Fiat X 1/9 - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Fiat X 1/9

Fiat X 1/9

Fiat X1/9: una sportiva a motore centrale dal design innovativo

Una piccola sportiva, nata su basi tecniche molto interessanti e con un design accattivante e innovativo. Realizzata traendo spunto dal prototipo Runabout, presentato dalla Bertone (disegno di Marcello Gandini) nel 1969 al salone dell’auto di Torino, questa vettura è una delle Fiat più particolari realizzate negli anni ‘70. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Nella gamma Fiat, all’inizio degli anni ‘70, c’era posto per questa sorta di “azzardo”. La sua scesa in campo è determinata anche dalla volontà di sostituire la 850 spider (anche’ essa realizzata dalla Bertone). L’articolata offerta di vetture della Casa torinese aveva ancora qualche nicchia da coprire. E questa piccola “targa” (con tetto rimovibile) si poteva tranquillamente affiancare all’ormai grande classico costituito dalla 124 spider, la cui impostazione tecnica era però abbastanza tradizionale: motore anteriore longitudinale e trazione posteriore. Per la X1/9 invece si prevede il motore posteriore centrale (posto trasversalmente), sempre abbinato alla trazione posteriore. Questo lascia spazio creativo al designer, che può impostare la vettura libero dall’ingombro del propulsore anteriore. La sorpresa per molti è vederla “nascere” ufficialmente il 22 dicembre 1972 sulle Madonie, teatro della famosa Targa Florio. Ne verranno prodotte 174.000.

###Fiat X1/9: com’è fatta, pro e contro

La Fiat X1/9 ha una lunghezza di 3,83 metri, una larghezza di 1,57 metri e un’altezza di 1,17 metri. Queste dimensioni cambiano leggermente nella versione nella versione 1500: la lunghezza diventa di 3,96 metri, e l’altezza di 1,18 metri. Il passo e di 2,20 metri. È equipaggiata con un propulsore a 4 cilindri in linea, motore che inizialmente sarà proposto nella versione di 1300 cm3 (della potenza di 75 CV a 6000 giri/min, lo stesso della 128 Rally). In questa prima versione della X1/9 il propulsore è abbinato ad un cambio a soli 4 rapporti. La velocità massima della 1300 e di 170 km/h: un buon risultato, ottenuto con una potenza abbastanza limitata. Di ottimo livello le sospensioni: all’avantreno sono a ruote indipendenti con bracci trasversali oscillanti, molle elicoidali e ammortizzatori idraulici telescopici. Al retrotreno sono sempre indipendenti, con bracci oscillanti e ammortizzatori idraulici. I freni sono a disco sulle 4 ruote, con dischi del diametro di 227 mm con pinze flottanti (pistoni anteriori da 48 mm all’anteriore e da 34 mm al retrotreno). Il circuito frenante è doppio. La concorrente più diretta è la Volkswagen Porsche 914, equipaggiata anch’essa con propulsore centrale e con un’impostazione meccanica molto simile.

###Fiat X1/9: allestimenti, motori e prezzi

All’inizio della “carriera” di questa vettura la variante di allestimento più significativa è quella fatta per il mercato americano, con propulsori dotati di iniezione elettronica e strumentazione in miglia orarie. Le prime modifiche di questo modello arrivano nel 1978, quando viene introdotta la quinta marcia e paraurti “stile america”, più voluminosi. Vengono rivisitati anche gli interni: arriva una nuova strumentazione e i sedili sono più ergonomici. Il propulsore sale di cilindrata, fino ad arrivare a 1498 cm3, modifica che fa lievitare la potenza a 85 CV. Migliorano di conseguenza anche la velocità massima (ora di 185 km/h) e l’accelerazione (da 0 a 100 in dieci secondi).

Le versioni più rifinite sono quelle a partire dal 1982, quando la Bertone (che aveva sempre curato la costruzione di questa vettura) mette il suo marchio sul cofano di questa piccola sportiva. Ormai le vendite sono quasi tutte in America. In questo periodo la carrozzeria torinese riesce anche a migliorare la qualità delle rifiniture interne, preparando anche versioni speciali. Maggiore attenzione è rivolta anche ai trattamenti anticorrosione, con maggiori strati di vernice antiruggine. Nel 1989, in occasione del termine della produzione, viene realizzata la versione speciale “Gran Finale”, che si distingue per dettagli come i cerchi legali di disegno diverso e un piccolo spoiler posteriore. Le sue quotazioni attuali su AutoScout24 si aggirano tra gli 8.000 e i 12.000 euro, a seconda della versione e dello stato di conservazione del veicolo. Trattandosi di un veicolo d’epoca è necessario accertarsi della sua originalità (l’ideale sarebbe acquistarne uno omologato ASI), dello stato della carrozzeria (anche nei punti nascosti) e della meccanica, magari affidandosi ad un esperto.

###Fiat X1/9: le conclusioni

Fare tanto con poco è sempre stato un’arte, a maggior ragione quanto si parla di vetture sportive. Per descrivere le caratteristiche tecniche della X1/9 basta concentrarsi sul peso e sulla potenza del motore: nella versione più leggera la bilancia si ferma alla cifra di 880 kg a vuoto, per una potenza di 75 CV. Caratteristiche che, insieme al motore centrale, permettono di ottenere prestazioni brillanti e uno stile di guida divertente. Ancora relativamente poco apprezzata tra i collezionisti e poco presente ai raduni degli appassionati di veicoli storici, è di sicuro un punto di riferimento per le unicità delle sue caratteristiche tecniche, piacevolmente poco in “linea” con quelle di un grande costruttore generalista come Fiat.

Recensioni dei veicoli Fiat X 1/9

1 Recensioni

5,0