Passa al contenuto principale
Causa lavori di manutenzione attualmente la disponibilità di AutoScout24 è limitata. Questo riguarda in particolare funzioni quali i canali di contatto con i venditori, l’accesso o le modifiche ai veicoli in vendita.

Dacia Duster

Pro
  • Ottimo rapporto qualità-prezzo-versatilità
  • Grandi capacità fuoristrada in versione 4x4
Contro
  • Materiali e assemblaggi scarsi
  • Versioni base davvero povere

Dacia Duster: dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti

Spesso i detrattori dei SUV etichettano la carrozzeria più di moda del momento come, appunto, una semplice moda, lamentando l’assenza di veicoli robusti, versatili ed essenziali, capaci anche una volta abbandonato l’asfalto. Bene, Dacia Duster risponde proprio a questa esigenza: quando fu lanciato, nel 2010, lasciò tutti a bocca aperta. Continua a leggere

Modelli alternativi

All’epoca, infatti, i SUV erano quasi tutti molto costosi e di grandi dimensioni, e in pochi si erano lanciati nella costruzione di auto a ruote alte dalle dimensioni e dal prezzo contenuto. Duster, sfruttando una meccanica di origine Renault collaudata ed affidabile, offriva spazio per i passeggeri, un abitacolo super spartano ma funzionale e dotato di tutto l’indispensabile. Il tutto con un’estetica incredibilmente riuscita, capace di piacere a tantissime persone, anche a chi non avrebbe mai considerato una Dacia prima di allora. In più, per chi la sceglieva con trazione integrale Dacia Duster 4x4 offriva delle capacità fuoristrada superiori a quelle di qualsiasi Crossover concorrente. Grazie ad una trazione integrale di origine Nissan, infatti, Duster è uno dei SUV più validi in off-road. Su strada, invece, sebbene non fosse l’ultimo ritrovato del piacere di guida, è facile, sicura e molto versatile, con tanto spazio per cose e persone.

Dopo il grande successo della prima generazione, Dacia ha rilanciato con la seconda generazione di Duster nel 2017. Lanciata sul mercato l’anno dopo, Dacia Duster ha limato i difetti della prima generazione migliorando guidabilità, comfort, silenziosità, tecnologia e qualità costruttiva. I motori sono diventati tutti più moderni, la trazione integrale è stata ulteriormente migliorata e l’estetica ha subito dei mirati ritocchi che hanno modernizzato e migliorato l’estetica del modello, senza perdere la sua ormai apprezzata personalità. L’anno scorso, Dacia Duster è stata sottoposta ad un restyling che ha modificato i gruppi ottici, ora più moderni, i motori, ora tutti turbo e con cambi a 6 marce, manuale automatico, ma soprattutto con interni più curati, e dotati di un nuovo sistema di infotainment.

Scopriamo dimensioni, interni, motori, prezzi e concorrenti di Dacia Duster.

Dimensioni Dacia Duster

Le dimensioni di Dacia Duster sono:

  • Lunghezza 4,34 metri
  • Larghezza 1,80 metri
  • Altezza 1,69 metri
  • Passo 2,67 metri

A livello di dimensioni, Dacia Duster si va ad inserire tra i B-SUV, con cui condivide il prezzo ma non le dimensioni, e i più grandi C-SUV, che hanno le stesse dimensioni ma prezzi molto più alti. Per fare un esempio, infatti, Dacia Duster è 10 cm più lunga di Jeep Renegade, e pochi cm più corta di una Compass.

Questo le permette di offrire più spazio delle rivali dirette per contenuti e motori, ma ad un prezzo comparabile. Da fuori, però, Dacia Duster appare tutt’altro che povera. Le uniche componenti che denotano un taglio dei costi sono le portiere, identiche a quelle di tutte le altre Dacia di vecchia generazione. Per il resto, anche a livello estetico Dacia Duster è un’auto con una sua marcata personalità, e molto piacevole da guardare.

