Fiat cabrio - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Fiat cabrio

Barchetta: l'ultima vera Fiat cabrio

Sono molti anni ormai che nel listino Fiat non compare una vera e propria cabrio, e precisamente dal pensionamento della Barchetta. Questa vettura, prodotta dal 1994 al 2005, ha rinverdito i fasti delle spider italiane: dotata di una linea senza compromessi, caratterizzata da evidenti richiami al passato e dal classico tetto in tela, ha ottenuto un buon successo di pubblico che dura tutt'ora. Nell'ambito dell'usato auto, questo modello è ancora molto richiesto poiché, a costi di esercizio contenuti, assicura tutto il fascino della guida a cielo aperto. Per auto usate in buono stato, l'investimento risulta piuttosto conveniente, a patto che ci si indirizzi su esemplari ben conservati e con pochi chilometri. Dotata di un motore potente in relazione al peso, la Barchetta è infatti tutt'ora in grado di regalare emozioni al volante, poiché l'obiettivo di Fiat era proprio quello di ricreare un feeling di guida tipico delle vetture di un tempo.

Fiat cabrio: l'erede si fa attendere

Dopo circa dieci anni dall'uscita di scena della Barchetta, quindi, Fiat è in procinto di ripresentarsi nel segmento delle cabrio senza compromessi, con una vettura che dell'erede riprende stile e impostazione. La nuova spider italiana, il cui debutto è previsto per la fine del 2015, è frutto degli accordi tra il gruppo FCA e la Mazda, marchio che commercializza da anni con grande successo la MX-5. Su questa base, infatti, esordirà la nuova Fiat cabrio che, nei piani dell'azienda, dovrebbe ricordare molto da vicino, oltre che la Barchetta, anche la mitica 124 Sport Spider degli anni '60. Intanto, per gli affezionati della casa italiana l'alternativa è rappresentata dalla 500C.

500C: una piccola "quasi" cabrio

Pur non potendosi considerare a tutti gli effetti una cabriolet, la 500C è attualmente l'unica auto del listino Fiat in grado di offrire l'emozione del vento nei capelli. Infatti, la piccola italiana, pur essendo caratterizzata dal tetto in tela, non perde le arcate del tetto: la capote scorre sui binari dei montanti per ripiegarsi all'altezza del lunotto. Come sensazioni siamo dunque nei pressi delle Targa: un buon compromesso tra una vettura di tutti i giorni e un'auto aperta, almeno parzialmente. Disponibile con due motori benzina - lo 0.9 Twinair da 85 e 105 cavalli, e il 1.2 litri da 69 - e con un diesel - il solito Multijet 1.3 da 95 cavalli - la 500C regala buone emozioni e offre la comodità del tetto ad azionamento elettrico.