Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Hyundai Tucson

Pro
  • Confortevole e piacevole da guidare
  • Ottima dotazione di serie, soprattutto di sicurezza
Contro
  • Comandi touch del clima un po’ scomodi
  • Visibilità posteriore ridotta

Hyundai Tucson: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Tra i SUV di medie dimensioni più amati c’è sicuramente Hyundai Tucson. Il SUV coreano, tra i primi ad esplorare nel 2004 il segmento dei Crossover di medie dimensioni, ha ottenuto un buon successo di vendite, seguito da quello della sostituta ix35 del 2009. Tornata alla nomenclatura Tucson nel 2015, fin dal suo debutto il modello ha venduto più di 7 milioni di unità, di cui 1,4 solo in Europa. Dopo una storia di successo, le aspettative verso Hyundai erano davvero alte. Nel settembre 2020, la Casa coreana ha presentato l’ultima reincarnazione della Tucson, totalmente diversa dalle precedenti. La nuova generazione si contraddistingue per una piattaforma tecnica inedita e uno stile in forte discontinuità col passato, di grande originalità sia fuori che dentro. Il mercato però ora è davvero pieno di modelli validi e molto amati, rispetto ai quali Tucson vuole posizionarsi come il SUV da battere.

Scopriamo allora dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Hyundai Tucson. Continua a leggere

Modelli alternativi

Dimensioni Hyundai Tucson

Le dimensioni della Hyundai Tucson sono:

  • lunghezza 4,50 metri
  • larghezza 1,87 metri
  • altezza 1,65 metri
  • passo 2,68 metri

Nonostante sia solo due centimetri più lunga, due centimetri più larga e alta quanto la vecchia generazione, la nuova Hyundai Tucson rivoluziona i tipici stilemi del marchio, distanziandosi anche dai modelli attualmente in gamma Hyundai. Se infatti i volumi rimangono piuttosto tradizionali, le superfici sono taglienti, gli angoli vivi disegnano una fiancata scultorea addolcendosi solo nel posteriore. Questi sono i canoni stilistici del nuovo “Parametric Design”, il nuovo linguaggio stilistico di Hyundai seguito anche dalla nuova elettrica Ioniq 5. Rispetto alla EV, che sfoggia linee retrò ed eleganti, Tucson risulta addirittura più estrema e originale. Al posteriore, ad esempio, troviamo un elaborato gruppo ottico, composto da quattro elementi verticali e uno orizzontale che li unisce idealmente. Il logo Hyundai posteriore è poi incastonato nel lunotto posteriore, e la spazzola tergilunotto è nascosta nel grande spoiler posteriore.

L’anteriore di Hyundai Tucson è senza dubbio la parte più originale dell’auto. La griglia, denominata “Jewel-Like”, è formata da diversi grandi elementi simmetrici, che includono anche i fari Full LED, che con i fari spenti sembrano parte integrante della presa d’aria. Da non dimenticare poi i cerchi in lega, che possono arrivare fino ad una dimensione di 20 pollici sulle versioni N line. Per concludere con le dimensioni di Hyundai Tucson, il bagagliaio è davvero grande, ed è cresciuto di oltre 100 litri rispetto alla generazione precedente nonostante le dimensioni siano rimaste pressoché le stesse. La versione Hybrid di Tucson offre infatti 616 litri di capacità, che salgono a ben 1.795 abbattendo i sedili. Questo la rende una dei SUV medi più capienti in circolazione, ma attenzione alla versione che scegliete. A seconda della motorizzazione, infatti, cambia la capacità del bagagliaio. La Plug-In Hybrid, ad esempio, offre 558 litri, la CRDi mild hybrid solo 546, la CRDi Diesel “liscia” 598, ed infine la 1.6 T-GDI mild hybrid si ferma a 577 litri.