Il frontale è muscoloso e personale, con i nuovi fari con firma luminosa a LED a forma di Y che riprendono quelli di Sandero, mentre il cofano alto e piuttosto lungo, la calandra cromata e il paraurti prominente le regalano una bella presenza. Lateralmente, rispetto ad alcune rivali perde qualcosa a livello di sportività e dinamismo, ma punta tutto sulla robustezza, con un look rugged che piace. In coda, invece, Dacia Duster sfoggia dei nuovi fari, sempre squadrati ma con una nuova firma luminosa a LED che richiama la Y dei fari anteriori. Non mancano le protezioni in plastica che la rendono estremamente robusta e le danno un carattere off-road molto marcato. In generale, comunque, la seconda generazione di Dacia Duster è un’auto matura, completa e molto piacevole esteticamente. Concludendo con le dimensioni di Dacia Duster, il vano di carico è davvero capiente, e con una forma molto regolare, anche se non rifinito come alcune rivali. Ciò che perde in qualità dei materiali, però, lo riguadagna in volume. Il bagagliaio di Dacia Duster misura 445 litri con tutti i sedili in posizione, che scendono a 411 per le versioni a quattro ruote motrici. Abbattendo il divano posteriore, invece, Duster offre 1.478 litri (1.444 per le integrali). Da segnalare che la versione GPL non perde neanche un litro di bagagliaio rispetto alle versioni monofuel.

Interni Dacia Duster

La prima generazione di Dacia Duster era molto valida dal punto di vista estetico, mentre all’interno i punti a sfavore erano parecchi. Per questo, gli interni di Dacia Duster di seconda generazione sono stati migliorati molto all’interno, seppur siano ancora lontani da quelli delle migliori rivali. Le plastiche utilizzate all’interno infatti sono quasi dappertutto dure e di qualità solo discreta, anche se gli assemblaggi sono davvero migliorati. Anche i tessuti, il volante e il cambio sono stati nettamente migliorati rispetto al passato, e anche la moquette del pavimento è di qualità superiore rispetto al passato. A livello tecnologico, comunque, non aspettatevi soluzioni all’avanguardia: il freno a mano, ad esempio, è sempre meccanico, e il quadro strumenti sempre analogico. Quest’ultimo è però sempre immediato e chiaro nella sua lettura, e tutto quello che serve c’è.

I comandi sono tutti piuttosto comodi, solo quelli del clima, anche automatico e di ottima fattura, sono forse un po’ troppo in basso. La più grande novità è però l’adozione di un nuovo sistema di infotelematica al centro della plancia. Il precedente sistema da 7 pollici era infatti un po’ vetusto e poco piacevole da usare. Oggi, invece, anche Dacia Duster riceve il nuovo sistema da 8 pollici da Sandero, chiamato Media Nav, visto anche su altri modelli del Gruppo Renault. Dotato di un’interfaccia semplicissima, non è iper completo e pieno di funzioni, ma ha uno schermo rapido e facile al tocco e soprattutto Android Auto ed Apple CarPlay wireless di serie. Quest’ultima funzionalità non c’è su vetture che costano due o addirittura tre volte il prezzo di Duster. Concludendo con gli interni di Dacia Duster, lo spazio è davvero ottimo sia davanti che dietro: 5 persone ci stanno davvero comodamente. Attenzione però che le versioni meno accessoriate sono prive della regolazione di volante e, sulla versione base, persino di quella del sedile. Sulle versioni più dotate, invece, potete anche scegliere sedili parzialmente in pelle, sensore dell’angolo cieco e molto altro.

dacia-duster-interieur

Motori Dacia Duster

A livello meccanico, la gamma motori di Dacia Duster è molto più completa e moderna di quanto possiate pensare. È vero, mancano motorizzazioni elettrificate, ma tutti i motori in gamma sono moderni, turbocompressi e di ultima generazione. La gamma è aperta dal 1.0 TCe, un 3 cilindri turbo da 90 CV e 160 Nm un motore che può sembrare piccolino, ma in realtà spinge molto bene Dacia Duster anche grazie al suo peso contenuto a poco più di 1250 kg. Il piccolo millino è accoppiato ad un cambio manuale a 6 marce, e spinge bene nonostante la piccola cubatura. Lo stesso 1.0 turbobenzina è disponibile anche con doppia alimentazione benzina-GPL. Alimentato a gas, il 1.0 diventa Eco-G, e arriva a 100 CV e 170 Nm, mentre il cambio rimane manuale a 6 marce. Grazie al serbatoio da 40 litri di GPL aggiunto a quello tradizionale da 50 litri di verde e a dei consumi contenuti del tre cilindri, Dacia Duster a GPL può arrivare a ben 1.000 km di autonomia.

