Fiat Campagnola diesel - comprare o vendere auto usate o nuove - AutoScout24

Fiat Campagnola diesel

Fiat Campagnola diesel: la 4x4 per tutti gli usi

Tra i 4x4 prodotti da Fiat la Fiat Campagnola diesel è sicuramente uno dei modelli che hanno goduto della maggior diffusione e, a distanza di diversi anni dal termine della produzione, sono ancora conosciuti e ricordati.La nuova 4x4 fu presentata alla Fiera del Levante di Bari del settembre 1951 con lo slogan "automobile che può servire da trattore pur avendo sospensioni e comodità da vettura modernissima". La Campagnola entrò subito in produzione in versione sia militare sia civile. Sul nuovo 4x4 fu installato un motore tipo 105 a benzina da 1.900 cc previsto anche per le vetture 1400 e del 1900 di imminente produzione. Fino al 1953, la Fiat Campagnola fu motorizzata benzina, solo successivamente arrivò anche la motorizzazione diesel. Il nuovo motore si rese necessario per ridurre i costi di gestione e aumentare le vendite del tipo civile del fuoristrada.

La Nuova Campagnola

Nel 1974 fu presentata la Nuova Campagnola che sarebbe rimasta in produzione per oltre un decennio, fino al 1987. Rispetto alla precedente versione, la Nuova Campagnola non era derivata nella meccanica da automobili ma era un fuoristrada ala 100% con, ad esempio, sospensioni indipendenti a barre di torsione e differenziali autobloccanti. Derivava, invece, da motori automobilistici il propulsore a benzina che era un derivato di quello installato sulle 131. Per migliorare le prestazioni fuoristrada, il motore automobilistico ebbe un incremento della cilindrata motore adottato fino a 1955 cc da 80 CV. Per avere disponibile la Nuova Fiat Campagnola diesel si dovette, però attendere, il 1979, quando, anche in risposta alle numerose richieste da parte del mercato, arrivò la Campagnola equipaggiata con un motore diesel 2500 cc da 72 CV, derivato da un motore SOFIM già montato in diverse conformazioni, sia in autovetture sia su veicoli commerciali del marchio del Lingotto. Rispetto alla gemella a benzina, la versione diesel aveva l'inconveniente di avere un rigonfiamento sul cofano motore: infatti il vano motore non fu riprogettato per accogliere il più ingombrante motore diesel e ciò produsse l'antiestetico bozzo. Il punto debole della Campagnola, rimaneva la bassa qualità degli esterni: i collezionisti spesso ancora oggi lamentano di come tenda facilmente ad arrugginirsi; purtroppo questo difetto era abbastanza comune tra alcuni modelli Fiat realizzati tra fine anni '70 e i primi anni '80. Rimaneva, per il mezzo, la predisposizione a compiti militari o di polizia: infatti ebbe per questi scopi allestimenti specifici e poteva essere utilizzato anche come mezzo da ricognizione, veicolo radio o posto di comando tattico.

Fiat Campagnola diesel: un gioiello per collezionisti nel mercato dell'usato

A differenza di quanto accaduto per la Campagnola, la Nuova Campagnola ebbe maggior successo nella motorizzazione diesel, visto che circa il 70% dei veicoli venduti presentava alimentazione a gasolio. Nonostante il grande successo, il veicolo non fu mai costruito su licenza da altre aziende o per altri mercati, se si eccettuano la versione realizzata in collaborazione con Renault limitata ad una serie prototipo di circa 20 esemplari per l'esercito francese e la versione 1107 JD costruita su licenza in Iugoslavia da un marchio locale. Non ci fu mai, inoltre, una terza generazione di Fiat Campagnola, ma il marchio del Lingotto denominò Campagnola una versione dell'Iveco Massif, distribuito sul mercato italiano, pur trattandosi di un mezzo totalmente diverso dalla Campagnola originale. L'interesse per la Campagnola, vista la sua ottima tenuta di strada e la bontà dei suoi motori, rimane alto nel mercato delle auto-usate soprattutto in quello di nicchia dei collezionisti, che hanno la possibilità di accaparrarsi un fuoristrada italiano ormai entrato nella storia. Alcune versioni specializzate (ad esempio quelle dei Vigili del Fuoco) si possono trovare in vendita in condizioni pessime ma ricercate dai collezionisti per restaurarle come auto d'epoca.