Interni Hyundai Tucson

Gli interni di Hyundai Tucson sono stati completamente ridisegnati, e sfoggiano linee eleganti ma molto originali. Il quadro strumenti digitale da 10,25 pollici, ad esempio, è di serie su tutte le versioni, ed è privo della classica “palpebra” che hanno tutte le altre auto. È chiaro e ben leggibile, con una visualizzazione non troppo personalizzabile ma dotata di un pannello di grande qualità. Una soluzione davvero furba e utile è la telecamera per l’angolo cieco, che riproduce ciò che si vede nell’angolo cieco in uno tra tachimetro e contagiri. La plancia, invece, ha un design pieno e armonioso, con materiali piuttosto morbidi un po’ dappertutto e ottimi assemblaggi. Al centro della plancia trova posto un display centrale da 10,25 pollici, dotato del nuovo sistema multimediale BlueLink.

Piuttosto facile da utilizzare, sfoggia delle funzioni interessanti come il filtro luce blu, e altre più simpatiche come i “Suoni della natura”, un mix di rumori bianchi per estraniarsi dal traffico cittadino. Non mancano poi Apple CarPlay e Android Auto, ovviamente wireless. Al di sotto dello schermo, dotato di un pannello di ottima fattura, troviamo i comandi touch per il climatizzatore. La nota positiva è che questi comandi non siano annegati nei menù del sistema di infotainment, ma la soluzione completamente a sfioramento non incontra i gusti di tutti, costringendo a distrarsi dalla strada. Non mancano poi il selettore delle modalità di guida, il pad per la ricarica wireless e i tasti per volante e sedili riscaldabili. Concludendo con le dimensioni di Hyundai Tucson, il SUV coreano offre una bella dotazione di spazio per i suoi passeggeri, sia davanti dove anche i più alti troveranno una posizione di guida comoda e rialzata, sia dietro, dove per gambe e testa non c’è davvero alcun problema. Il divano è poi decisamente largo, consentendo anche di offrire spazio per cinque persone.

hyundai-tucson-hybrid-2020-interieur

Motori Hyundai Tucson

La gamma motori di Hyundai Tucson è una delle più complete sul mercato dei SUV medi: a listino sono infatti disponibili motori benzina mild hybrid, diesel “liscio”, diesel con sistema ibrido leggero, Full Hybrid e Plug-In Hybrid. Il motore d’accesso della gamma è il 1.6 T-GDI turbobenzina con modulo mild hybrid a 48 V. Dotato di 150 CV e 250 Nm di coppia, grazie al peso non esagerato di Tucson si muove bene e offre una bella dose di vivacità alla vettura. Disponibile con cambio manuale a 6 marce o automatico doppia frizione a 7 marce DCT, il 1.6 T-GDI è una buona soluzione per chi percorre pochi km. Per chi invece fa tanti km in città, sono davvero interessanti le due versioni ibride, Full Hybrid e Plug-In Hybrid. Entrambe sono basate sulla stessa architettura, che parte dal 1.6 T-GDI turbo a benzina a cui viene aggiunto, posto tra motore e cambio automatico a 6 marce, un motore elettrico. La versione Full Hybrid arriva così a 230 CV, mentre la Plug-In Hybrid, che sfoggia una batteria da 13,8 kWh, arriva a 265 CV. La Full Hybrid non va mai ricaricata, percorre una manciata di km in full Electric ed è disponibile sia con trazione anteriore che integrale. La PHEV, invece, è disponibile solamente con trazione integrale, è ricaricabile alla colonnina e può percorrere fino a 62 km in ciclo misto WLTP.

A chiudere la gamma motori di Hyundai Tucson ci pensa il 1.6 CRDi 4 cilindri turbodiesel, offerto sia con che senza modulo Mild Hybrid a 48 V. La versione “liscia” eroga 116 CV e 280 Nm di coppia, ed è disponibile solo con trazione anteriore e cambio manuale. La Mild Hybrid, invece, arriva a 136 CV e 320 Nm di coppia, ed è disponibile con cambio manuale o automatico DCT.

