Daihatsu - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Daihatsu

I modelli Daihatsu più cercati

Trova ora lauto dei tuoi sogni

Oltre 2,4 milioni di veicoli nel più grande sito internet di annunci auto in Europa.

Inserisci gratis il tuo annuncio.

Daihatsu: il grande marchio delle piccole auto

La casa giapponese Daihatsu, fondata nel 1907, deve la sua grandezza alle auto di piccolo formato. Ogni anno escono dalle linee di montaggio degli stabilimenti sparsi in diversi paesi asiatici oltre un milione di auto, dalla Daihatsu Cuore, classico veicolo di questo marchio, fino al fuoristrada compatto Terios. Da quando nel 1998 il colosso Toyota possiede la maggior parte delle quote di partecipazione, Daihatsu in Giappone è riuscita a conquistare la testa della classifica nel segmento delle auto di piccole dimensioni. In Germania Daihatsu è presente dal 1977, anno in cui è stata lanciata la maneggevolissima fuoristrada Daihatsu Wildcat.

Come nel resto d’Europa, anche in Germania Daihatsu si è affermata tra i marchi maggiormente in grado di soddisfare i clienti grazie alla qualità affidabile e all’ottimo servizio di assistenza. Nonostante la casa giapponese, al contrario della maggior parte dei suoi concorrenti, rinunciava a inserire nel suo programma modelli Diesel, le Daihatsu riuscivano per tradizione ad essere sempre tra le auto più parsimoniose ed ecologiche del loro periodo. Con la sua politica innovativa in fatto di modelli e il suo design molto audace, Daihatsu è inoltre riuscita a combinare il concetto di utilitaria con caratteristiche tipiche di altre classi di veicoli, dal fuoristrada fino al minivan, passando per le cabriolet.

Modelli Daihatsu più gettonati sul mercato tedesco

Daihatsu Sirion: la Daihatsu Charade è stata la prima autovettura proposta in Germania da Daihatsu nel 1978. Nel 1998 è stata sostituita dal modello Sirion, debuttando in questa serie sul mercato tedesco nel 2005, in una versione appositamente disegnata per i mercati europei. Mentre la Daihatu Sirion 1.3 Eco veniva annoverata tra le vetture a trazione integrali più ecologiche in virtù del suo consumo medio di 6,3 litri e 148 g/km di emissioni di CO2, la piccola Sirion 1.0 vantava valori di 5 litri e 118 g/km di CO2.

Daihatsu Cuore: il veicolo Daihatsu più famoso è presente in Germania dal 1981. Nella versione da 51 kW (70 CV) la cinque porte più piccola del mondo, in virtù del suo consumo medio di 4,4 litri con 104 g/km di CO2, dal 2007 viene annoverata tra le autovetture più parsimoniose ed ecologiche in assoluto. I costi di manutenzione contenuti e la spaziosità generosa per questa classe di veicoli (interasse di circa 2,50 e vano portabagagli dalla capacità fino a 414 litri) hanno fatto della Daihatsu Cuore una delle auto di piccolo formato più vendute della casa giapponese.

• Daihatsu Materia: Con il modello Materia la Daihatsu ha dimostrato che il concetto di un minivan in versione di utilitaria funziona, tanto più che è stato realizzato secondo un design molto particolare che non manca di farsi notare. L’apparato tecnico della Daihatsu Materia era basato su quello della Daihatsu Sirion. Il lancio sul mercato tedesco è avvenuto nel 2007 con le seguenti caratteristiche: 3,8 metri di lunghezza, 1,63 metri di altezza con coda spiovente e muso corto. L’equipaggiamento pregiato completo di climatizzatore e cerchi in alluminio prevedeva a bordo della Materia motori da 1,3 o 1,5 litri che consumavano tra 6,6 litri (con 156 g/CO2) e 7,2 litri (con 170 g/km CO2). Era inoltre disponibile anche una variante della Daihatsu Materia a trazione integrale.

Daihatsu Terios: la prima versione di questo fuoristrada compatto ha raggiunto i concessionari tedeschi nel 1997 in sostituzione della Daihatsu Rocky. Questo mini SUV, lungo poco meno di quattro metri e largo appena 1,70 metri, è stato rielaborato negli anni di produzione 2000 e 2006. I motori da 1,5 litri nella versione “top” Daihatsu Terios S a trazione integrale consumavano mediamente 8,1 litri (con 191 g/km di CO2). Un differenziale autobloccante e un dispositivo di controllo della trazione di serie provvedevano a rendere del modello a trazione integrale idoneo per la marcia fuori strada.

• Daihatsu Copen: un roadster due posti, tettuccio rigido abbassabile mediante comando idraulico ed “effetto calamita” garantito. Sulle strade tedesche ha iniziato a circolare nel 2004 come veicolo con guida a destra, e due anni dopo con guida a sinistra. Il suo motore da 1,3 litri sviluppava una potenza di 64 kW (87 CV) e raggiungeva una velocità massima di 170 km/h.