Passa al contenuto principale
Messaggio

Se fai il login, AutoScout24 ha ancora più servizi per te.

  • Sincronizza i tuoi preferiti
  • Salva le tue ricerche
  • Inserisci i tuoi annunci
Focus: Vendita
Focus: Vendita

Vendere un’auto usata: consigli, documenti e costi

Vendere un’auto usata: consigli, documenti e costi

  • Stabilire il prezzo
  • Controllare i documenti
  • Incontrare il compratore
  • Il pagamento
  • Il passaggio di proprietà
  • I costi

Dopo tante avventure trascorse insieme e altrettanti chilometri percorsi, ad un certo punto arriva il momento di cambiare vettura. Per questa e tante altre motivazioni vi troverete a vendere un’auto usata, un procedimento che per molti presenta diversi punti interrogativi, sui quali vogliamo far luce.

Costi, documenti e pratiche da sbrigare spaventano molte persone che vogliono vendere un’auto usata, quindi, in questo articolo vi racconteremo tutte le procedure da seguire. Prima, però, partiamo da qualche consiglio.

Da dove iniziare

Nel momento in cui avete scelto di vendere un’auto usata, la prima cosa da stabilire, almeno inizialmente in maniera indicativa, è il prezzo. Da questo dipenderà molto nella buona riuscita della trattativa, perché un prezzo fuori mercato può complicare di molto la vendita.

A tal proposito, il nostro consiglio è di affidarsi allo strumento di valutazione auto gratuita, con la valutazione del prezzo in seguito alla pubblicazione dell’annuncio, entrambi servizi gratuiti sul sito di AutoScout24. Immettendo nei campi segnalati i chilometri percorsi, l’anno di immatricolazione e altre informazioni, potrete scoprire quanto vale la vostra auto, oltre al rapporto qualità/prezzo e altre specifiche fondamentali per vedere il vostro posizionamento all’interno della vetrina online.

Altre informazioni come le revisioni, i tagliandi, bollo e gli altri lavori effettuati sull’auto, possono incidere sulla richiesta da parte vostra e risultano, quindi, altrettanto importanti per la valutazione generale dell’auto.

Nel momento in cui riceverete il primo contatto da parte di un potenziale acquirente, dovrete prestare attenzione alla metodologia di pagamento (vi abbiamo spiegato quali sono le insidie nel nostro articolo "Vendere l'auto online in sicurezza"). Bonifico o assegno, passaggio di proprietà, documenti e pratiche burocratiche rappresentano i prossimi step per vendere un’auto usata.

Nel caso di un pagamento con bonifico bancario dovrete fornire il vostro codice IBAN all'acquirente ed è consigliabile inserire come causale il modello del veicolo e il numero di targa, in modo da tenere una traccia precisa della transazione.

Meno consigliato, ma altrettanto diffuso, è il pagamento con assegno bancario o circolare, da ricevere prima di consegnare veicolo e documenti all’acquirente, in modo che si possa precedentemente verificare l’avvenuto incasso della somma pattuita. Vediamo quali sono i documenti che bisogna sempre portare con sé e quali deve avere il compratore per finalizzare l’acquisto.

Documenti, vendita e passaggio di proprietà

La maggior parte dei documenti che dovrete presentare servirà per portare a termine quella che si definisce voltura dell’auto o passaggio di proprietà. Prima di vendere un’auto usata è importante verificare di avere tutti i documenti necessari per tale pratica, compresi quelli dell’acquirente.

Per quanto riguarda i documenti del proprietario, prima di vendere un’auto usata, dovrete preparare:

  • Documento di identità, utile semplicemente alle varie verifiche di identità necessarie, insieme al codice fiscale, da trascrivere nell’atto di vendita.
  • Libretto di Circolazione della vettura, ovvero una sorta di “carta d’identità dell’auto”, che fornisce informazioni principali, oltre ai proprietari e ai tagliandi.
  • Certificato di Proprietà (CdP), uno dei documenti più “ostici”, poiché spesso e volentieri non viene tenuto insieme agli altri documenti o, addirittura, rimane distrattamente in mano all’agenzia nella quale si sono svolte le pratiche precedenti. Si tratta, però, di un elemento fondamentale poiché, senza non si può vendere l’auto e una volta completato il passaggio, andrà ceduto al nuovo proprietario. Dalla fine del 2015, il Certificato di Proprietà viene rilasciato dal PRA esclusivamente in modalità digitale sostituendo progressivamente la versione cartacea.

Il futuro proprietario, invece, dovrà essere pronto a fornire:

  • Documento di identità, utile, anche in questo caso a verificare i dati dell’acquirente, oltre al codice fiscale, utili a completare tutte le pratiche e, naturalmente per evitare di essere raggirati da false identità.
  • Modulo TT2119 compilato, necessario per aggiornare la carta di circolazione e reperibile presso il PRA e altre agenzie dedicate. Ai documenti che certificano la proprietà dell’auto, per completare il tutto serve l’atto di vendita, che può essere espletato in una delle seguenti forme:
  • dichiarazione di vendita unilaterale con firma autenticata del venditore, in bollo, redatta sul retro del CdP cartaceo o digitale.
  • dichiarazione di vendita in bollo redatto in forma bilaterale, con firma autenticata sia del venditore sia dell'acquirente.
  • atto pubblico in bollo, o sentenza in copia conforme all'originale. Per concludere la vendita di un’auto usata bisogna dare comunicazione all’ACI e registrare ufficialmente il passaggio di proprietà, che va richiesto entro 60 giorni dall’autentica della firma. Superati i due mesi, oltre all'importo dell'Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), si aggiungerà la sanzione per il ritardato pagamento, pari al trenta per cento dell'importo dell'IPT.

Dopo aver completato vendita e passaggio di proprietà, vengono rilasciati la ricevuta con il codice di accesso al Certificato di Proprietà Digitale e il tagliando di aggiornamento della carta di circolazione. Finalmente, dunque, avrete portato a termine il processo per vendere un’auto usata.

Tutti i costi da sostenere

Veniamo, infine, ai costi effettivi per vendere un’auto usata, compresa la voltura:

  • Marca da Bollo da 16,00 euro da apporre sul Certificato di Proprietà per autenticare la firma;
  • Imposta di Bollo per registrazione al PRA, a partire da 32 fino a 48 euro;
  • IPT o Imposta Provinciale di Trascrizione, la spesa più alta da sostenere. Si parte da un minimo di 150,81 euro, ma il costo finale varia in base alla provincia di residenza e alla potenza della vettura, espressa in Kw;
  • Diritti DT 10,20 euro;
  • Emolumenti ACI 27,00 euro;
  • Imposta di bollo per aggiornamento Carta di Circolazione 16,00 euro.

Se ci si rivolge allo Sportello Telematico dell'Automobilista di una delegazione dell'Automobile Club o agenzia pratiche auto oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa – in regime di libero mercato – del servizio di intermediazione.

Il procedimento, come abbiamo visto, può sembrare lungo e complicato, ma durante le varie tappe questa guida potrà esservi utile per non perdere nessun passaggio fondamentale e, soprattutto, per completare tutta la pratica velocemente e in sicurezza. Da non perdere, inoltre, tutti gli strumenti online forniti gratuitamente da AutoScout24, che vi aiutano a monitorare e a verificare il giusto prezzo di realizzo.

Tutti gli articoli

Valutazione del prezzo di vendita

Vendita di auto · Prima di vendere

La vostra auto usata vale ancora tanto!

Vendita di auto · Prima di vendere

Sospensione della polizza assicurativa

Vendita di auto · Prima di vendere
Mostra di più