Al top della gamma motori di Dacia Duster per potenza e ricercatezza c’è un altro benzina, il 1.3 TCe da 150 CV e 250 Nm di coppia. Questo motore, visto su diverse Renault e realizzato in collaborazione con Mercedes-Benz, che lo usa su diversi suoi modelli come Classe A, è accoppiato ad un moderno e veloce cambio automatico a doppia frizione EDC a 6 marce. Questa versione, disponibile solo con trazione anteriore, è la prima Dacia a raggiungere i 200 km/h di velocità massima. Per avere la trazione integrale, però, la scelta è obbligata ed è davvero a botta sicura per il quarto motore in gamma. Si tratta infatti del mitico 1.5 turbodiesel Renault, celebre tra gli appassionati come K9K. Il 1.5, prodotto ininterrottamente dal 1999, è un motore incredibilmente semplice e robusto, che qui eroga 116 CV e 260 Nm di coppia. Accoppiato al solo cambio manuale a 6 marce, consuma poco ed è disponibile con trazione anteriore o integrale inseribile.

Questo sistema di origine Nissan è semplice ma efficace, con la trazione 4x4 inseribile tramite un selettore di fianco alla leva del cambio. Mancano, infine, gli ultimi sistemi di sicurezza di Livello 2: una mancanza obbligata a causa della piattaforma utilizzata da Duster. Al contrario della sorellina Sandero, infatti, Dacia Duster è basata sulla piattaforma B0 di Renault, derivata da quella della Renault Clio II del 1998. Una base meccanica molto affidabile e robusta, perfetta in offroad, ma che non consente un grande piacere di guida e limita la scelta in fatto di sistemi di sicurezza.

Gamma motori Dacia Duster

Benzina

  • 1.0 TCe, 3 cilindri turbo da 91 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore
  • 1.3 TCe, 4 cilindri turbo da 150 CV, cambio doppia frizione EDC a 6 marce, trazione anteriore

Diesel

  • 1.5 Blue dCi, 4 cilindri turbodiesel da 116 CV, cambio manuale a 6 marce, traz. anteriore o integrale

GPL

  • 1.0 Eco-G, 3 cilindri turbo da 100 CV, cambio manuale a 6 marce, trazione anteriore

Prezzi Dacia Duster

Il listino prezzi di Dacia Duster è estremamente facile e intuitivo, e offre l’allestimento perfetto sia per chi bada al sodo sia a chi vuole qualcosa in più, ma senza spendere troppo. Il listino prezzi di Dacia Duster, se considerato in assoluto, fa quasi impressione: la versione d’attacco 1.0 TCe Access è infatti offerta a soli 13.650 euro. Questa versione, però, è quasi “virtuale”. Come mai? La versione Access è veramente d’accesso, dedicata a chi vuole un’auto il più spartana possibile. Questo allestimento prevede di serie gli airbag frontali, laterali e per la testa, il computer di bordo e i poggiatesta posteriori. Stop. Non si possono avere né la radio né il climatizzatore, neanche a richiesta, e i sedili sono fissi.

La versione Essential, invece, permette l’aggiunta del clima, a 550 euro, e del sistema di infotainment a 400 euro. Per questo, per avere una Dacia Duster abbastanza accessoriata bisogna partire dalla Comfort. Da questo allestimento si hanno di serie gli alzacristalli elettrici, i cerchi in lega, il cruise control, i sedili regolabili e i sensori di parcheggio, insieme al sistema di infotainment da 8 pollici. Al top del listino prezzi di Dacia Duster c’è infine la versione Extreme, che si prende anche la palma di più costosa del listino: la 1.3 TCE EDC in allestimento Prestige arriva infatti a 23.550 euro. Un prezzo alto per Duster, ma molto più basso di quasi tutte le rivali dirette, che a questo prezzo spesso non offrono neanche la versione d’attacco. L’allestimento Extreme sfoggia dettagli estetici specifici come la vernice speciale, i cerchi in lega da 17 pollici neri e l’estensione di garanzia a 5 anni e 150.000 km. Quest’ultima è optional a 1.900 per gli altri allestimenti.

Listino prezzi Dacia Duster

Access

  • 1.0 TCe Access 4x2, 13.650 euro
  • 1.0 Eco-G Access 4x2, 14.150 euro

Essential

  • 1.0 TCe Essential 4x2, 15.650 euro
  • 1.5 Blue dCi Essential 4x2, 17.400 euro
  • 1.0 Eco-G Essential, 16.150 euro

Comfort

  • 1.0 TCe Comfort 4x2, 17.450 euro
  • 1.5 Blue dCi Comfort 4x2, 19.200 euro
  • 1.5 Blue dCi Comfort 4x4, 21.400 euro
  • 1.0 Eco-G Comfort 4x2, 17.950 euro

