice speciale, il modello è disponibile solo come 5 porte). In questo modo la Peugeot voleva accattivarsi i giovani curiosi di personalizzare l’auto a proprio piacimento. Due i motori, uno benzina e l’altro diesel, il primo da 1 litro, 3 cilindri 12 valvole 68 CV di origine Toyota; il secondo un quattro cilindri 1.4 litri Diesel 54 CV con common rail HDi by PSA. Entrambi molto tranquilli, ma con i cavalli giusti per muoversi in città e avere costi di mantenimento vantaggiosi. Il diesel non è più stato offerto dal 2011, quando le normative inquinanti richiedevano investimenti importanti per questo tipo di propulsori. Mentre il “benzina” ha consumo di carburante è di 4,6 litri ed emissioni di CO2 a 109 g/km. Infatti la Peugeot 107 - insieme alle sue gemelle Citroën e Toyota – potrebbe essere collocata nella classifica ambientale VCD nel 2005, 2006 e 2007 come il miglior veicolo non ibrido. In un progetto universitario, nella versione convertita a GPL, he emesso CO2 per soli 90,9 g /km. Il motore a benzina, che beneficia del know-how di Toyota, è dotato di un sistema VVT-i di temporizzazione variabile della distribuzione continua, gestito da computer (in base all’accelerazione, al carico pedale). Il motore ha solo tre cilindri ed è a sua volta preso da una sezione “minore” del gruppo, vale a dire il marchio Daihatsu. Si troverà su molti modelli di auto giapponesi di piccole dimensioni, e anche sulla Subaru Trezia che assomiglia molto ad una Opel Agila. I due cambi proposti sono: la trasmissione manuale a 5 marce su tutti i modelli; il cambio manuale robotizzato a 5 velocità offerto in opzione, disponibile solo per il modello a benzina 1.0i, preferito da molti in città. Il cambio manuale robotizzato può anche funzionare come un automatico, ma è stato fortemente criticato perché lento (monofrizione semplice) e poiché causa un consumo elevato, oltre alla mancanza di comfort (genera sobbalzi durante i cambi di marcia). L’auto ha un ottimo raggio di sterzata di soli 9,46 m. La frenata è assicurata da dischi ventilati con pinze a pistone singolo flottanti nella parte anteriore e semplici tamburi sul retro. La direzionalità in frenata è supportata in maniera corretta, anche se il peso ridotto della struttura tende a rendere l’ABS piuttosto invasivo. Infatti, è equipaggiata in serie (per l’Europa) con un ABS, due airbag frontali e un sistema di controllo della stabilità in curva chiamato CSC (ma che non è l’ESP, offerto come optional). Le Peugeot 107 hanno anche ottenuto 4 stelle in crash test Euro NCAP per adulti (3 per bambini), con un punteggio totale di 26 punti su 37, e ottenuto 2 stelle per la protezione dei pedoni. Nel 2012 con le nuove normative questo punteggio è sceso a sole tre stelle. Il prezzo di partenza era di 8.000 euro per arrivare a quota 12 mila nelle versioni più ricche.

Peugeot 107: conclusioni

Insomma, la Peugeot 107 è una vettura compatta e ideale per la città, non disdegna passaggi in extraurbano. Ha qualche difetto per le misure interne e per quanto concerne il bagagliaio, piccolo e dal difficile accesso, ma per costo e dimensioni esterne non si batte. Le gemelle Citroen C1 e Toyota Aygo sono molto simili, ma la Peugeot ha qualche personalizzazione in più.

Recensioni dei veicoli Peugeot 107

52 Recensioni

4,4