Motori Hyundai Tucson

Mild Hybrid Benzina

  • 1.6 T-GDI, 1.6 turbo, 150 CV, cambio manuale a 6 marce o aut. doppia friz. a 7 marce, traz. anteriore

Diesel

  • 1.6 CRDi, 1.6 turbodiesel, 116 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore

Mild Hybrid Diesel

  • 1.6 CRDi, 1.6 turbodiesel, 136 CV, cambio man. a 6 marce o aut. doppia friz. a 7 marce, traz. anteriore

Ibrida

  • 1.6 T-GDI HEV, 1.6 turbo + motore el., 230 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.6 T-GDI HEV 4WD, 1.6 turbo + motore el., 230 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione integrale

Plug-In Hybrid

  • 1.6 T-GDI PHEV 4WD, 1.6 turbo + motore el., 265 CV, cambio automatico a 6 marce, trazione integrale

Prezzi Hyundai Tucson

Il listino prezzi di Hyundai Tucson è formato da quattro allestimenti: XTech, XLine, Exellence e lo sportivo N Line. La versione XTech è quella d’accesso, ma offre già tanto di serie: cerchi in lega da 17”, clima automatico bizona, cruise control, infotainment con schermo da 8 pollici, quadro strumenti digitale da 10,25 pollici, fendinebbia, telecamera posteriore, sensori di parcheggio posteriori e selettore delle modalità di guida sulle versioni con cambio automatico. Questa versione d’accesso, che però offre già tanto di serie, è offerta con il motore 1.6 T-GDI a 29.700 euro.

Salendo con gli allestimenti, si nota come gli optional siano davvero pochi: cerchi in lega da 19”, sospensioni attive per la N line, tetto a contrasto e vernici metallizzate. Già dalla XLine, infatti, troviamo i fari Full LED, il navigatore, i sensori di parcheggio anteriori e l’accesso keyless. I lussuosi Exellence ed N Line, invece, condividono la dotazione molto completa; Cruise Control Adattivo con sistema di guida in autostrada HDA, monitoraggio dell’angolo cieco posteriore, portellone elettrico, gli ADAS più avanzati, un sistema audio più potente con 8 altoparlanti e i sedili e volante riscaldabili. La Exellence e la N Line si differenziano per la caratterizzazione estetica: più sportiva sulla N Line, decisamente più lussuosa ed elegante sulla Exellence. Le due versioni, però, costano esattamente uguali, e condividono lo scettro di versione più costosa del listino prezzi di Hyundai Tucson: con il motore Plug-In Hybrid, infatti, Exellence e N Line arrivano a 46.900 euro.

Listino prezzi Hyundai Tucson

XTech

  • 1.6 T-GDI XTech 2WD, 29.700 euro
  • 1.6 T-GDI HEV XTech 2WD aut., 33.850 euro
  • 1.6 CRDi 116 CV XTech 2WD, 31.250 euro
  • 1.6 CRDi 136 CV XTech 2WD, 33.000 euro

XLine

  • 1.6 T-GDI XLine 2WD, 32.300 euro
  • 1.6 T-GDI XLine 2WD DCT, 33.800 euro
  • 1.6 T-GDI HEV XLine 2WD aut., 36.450 euro
  • 1.6 T-GDI HEV XLine 4WD aut., 38.450 euro
  • 1.6 T-GDI PHEV XLine 4WD aut., 45.000 euro
  • 1.6 CRDi 116 CV XLine 2WD, 33.850 euro
  • 1.6 CRDi 136 CV XLine 2WD, 35.600 euro
  • 1.6 CRDi 136 CV XLine 4WD, 37.100 euro

Exellence

  • 1.6 T-GDI Exellence 2WD, 34.200 euro
  • 1.6 T-GDI Exellence 2WD DCT, 35.700 euro
  • 1.6 T-GDI HEV Exellence 2WD aut., 38.350 euro
  • 1.6 T-GDI HEV Exellence 4WD aut., 40.350 euro
  • 1.6 T-GDI PHEV Exellence 4WD aut., 46.900 euro
  • 1.6 CRDI 136 CV Exellence 2WD DCT, 39.000 euro

N Line

  • 1.6 T-GDI N Line 2WD, 34.200 euro
  • 1.6 T-GDI N Line 2WD DCT, 35.700 euro
  • 1.6 T-GDI HEV N Line 2WD aut., 38.350 euro
  • 1.6 T-GDI HEV N Line 4WD aut., 40.350 euro
  • 1.6 T-GDI PHEV N Line 4WD aut., 46.900 euro

