Hyundai Tucson - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Hyundai Tucson

Hyundai Tucson

SUV compatto che piace

Lo sbarco in Europea dei costruttori coreani è stato caratterizzato dall'arrivo di alcuni modelli molto apprezzati. Tra questi, un posto in prima fila lo merita la Hyundai Tucson, che è la vettura della Casa coreana più venduta in Europa. L'auto ha fatto il suo debutto nel 2004, per poi terminare la prima parte della sua carriera nel 2009 (sostituita dalla ix35). Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Carrozzeria

Colore carrozzeria

È poi tornata in scena a metà del 2015, per riprendere il posto proprio della ix35. Appena arrivata, ha subito assunto un ruolo chiave nel percorso di rilancio del brand coreano. Con il SUV medio si rinnova ancora e si propone di portare avanti il lavoro. Aggiornata nel design, che è stato rivisto senza eccessivi stravolgimenti dal centro stile europeo di Hyundai a Francoforte, ma soprattutto nei contenuti, l’ultima versione della Tucson è la prima auto del produttore di Seul ad essere equipaggiata con un sistema mild hybrid, offerto di serie in abbinamento al propulsore Diesel top di gamma.

Hyundai Tucson: com’è fatta, pro e contro

Lunga 4,48 m, larga 1,850 m e alta 1,65 m, la Tucson ha posto grande attenzione per il design è stato uno dei punti di forza della uscente generazione di Tucson e la quarta, fresca di debutto, conserva questo approccio attento allo stile. Negli esterni le modifiche sono minime. le linee non sono state stravolte, ma semplicemente ammodernate, per svecchiare l’immagine della vettura. Le differenze più evidenti sono racchiuse nel frontale, dove spicca una nuova calandra contornata da inediti fari full LED. Per il resto, l’auto ha linea di cintura piuttosto alta e inclinata e fiancata “alleggerita” da una linea in rilievo che si estende fino alla parte posteriore. Classica e ben equilibrata la parte posteriore, con lunotto e parte metallica del cofano ben proporzionati e gruppi ottici di medie dimensioni.

È dentro l’abitacolo, però, che l’auto mostra un rinnovamento più profondo, con plancia interamente riprogettata e l’adozione diffusa di materiali di migliore qualità per i rivestimenti. Salendo a bordo a cogliere l’attenzione è soprattutto il touchscreen piazzato a sbalzo. Il sistema di infotainment è compatibile sia con Apple CarPlay sia con Android Auto e comprende tutta una serie di funzioni (incluso l’aggiornamento automatico del software per 7 anni). Dotata di una buona abitabilità, l’auto ha sedili ampi e molto comodi e può contare anche su un bagagliaio da 513 litri che possono aumentare fino a 1.503 se si abbatte la seconda fila di sedili.

Tra le dotazioni, l’auto offre anche accessori moderni come la ricarica wireless per gli smartphone di ultima generazione. Numerose sono le concorrenti della Tucson. Tra le più temibili WV Tiguan, Nissan Qashqai, Peugeot 3008, Ford Kuga e Renault Kadjar.

Hyundai Tucson: allestimenti, motori e prezzi

Quattro sono i motori a listino. Tucson, infatti, è disponibile con due unità a benzina, 1.6 GDI e 1.6 T-GDI, che hanno rispettivamente 132 e 177 CV. La prima è abbinata alla sola trazione anteriore e al solo cambio manuale, mentre la seconda, che di serie monta la trasmissione automatica, è offerta sia a trazione anteriore sia con le quattro ruote motrici. Per quanto riguarda le versioni a gasolio, invece, la Tucson si mostra con un 1.6 CRDi disponibile in due varianti di potenza (116 e 136 CV), con la meno prestazionale, che come per i benzina è offerta solo con trazione anteriore e cambio manuale, e con la più potente che invece si articola tra versioni a due o quattro ruote motrici con trasmissione manuale o automatica. A queste si aggiunge infine la variante 2.0 CRDi da 201 CV che adotta uno schema mild hybrid a 48 Volt. Questa Tucson, che dichiara percorrenze medie di circa 20 km/litro, è in grado di scattare da 0 a 100 in 9,5 s e raggiunge i 201 km/h.

Per quanto riguarda gli allestimenti, la Tucson si presenta a listino con quattro distinti livelli di dotazione: Xadvanced, Xtech, Xprime, Excellence. I prezzi variano dai 22.750 euro per la Xadvanced 1.6 Gdi fino ai 38.000 della Exellence 1-6 CRDi 136 CV 4 WD DCT (che è anche la più accessoriata: ha di serie i fari anteriori a led, i fendinebbia, i sensori di parcheggio posteriori, il sensore di pioggia, la frenata d’emergenza, l’avviso cambio di corsia e il riconoscimento dei segnali stradali).

Tra gli optional più importanti ci sono gli interni pregiati, da 2.000 euro, il tetto aprile e il tetto panoramico (offerti entrambi a 1.600 euro). Sulle Tucson sono disponibili anche sistemi di sicurezza attiva di ultima generazione. Rientrano nel pacchetto “SmartSense” che comprende frenata autonoma d’emergenza, gestione automatica dei fari abbaglianti, sistema di mantenimento della corsia e illuminazione degli angoli durante la curva.

Benzina

  • 1.6 GDI 132 CV esclusivamente a trazione anteriore ed esclusivamente con cambio manuale
  • 1.6 T-GDI 177 CV a trazione anteriore o integrale, esclusivamente con cambio automatico
Diesel
  • 1.6 CRDi 116 CV esclusivamente a trazione anteriore ed esclusivamente con cambio manuale
  • 1.6 CRDi 136 CV a trazione anteriore o integrale, con cambio manuale o automatico
  • 2.0 CRDi 48V 201 CV esclusivamente integrale ed esclusivamente con cambio automatico

Hyundai Tucson: conclusioni

I risultati commerciali dimostrano che Tucson è un prodotto valido, adatto agli automobilisti in cerca di un prodotto affidabile e dal buon rapporto qualità prezzo. Ottime le dotazioni di sicurezza e la garanzia estesa fino a 5 anni, tutti fattori che contribuiscono ad attirare anche nuovi clienti. La buona gamma di motori rende il Suv coreano adatto a qualsiasi necessità. L’auto vanta una versione mild hybrid dalle prestazioni brillanti che può soddisfare una clientela dall’anima “green”. In generale, però, la Tucson risulta più votata al comfort che alla dinamica e, su strade extraurbane soprattutto, mette in luce uno sterzo gommoso e un po’ incerto e un cambio automatico che, per quanto sia di tipo a doppia frizione, in certe occasioni non ha quella prontezza di risposta che altre trasmissioni con stessa architettura sono in grado di offrire.

Recensioni dei veicoli Hyundai Tucson

35 Recensioni

4,4