Fiat Coupe - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Fiat Coupe

Fiat Coupe

Fiat guarda alla lunga tradizione dei coupé

In genere Fiat affida il segmento delle auto sportive all'affiliata Alfa Romeo, per concentrarsi sulle auto di piccolo formato e compatte. Nel periodo dagli anni Cinquanta fino alla fine degli anni Ottanta la casa torinese produceva però alcuni modelli coupé e cabriolet sportivi dalla linea estetica molto accattivante che hanno riscosso molto successo, come ad esempio la Fiat 124 Spider. Continua a leggere

Trova ora l'auto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

A metà degli anni Novanta Fiat ha ripreso questa tradizione presentando oltre alla Spider Barchetta un’auto sportiva chiamata semplicemente Fiat Coupé.

La Fiat più veloce della storia della casa torinese

La Fiat Coupé 2+2 posti è stata realizzata dal 1994 al 2000 per la casa torinese dallo specialista di carrozzerie Pininfarina. Inizialmente questo coupé sportivo era stato lanciato sul mercato con un motore da 2,0 litri e 102 kW (139 CV) e un motore turbo da 140 kW (190 CV). Dal 1996 la Pininfarina ha però dotato la Fiat Coupé di nuovi motori. Il modello di base quattro cilindri era trainato da un propulsore da 96 kW (131 CV), nella versione cinque cilindri è stato invece montato un motore dalla potenza fino a 113 kW (154 CV). Il modello “top” era dotato di turbocompressore e di una potenza di 162 kW (220 CV), e raggiungeva una velocità massima di 250 km/h. Così paludata, la Fiat Coupé risultava il veicolo di serie più veloce della storia della casa torinese.

Fiat coupé storici molto ambiti dai collezionisti

Sulla base della Fiat 2300 lo studio di design per auto Ghia aveva disegnato nel 1961 una Fiat Coupé quattro posti dalla potenza di 77 kW (105 CV). Il tuner Abarth ha trasformato il propulsore in motore da 96 kW (131 CV) per la versione Fiat 2300 S Coupé. A metà degli anni Sessanta ha debuttato la più modesta Fiat 850 Coupé, creata dal designer Bertone sulla base della berlina omonima. Inizialmente questo piccolo coupé sportivo aveva una potenza di appena 34 kW (47 CV), che però erano sufficienti per raggiungere una velocità massima di 140 km/h. Il senso di dinamismo era ispirato dai sedili sportivi e dal volante in pelle. Fino al 1972, anno in cui è stata sospesa la produzione, sono state lanciate due edizioni della Fiat 850 Coupé. Dal 1976 la Fiat Coupé 1100/1300 ha avuto un successore ispirato sulla base della Fiat 128, proposto con il nome Fiat 128 Berlinetta.

Fiat Dino Coupé con motore Ferrari

Nel 1966 la casa italiana ha completato il suo programma di modelli dall’impronta sportiva con il coupé Fiat Dino, disegnato da Bertone, che fino al 1969 veniva realizzato con un motore sei cilindri dal 117 kW (160 CV) proveniente dalla Ferrari, quindi fino al 1974 con un propulsore più sportivo da 2,4 litri e 132 kW (180 CV).

Coupé Fiat 130 della classe superiore

Negli anni Settanta  la casa torinese ha presentato anche un coupé della classe superiore, concepito e costruito presso lo specialista di carrozzerie Pininfarina. Tra il 1971 e 1977 sono stati realizzati circa 5000 esemplari di Fiat 130 Coupé. Questa vettura era dotata di un motore V6 da 3,2 litri e 121 kW (165 CV), nonché di un equipaggiamento da classe superiore completo di climatizzatore, cerchi in alluminio e alzacristalli elettrici. Le piccole edizioni di quest’auto storica suscitano molto interesse presso i collezionisti di auto classiche.

Recensioni dei veicoli Fiat Coupe

3 Recensioni

5,0