Hyundai Tucson: concorrenti e conclusioni

Le prime tre generazioni di Hyundai Tucson si sono evolute nel segno della continuità, puntando su concretezza e affidabilità, portando Hyundai da un ruolo di comprimaria tutta praticità e concretezza ad un colosso del mondo dell’auto, capace di farsi sentire anche a livello globale. La quarta generazione di Hyundai Tucson dimostra la consapevolezza di Hyundai che, forte della posizione raggiunta a livello globale, ha deciso di riscrivere le regole del gioco scommettendo tutto su design e tecnologia. La nuova piattaforma N3, condivisa con la KIA Sportage, garantisce un comportamento stradale agile e piacevole, che però punta tutto su un confort di ottimo livello. I motori, tutti turbo, garantiscono ottime prestazioni, e la sicurezza è ai vertici della categoria grazie ad ADAS ben tarati e di serie fin dal modello base. Migliorabile la disposizione dei tasti sulla plancia, mentre è da sottolineare anche la mancanza dei proiettori a matrice di LED, presenti su altre rivali.

Nonostante questo, le concorrenti di Hyundai Tucson troveranno per la loro strada un SUV davvero completo, concreto e versatile, che però punta su uno stile originale e molto personale senza perdere un briciolo di concretezza e funzionalità. La più grande rivale di Hyundai Tucson sarà sicuramente la cugina KIA Sportage, che con Tucson condivide meccanica, tecnologie e gran parte dei motori. Gli altri concorrenti di Hyundai Tucson sono i grandi bestseller del segmento dei C-SUV, uno dei più agguerriti del mercato: Tucson se la dovrà vedere con Nissan Qashqai, Peugeot 3008, Jeep Compass, Volkswagen Tiguan, con il nuovo Alfa Romeo Tonale e con Ford Kuga, Mazda CX-30, Opel Grandland e con i SUV Premium BMW X1, Audi Q3 e Mercede-Benz GLA.

FAQ

Quanto costa la Hyundai Tucson 2022?

Hyundai Tucson ha un prezzo di partenza di 29.700 euro scegliendo il motore 1.6 T-GDI turbo benzina mild hybrid da 150 CV accoppiato al cambio manuale e all’allestimento d’attacco XTech. Nonostante sia la versione d’accesso della gamma Tucson, questo allestimento è piuttosto completo: offre di serie infatti cerchi in lega da 17”, clima automatico bizona, cruise control, infotainment con schermo da 8 pollici, quadro strumenti digitale da 10,25 pollici, fendinebbia e sensori di parcheggio posteriori con retrocamera.

Che tipo di motore monta la nuova Hyundai Tucson?

Hyundai Tucson ha una gamma di motori molto variegata, composta principalmente da motorizzazioni elettrificate. L’unico motore privo di un modulo ibrido è il 1.6 CRDi turbodiesel da 116 CV: per il resto, Tucson è disponibile con motori mild hybrid, full hybrid e anche ibridi plug-in. Il motore d’accesso è il 1.6 T-GDI benzina mild hybrid da 150 CV, mentre è disponibile anche un Diesel Mild Hybrid, il 1.6 CRDi 48 V da 136 CV. Al top della gamma ci sono poi le versioni HEV full Hybrid e PHEV plug-in, dotate del 1.6 turbo e di un motore elettrico, e dotate rispettivamente di 230 e 265 CV.

Dove viene prodotta la nuova Hyundai Tucson?

Gli esemplari di Hyundai Tucson venduti in Europa verranno prodotti nello stabilimento ceco della Casa coreana di Nosovice, nella parte orientale della Repubblica Ceca. Per il mercato asiatico, invece, Tucson sarà prodotta in Corea del Sud, ad Ulsan, e a Pechino per il mercato cinese. Le Hyundai Tucson destinate al mercato americano, infine, saranno costruite negli States, nella fabbrica Hyundai di Montgomery, in Alabama.

Recensioni dei veicoli Hyundai Tucson

35 Recensioni

4,4