Prestige

  • 1.0 TCe Prestige 4x2, 18.350 euro
  • 1.3 TCe Prestige 4x2 EDC, 22.850 euro
  • 1.5 Blue dCi Prestige 4x2, 20.100 euro
  • 1.5 Blue dCi Prestige Up 4x2, 20.600 euro
  • 1.5 Blue dCi Prestige 4x4, 22.300 euro
  • 1.0 Eco-G Prestige 4x2, 18.850 euro
  • 1.0 Eco-G Prestige Up 4x2, 19.150 euro

Extreme

  • 1.3 TCe Extreme 4x2 EDC, 23.550 euro
  • 1.5 Blue dCi Extreme 4x2, 20.800 euro
  • 1.5 Blue dCi Extreme 4x4, 23.000 euro
  • 1.0 Eco-G Extreme 4x2, 19.550 euro

Dacia Duster: concorrenti e conclusioni

Dacia Duster è un’automobile che con i suoi continui aggiornamenti cerca di limare sempre più i suoi difetti per diventare più versatile e trasversale che mai, senza dimenticare la sua anima robusta ed essenziale. Oggi gli interni più curati, il nuovo sistema di infotainment e i nuovi rivestimenti fonoassorbenti la rendono più silenziosa, comoda e tecnologica. La sicurezza e la guidabilità sono poi di buon livello, anche se ci sono tante rivali che offrono la guida autonoma di Livello 2, mentre tra le curve Duster è sempre comoda e sicura, ma ci sono SUV che si guidano meglio. Il vero cavallo di battaglia di Dacia Duster è però il suo incredibile rapporto qualità-prezzo.

Al prezzo di un’utilitaria, Duster offre spazio, versatilità e una ottima dotazione di tecnologia. In più, Duster è anche una delle pochissime vetture economiche dotate di trazione integrale, e in più la SUV romena è una delle vetture più capaci in off-road dell’intero listino attuale. In sintesi, la Dacia Duster è un veicolo economico che vuole essere usato senza troppe precauzioni, ed è capace di regalare divertimento quando si percorre un tracciato off-road.

Le concorrenti di Dacia Duster non sono così facili da individuare. Le rivali più simili sono Ford EcoSport e le cinesi DR 4.0 ed F35 e l’interessante MG ZS, che offre spazio e una qualità simile ad un prezzo addirittura inferiore. Tra le vetture convenzionali, invece, Dacia Duster è nel range di prezzo delle B-SUV come Volkswagen T-Cross, KIA Stonic, Hyundai Kona, FIAT 500X, SEAT Arona, Skoda Kamiq, Toyota Yaris Cross, Ford Puma e Jeep Renegade e molte altre. A livello dimensionale, però, le concorrenti di Dacia Duster sono le ben più costose Skoda Karoq, Volkswagen T-Cross, Jeep Compass, Hyundai Tucson, Peugeot 3008 e così via. Le rivali più accreditate sono però le Suzuki Vitara ed S-Cross: entrambe dotate di trazione integrale, la Vitara ha un prezzo simile ma è più piccola, mentre la recentemente ristilizzata S-Cross è più costosa, ma ha dimensioni pressoché identiche.

FAQ

Quanto costa Dacia Duster a GPL?

La versione da GPL di Dacia Duster, chiamata Eco-G e dotata del 1.0 turbo a doppia alimentazione benzina-GPL da 100 CV e 170 Nm parte da 14.150 nella versione super-spartana Access. Per una ben accessoriata Comfort, dotata di infotainment, climatizzatore, cruise control e altro servono almeno 17.950 euro.

Quando arriva Dacia Duster ibrida?

Per la generazione attuale di Dacia Duster non è prevista una versione ibrida. La motorizzazione E-TECH, apprezzata su diversi modelli Renault negli ultimi anni, debutterà su una Dacia con Jogger, il monovolume-Wagon-SUV della Casa: la versione ibrida arriverà nel 2023. Per una Duster elettrica, invece, bisogna attendere la prossima generazione.

Quando esce la nuova Dacia Duster?

La seconda generazione, lanciata nel 2018, sarà dei nostri fino al 2024. Tra poco più di due anni, infatti, arriverà la terza serie del fortunato SUV romeno. Sarà basata sulla nuova piattaforma CMF di Casa Renault, abbandonando la vetusta B0 dopo anni di onorato servizio. Il SUV romeno sarà dotato di una versione ibrida, e probabilmente anche di una elettrica.

Recensioni dei veicoli Dacia Duster

63 Recensioni

4,6